«

»

Ago 27

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Fidelis Andria – Juve Stabia

Logo StabiAmorePrima di commentare il pari ricco di gol dello Stabia ad Andria, devo confermare l’incertezza e la confusione della nuova serie C, con il caso aperto dal ricorso della Vibonese, che potrebbe riportare il nostro girone a venti squadre, ma anche la mia soddisfazione per l’assenza della moviola in campo, che sta facendo molti danni in serie A e per la novità delle cinque sostituzioni nel corso della gara, un’innovazione positiva che favorisce una maggiore mobilità dei calciatori della panchina durante le gare.

Allo stadio di Andria questa volta sono mancati i tifosi stabiesi della curva, che hanno voluto protestare per il protarsi delle restrizioni, nonostante l’annuncio della cancellazione della tessera di identificazione, ma che forse si sono pentiti di non aver seguito la squadra, in una gara ricca di reti e di emozioni. Infatti Fidelis Andria Juve Stabia ha regalato sei reti e diverse emozioni, con tanti brividi per le incertezze di entrambi i portieri, Zanotti e Maurantonio. Evidentemente non è stato facile giocare, soprattutto per i portieri, su un campo in erba naturale, davvero in pessime condizioni e il duo Caserta Ferrara ha saputo adoperare l’innovazione delle cinque sostituzioni, facendo gli opportuni inserimenti in inferiorità numerica.

La rete di Paponi (foto LaPresse)

La rete di Paponi (foto LaPresse)

La guida tecnica ha preferito puntare su Zanotti in porta, Morero, Redolfi, Nava e Crialese in difesa e su un centrocampo composto dal milanista Mastalli, Capece e Viola e il tridente in attacco Lisi, Berardi e l’anconetano Paponi, grande protagonista in coppa contro l’Ascoli. La squadra di casa, allenata dall’ex barese Loseto, nel primo tempo, nonostante la superiorità iniziale delle vespe, ha avuto la fortuna di passare in vantaggio con Scaringella, che ha sfruttato un clamoroso doppio errore di Crialese e del giovane portiere Zanotti, proveniente dal Como.

Lo Stabia trova il pari su rigore, assegnato per un fallo su Paponi in area con il pallone lontano e da lui stesso realizzato con un tiro forte e preciso nell’angolo alla destra di Maurantonio.
La Fidelis pensava di poter tornare in vantaggio, ma non ha fatto i conti con la caparbietà di Paponi e l’errore di Maurantonio, che pensa bene di pareggiare i conti degli errori con il suo collega stabiese Zanotti, non riuscendo a trattenere la palla sul tiro bello, ma non irresistibile dell’ex attaccante del Bologna in A, che è stato una promessa del calcio italiano. Nell’ultima azione del primo tempo l’Andria sfiora il pareggio con un tiro di Scaringella in piena area di rigore, calciato malamente alto sulla traversa.

Nella ripresa l’Andria prima trova il pareggio con un bel tiro di Barisic, e poi la superiorità numerica per uno stupido fallo di Viola, che in possesso del pallone, rifila una gomitata al suo avversario, costringendo Caserta ad inserire Matute per Berardi e Allievi per Crialese e poi anche il nazionale bulgaro Atanasov per Redolfi, privando l’attacco della buona vena di Berardi, nazionale del San Marino.

Lo Stabia non solo riesce bene a gestire la gara in difesa, ma con una bel passaggio di Matute, finalizzato splendidamente da Mastalli, torna di nuovo in vantaggio. L’Andria non riesce a essere lucido e Caserta sfrutta tutti i cambi che consente il nuovo regolamento, inserendo Dentice per Nava e Costantini per Paponi.

Minicucci in gol (foto LaPresse)

Minicucci in gol (foto LaPresse)

Solo nel finale e con un’altra mezza incertezza di Zanotti su un tiro apparso forte, ma non imparabile, di Miniucci, la squadra di casa trova il gol del pareggio per la gioia del pubblico locale, che addirittura nei minuti di recupero sogna di potersi ritirare a casa con una vittoria, che però sarebbe stata a dir poco rocambolesca e sicuramente non meritata.

Lo Stabia come nella coppa Italia maggiore ha confermato di essere una buona squadra dalla cintola in su, con diversi problemi da risolvere in fase difensiva, nella quale il portiere Zanotti ha dimostrato in questo momento di essere indietro al collega Bacci come condizione psico fisica, ma con una coppia esperta come Atanasov e Morero in difesa, affiancata da validi esterni bassi, anche i portieri possono migliorare in sicurezza e nel rendimento, mentre a centrocampo Viola deve evitare stupidi falli, anche se a qualcuno la sua espulsione è apparsa esagerata, Capece e Mastalli hanno ben impressionato, cosi come il tridente d’attacco con Lisi, ancora lontano dalle sue migliori condizioni. Insomma, considerando che lo Stabia non giocherà la prossima settimana, sia che riposi, sia che debba affrontare la Vibonese, la sfida contro la quale andrebbe rinviata dopo il perfezionamento del mercato della squadra calabrese, la società può dedicarsi tranquillamente a concludere le ultime operazioni di mercato in entrata e in uscita, a cominciare da quelle di Zilbert, San Domenico e Rosafio, rinviando, possibilmente a gennaio quella di Cancellotti, a meno di irrinunciabili offerte, che naturalmente potrebbero valere anche per altri componenti della rosa attuale.

Tabellino

FIDELIS ANDRIA – JUVE STABIA 3-3 (RISULTATO FINALE)

FIDELIS ANDRIA (4-2-4): 1 Maurantonio; 14 Tiritiello, 4 Allegrini, 6 Rada, 21 Curcio; 8 Piccinni, 11 Matera; 7 Barisic (79′ – 23 Bottalico), 13 Scaringella (91′ – 2 De Giorgi), 10 Croce (69′ 16 Minicucci), 10 Lattanzio. (12 Antonacci, 22 Cilli, 2 De Giorgi, 3 Pipoli, 15 Cfarku, 16 Minicucci, 18 Ippedico, 19 Celli, 20 Di Cosmo, 23 Bottalico, 24 Paolillo). All. Loseto.

JUVE STABIA (4-3-3): 22 Zanotti; 7 Nava (79′ – 3 Dentice), 4 Morero, 13 Redolfi (74′ – 5 Atanasov), 14 Crialese (66 -‘ 6 Allievi); 24 Mastalli, 8 Capece, 15 Viola; 20 Berardi (66′ – 17 Matute), 10 Paponi (79’ – 11 Costantini), 23 Lisi. (1 Bacci, 25 Polverino, 3 Dentice, 5 Atanasov, 6 Allievi, 11 Costantini, 17 Matute, 18 Bachini, 21 Strafezza, 27 Rosafio, 28 Calò). All. Caserta.

ARBITRO: Daniele Viotti della sezione di Tivoli.

ASSISTENTI: Fernando Cantafio di Lamezia Terme e Gaetano Massara di Reggio Calabria.

NOTE
Reti: 9′ Scaringella (FA); 34′ e 40′ Paponi (JS); 54′ Barisic (FA); 68′ Mastalli (JS); 88′ Minicucci (FA)
Ammoniti: 6′ Crialese (JS); 28′ Redolfi (JS); 32′ Allegrini (FA)
Espulsi: 63′ Viola (JS)
Angoli: 6-2
Recupero: 2′ p.t.
Spettatori: 1587 (1019 abbonati). Incasso di 11.295,00 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*