«

»

Dic 10

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Akragas

Logo StabiAmoreLo Stabia riprende la via della vittoria dopo la delusione di Andria, battendo l’Akragas ben oltre lo striminzito punteggio.

Fontana, non tanto per la sconfitta di martedì e l’episodio della rissa notturna a Pompei in cui sono stati coinvolti alcuni calciatori dello Stabia, ma per l’indisponibilità di Liviero, Atanasov e Amenta e i tanti impegni ravvicinati del campionato prima della sosta di gennaio, decide di far giocare Lisi esterno basso sinistro e Camigliano centrale e un centrocampo completamente rinnovato con la presenza di Izzillo, Esposito e il redivivo Zilbert a sostegno del tridente Marotta, Ripa e Sandomenico.
Questa volta la difesa stabiese non ha dovuto soffrire per la scelta della squadra agrigentina di chiudersi a riccio in difesa e lasciare al solo Gomez, ex di turno assieme a Carillo, il compito di qualche isolata azione di rimessa.

Nel primo tempo lo Stabia, pur attaccando in modo incessante, non ha avuto molte occasioni da rete, ma ha reclamato per tre episodi in area con Sandomenico e soprattutto Ripa toccati dai difensori e Izzillo è stato protagonista di una bella conclusione deviata sul palo dal portiere Pane.

Nella ripresa lo Stabia ha continuato ad attaccare e ha migliorato la qualità delle giocate offensive per l’ingresso di Kanoutè al posto di Sandomenico, e lo stesso esterno ex Ischia e Benevento ha segnato il gol che ha deciso la gara, proprio sul filo del fuorigioco, a pochi metri dal portiere dell’Akragas. Purtroppo lo Stabia non è riuscito a raddoppiare per la scarsa lucidità di Ripa e l’imprecisione nei passaggi finali dopo la solita buona manovra intessuta a centrocampo prima e dopo l’ingresso di Mastalli per un comunque più che discreto Esposito e così nei minuti finali l’ex Gomez ha messo un po’ di timore nei tifosi presenti al Menti, con una punizione dal limite calciata male, ma ben procurata.


Nel finale lo Stabia come ad Andria è apparso stanco e un’altra preoccupazione è stato l’infortunio a Camigliano, che come contro la Virtus Francavilla ha convinto come valida alternativa in difesa, e costretto Fontana ad inserire al centro della difesa un acciaccato Liotti, il quale dopo gli errori di martedì ha dimostrato di tenere alla maglia, accettando di giocare anche in precarie condizioni fisiche.

In conclusione lo Stabia rimane in corsa per il titolo d’inverno con il recupero importante dei minuti mancanti da disputare a Matera martedì 13 con inizio questa volta alle 14:30 e la trasferta di Taranto di domenica 18, ma tutte le concorrenti hanno dimostrato di essere in forma, segnando e vincendo, Matera e Foggia in trasferta con lo stesso risultato di tre a uno a Monopoli e Melfi, mentre la rimonta del Catania si è bloccata grazie alla vittoria del Siracusa in un derby siculo molto sentito.
Ai tifosi stabiesi, tornati al Menti non in gran numero, ma con tanta voglia di sostenere la squadra, non importa tanto diventare campioni d’inverno a dicembre, ma lottare per la promozione fino alla fine della stagione e per far questo nel mercato di gennaio la società deve intervenire con almeno un paio di validi acquisti, garantendo così a Fontana alternative valide per competere con le corazzate del nostro girone, il più equilibrato e difficile della lega pro.

Il tabellino

Juve Stabia: 22 Russo D., 2 Cancellotti, 8 Zibert, 10 Marotta, 11 Sandomenico (1’ st 7 Kanoute), 13 Camigliano (21’ st 14 Liotti), 18 Morero, 19 Izzillo, 21 Esposito (36’ st 24 Mastalli), 23 Lisi, 29 Ripa. A disposizione: 1 Bacci, 4 Capodaglio, 9 Del Sante, 17 Salvi, 20 Petricciuolo, 27 Rosafio, 30 Montalto. All. Gaetano Fontana

Akragas: 22 Pane, 2 Zanini, 3 Russo G., 4 Salandria, 5 Pezzella, 6 Carillo, 7 Salvemini, 9 Gomez, 15 Palmiero (45’ st 20 Coppola), 16 Cazè, 19 Sepe (24’ st 24 Leveque). A disposizione: 1 Addario, 10 Cocuzza, 13 Assisi, 14 Riggio, 17 Longo, 28 Gouveia. All. Raffaele Di Napoli

Arbitro: Armando Ranaldi della sez. AIA di Tivoli

Assistenti: Antonio Vono della sez. AIA di Soverato e Maurizio Cartaino della sez. AIA di Pavia

Marcatore: 5’ st Kanoute (JS)

Ammoniti: Russo G. (A), Cancellotti (JS), Lisi (JS), Palmiero (A)

Angoli: Juve Stabia 6, Akragas 1

Recuperi: 1’ pt, 3’ st

Note: spettatori 1.296, per un incasso totale di € 10.616,00 (paganti 524 per un incasso di € 5.442,00 + abbonati 772, per una quota partita di € 5.174,00).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*