«

»

Nov 07

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Virtus Francavilla

Lo Stabia non riesce a battere la Virtus Francavilla, in un tardo pomeriggio di un martedì novembrino piovoso, che ha tenuto lontano il grande pubblico dal Menti, ottenendo il primo pari casalingo e subendo il primo gol al Menti con una sfortunata autorete, la terza stagionale dopo quelle di Bisceglie e Siracusa.

Contro la formazione allenata dall’ex calciatore di Udinese e Fiorentina, D’Agostino, Caserta e Ferrara hanno dovuto rinunciare allo squalificato Crialese e pure agli infortunati Dentice e Berardi, puntando su Branduani in porta, Morero, Bachini e Nava in difesa e arretrando Lisi sulla corsia sinistra e su un centrocampo folto composto dal milanista Mastalli, reduce dal turno di squalifica, Viola, Matute e l’esterno destro Canotto e il duo Paponi e Simeri in attacco.

Schieramento iniziale Juve Stabia – Virtus Francavilla. Foto SS.Juve Stabia.it

Nella Virtus Francavilla milita Daniel Di Nicola, figlio di quel Davide, centravanti importante dell’era Fiore, un promettente esterno sinistro che sogna di tornare a Castellammare, dove ha trascorso due anni di asilo ai tempi dello Stabia del padre e magari già a gennaio la società di Manniello potrebbe farci un pensierino per rinforzare la rosa a sinistra. Lo Stabia ha provato ad esprimere il suo solito gioco anche sotto un violento acquazzone, ma senza Crialese sulla corsia sinistra in difesa, Caserta non ha voluto schierare il giovane sconosciuto Gaye, proveniente dall’Afro Napoli, ma cambiare completamente modulo, rinforzando il centrocampo e arretrando Lisi, come facevano la scorsa stagione anche Fontana e Carboni, ma l’esperimento ha dato i suoi frutti solo nel primo tempo. Ad eccezione di un colpo di testa che comunque non ha centrato la porta di Branduani, la Virtus non si è resa mai pericolosa, mentre lo Stabia soprattutto con i cross di Canotto ha impensierito la porta di Albertazzi, fino a trovare il gol proprio allo scadere con Simeri, che ha sfruttato un’azione e un traversone dello stesso ex esterno del Trapani.

Nella ripresa D’Agostino inserisce Madonia e Mastropietro per Ayina e Folorunho, mentre Caserta ha dovuto subito fare a meno di Paponi per un infortunio ed entra Strefezza, e Simeri tenta un pallonetto dalla distanza, calciando però debolmente con la squadra ospite che gioca in avanti per cercare il pari. La fortuna viene incontro alla squadra di D’Agostino, che giunge al gol del pari con un colpo di testa nella propria porta di Bachini, che sorprende il bravo Branduani, che per tutta la gara non ha dovuto compiere la benché minima parata, se non una presa su un colpo di testa di Saraniti dopo un traversone pericoloso nel recupero. Purtoppo per tornare in vantaggio non basta un Lisi tornato su livelli accettabili e certamente non serve un apatico Mastalli, che infatti viene sostituito da D’Auria. L’attaccante subentrante comunque nemmeno incide sulla gara, ma lo Stabia reclama un rigore per un’evidente trattenuta su Morero in area avversaria, il quale rischia poi l’espulsione per una gomitata a Saraniti nel finale, subendo solo un cartellino giallo, la stessa sorte di Matropietro per un brutto intervento su Lisi, che prova a portare pericoli, trovando però scarsa collaborazione nei compagni, stanchi e provati per la trasferta di Matera e per questa gara combattuta sotto una pioggia incessante.

Insomma lo Stabia, dopo il pari beffardo di Matera, subisce un’altra beffa con la Virtus Francavilla, molto forte e combattiva in difesa, ma rinunciataria nella fase offensiva e ora, come ha dichiarato Caserta nel dopo gara sarà chiamato a fare risultato nella prossima trasferta a Cosenza di sabato contro il grande ex Braglia, suo maestro negli anni della B a Castellammare. L’ultima considerazione la rivolgo ai coraggiosi tifosi presenti al Menti, che hanno sfidato il tempo inclemente delle ultime ore, che ha costretto il Sindaco a chiudere persino le scuole cittadine, questo per amore della squadra del cuore, non sono stati tantissimi, ma il loro incitamento soprattutto dalla curva è stata l’unica luce di un martedì di novembre plumbeo e piuttosto opaco per il nostro Stabia.

Tabellini

Juve Stabia – Virtus Francavilla 1-1

Juve Stabia: 26 Branduani, 4 Morero, 7 Nava, 9 Simeri, 10 Paponi (7′ st 21 Strefezza), 15 Viola, 17 Matute, 18 Canotto, 19 Bachini, 23 Lisi, 24 Mastalli (36′ st 29 D’Auria). A disposizione: 1 Bacci, 25 Polverino, 5 Awua, 6 Allievi, 8 Capece, 11 Costantini, 13 Redolfi, 16 Gaye, 27 Zarcone, 28 Calò. All.ri Fabio Caserta-Ciro Ferrara.

Virtus Francavilla: 1 Albertazzi, 4 Prestia, 7 Ayina (1′ st 33 Madonia), 8 Biason, 9 Saraniti, 13 Pino, 18 Di Nicola (32′ st 16 Albertini), 20 Folorunsho (1′ st 28 Mastropietro), 25 Sicurella (39′ st 5 Buono), 30 Maccarrone, 35 Agostinone (41′ st 15 Delvecchio). A disposizione: 22 Battaiola, 36 Scarafile, 2 De Toma, 6 Gallu, 10 Viola, 11 Valotti, 34 Monaco. All. Gaetano D’Agostino.

Arbitro: Andrea Capone della sez. AIA di Palermo

Assistenti: Giorgio Rinaldi della sez. AIA di Roma 1 e Francesco Rizzotto della sez. AIA di Roma 2

Marcatori: 46′ pt Simeri (JS), 17′ st aut. Bachini (JS)

Ammoniti: Mastropietro (VF), Morero (JS)

Angoli: Juve Stabia 5, Virtus Francavilla 0

Recuperi: 1′ pt, 4′ st

Note: spettatori 536 per un incasso di 4.076,00 € (120 spettatori paganti per un incasso di 1.806,00 €, 416 abbonati per un incasso di 2.270,00 €).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*