«

»

Mag 08

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Taranto

Lo Stabia vince contro il già retrocesso Taranto solo all’ultimo minuto utile con un colpo di testa dell’italo svizzero Rosafio, subentrato a Cutolo, su un calcio d’angolo battuto da Kanoutè.

Logo StabiAmoreIl tecnico Guido Carboni, con tutti gli uomini a sua disposizione, prova inizialmente un modulo elastico un 4 4 2 a trazione offensiva, più un 4 2 4, ma nella ripresa torna al 4 3 3 con il solito Cutolo, che da punta, più mezza che intera, torna a fare l’esterno dopo l’inserimento di Capodaglio al posto di Lisi, oggi piuttosto in ombra, come peraltro tutta la squadra.
La difesa è composta da tutte riserve a cominciare dal portiere Bacci, al debutto in campionato, Camigliano, Allievi e Giron con l’esclusione di Cancellotti che rientra dalla squalifica assieme a Kanoutè e l’inserimento di Izzillo e Salvi a centrocampo e Cutolo mezza punta centrale con Paponi e gli esterni offensivi Lisi e l’ex attaccante di Ischia e Benevento.

Nel primo tempo lo Stabia, pur avendo una netta supremazia territoriale, non è riuscito a rendersi pericoloso, ad eccezione dell’azione di Izzillo che colpisce il palo in una gara piuttosto noiosa contro il Taranto dell’ex tecnico Ciullo, apparso deciso a difendere il risultato ad occhiali, nonostante la già avvenuta retrocessione. L’infortunio di Allievi nel primo tempo costringe Carboni ad inserire Morero, uno dei titolari tenuti a riposo anche perché in diffida, preferito a Santacroce e ad Atanasov.

Lo Stabia nella ripresa continua a tenere il pallino del gioco, ma a fare poco in fase offensiva, almeno fino a quando Capodaglio entrato al posto di Lisi, porta maggiori pericoli alla difesa ospite con il ritorno al modulo 4 3 3.

Foto LaPresse/Cafaro

Foto LaPresse/Cafaro

Kanoutè fallisce un gol solo davanti a De Toni e Paponi si fa respingere dallo stesso portiere un altro paio di facili occasioni, facendo rimpiangere il bomber Spider Ripa, che si riscalda, ma non entra perché Cutolo chiede il cambio a Carboni, che fa entrare l’esterno Rosafio al suo posto. E proprio Rosafio risolve la partita con un felice colpo di testa sull’ultima azione del recupero dopo il preciso angolo di Kanoutè, decidendo che il pubblico presente al Menti meritasse la vittoria in particolare gli splendidi ultras della curva e i tifosi dell’associazione StabiAmore, che oggi ha celebrato il suo quarto congresso in dieci anni di attività.

Non mi resta che commentare l’accoppiamento del primo turno dei play-off che vedrà il nostro Stabia protagonista della difficile sfida con il blasonato Catania, che si posiziona meglio della Fidelis Andria in classifica solo grazie alla migliore differenza reti e che si disputerà domenica prossima al Menti alle 15, è prevista anche la diretta tv su Rai Sport, con la consapevolezza che tutta la città si stringerà intorno alla squadra che la rappresenta e che grazie alla saggia decisione dell’anticipo a sabato della Processione del nostro Santo Patrono, non provocherà nessuna crisi spirituale o dei servizi di ordine pubblico e sicurezza.

Lo Stabia non è stata fortunato nel trovare il Catania come avversario del turno preliminare dei play-off, ma sono convinto che nemmeno la squadra etnea abbia gioito di questo accoppiamento contro una squadra che dispone di una rosa di tutto rispetto in grado di ambire ad essere un’assoluta protagonista dei play-off promozione in serie B con il vantaggio peraltro di giocare al Menti, avendo a disposizione anche il pari per passare il turno.

 

Tabellino

Juve Stabia: 1 Bacci, 2 Cancellotti, 7 Kanoute, 13 Camigliano, 14 Giron, 17 Salvi, 19 Izzillo, 20 Allievi (21′ pt 18 Morero), 23 Lisi (13′ st 4 Capodaglio), 33 Cutolo (25′ st 27 Rosafio), 35 Paponi. A disposizione: 22 Russo, 3 Liviero, 6 Santacroce, 8 Matute, 10 Marotta, 11 Manari, 21 Esposito, 24 Mastalli, 29 Ripa. All. Guido Carboni.

Taranto: 30 De Toni, 3 Pambianchi, 4 Nigro, 5 Paolucci, 7 Potenza, 11 Balistrieri (32′ st 9 Magnaghi), 14 Boccadamo, 28 Maiorano, 42 Emmausso (41′ st 26 Lo Sicco), 44 Guadalupi, 45 Magri. A disposizione: 46 Contini, 8 Sampietro, 13 De Salve, 16 Russo, 17 Balzano, 29 Viola, 33 Pirrone, 47 Cecconello. All. Salvatore Ciullo.

Arbitro: Marco Guarnieri della sez. AIA di Empoli.

Assistenti: Alessio Berti della sez. AIA di Prato e Dario Garzelli della sez. AIA di Livorno

Marcatore: 47′ st Rosafio (JS)

Ammoniti: Guadalupi (T), De Toni (T)

Angoli: Juve Stabia 12, Taranto 1

Recuperi: 4′ pt, 3′ st

Note: 1.474 spettatori, per un incasso complessivo di € 7.301,00 (paganti 702, per un incasso di € 2.127,00 + abbonati 772, per una quota partita di € 5.174,00)

Fonte tabellino SS. Juve Stabia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*