«

»

Ott 24

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Paganese – Juve Stabia

Logo StabiAmoreLo Stabia vince al Marcello Torre di Pagani, accorciando lo svantaggio con il Lecce capolista, che dopo aver battuto la Virtus Francavilla in campionato e in coppa, perde per la prima volta al Cibali di Catania.

Fontana, che ha potuto tastare le riserve nella gara di coppa persa allo Zaccheria, ha optato per Lisi esterno basso al posto di Cancellotti e lo stesso tridente offensivo del poker con il Foggia, Sandomenico, Ripa e Marotta in campo, con l’identico centrocampo e il resto della difesa davanti a Nicola Russo, mentre Grassadonia ha dovuto rinunciare agli squalificati Marruocco e Alcibiade e a qualche altro acciaccato come Longo e l’ex Di Cuonzo.

Il Torre non ha ospitato un pubblico numeroso con la consueta ed ingiusta assenza della tifoseria stabiese, che in gran parte ha assistito alla gara davanti al maxischermo allestito nei pressi del Menti.
Ancora una volta c’è stato un gol in apertura dello Stabia e sempre Spider Ripa è salito sugli scudi, realizzando con il solito puntuale colpo di testa su assist di Capodaglio sugli sviluppi di un angolo.

Foto LaPresse/Cafaro

Foto LaPresse/Cafaro

Nel primo tempo, pur non brillando, lo Stabia ha costruito diverse occasioni, lasciando alla Paganese solo qualche azione sporadica e confusa, con qualche cartellino giallo di troppo, come unica nota negativa, rigori reclamati a parte da entrambe le squadre.
Ad inizio ripresa lo Stabia ha colpito ancora con Izzillo che ha messo dentro con un tiro preciso in piena area di rigore dopo un’azione felice sulla corsia sinistra di Sandomenico e lo stesso Ripa. Grassadonia, anche lui ex di turno come pure Maiorano, ha provato a far costruire le azioni dalle parti di Lisi, che non essendo un cursore difensivo come Cancellotti, ha avuto qualche difficoltà e la Paganese ha cominciato ad attaccare in modo più determinato, anche se spesso disordinato e poco efficace. Invece Fontana ha fatto cambi oculati, inserendo dapprima Kanoutè per Marotta, poi Salvi per Capodaglio, che ancora una volta ha dimostrato di essere un centrocampista importante e infine Rosafio, che aveva ben impressionato in coppa Italia per Sandomenico, il quale sta mostrando miglioramenti importanti, anche se non è ancora l’esterno offensivo che i tifosi si aspettavano. La Paganese è riuscita a segnare con Camilleri su un angolo, con un tiro che ha beffato Russo, meno colpevole però dei suoi colleghi di reparto, che hanno lasciato concludere il difensore salernitano.

Nel finale, lo Stabia è riuscito a controllare la Paganese, soffrendo un po’ solo in alcune mischie, dove però Reginaldo e compagni sono riusciti a combinare ben poco per poter pensare di agguantare una squadra organizzata e tenace come quella stabiese.

Domenica prossima il prossimo avversario sarà una delle squadre protagonista in vetta, il Cosenza, prima di una doppietta esterna, che farà da prologo alla super sfida del Menti contro il Lecce, la cui attesa sta già facendo trepidare tutti i tifosi stabiesi.

Tabellino

Marcatori: pt 4′ Ripa; st 3′ Izzillo, 22′ Camilleri

PAGANESE (3-4-2-1): Chiriac, Mansi (7′ st Herrera), Camilleri, Silvestri; Picone, Maiorano, Pestrin, Della Corte; Deli, Cicerelli (21′ st Celiento); Reginaldo (34′ st Iunco). A disp.: Coppola, Dicuonzo, Zerbo, Parlati, Caruso, Tagliavacche, Mauri. All.: Grassadonia

JUVE STABIA (4-3-3): Russo, Lisi, Atanasov, Morero, Liviero; Izzillo, Capodaglio (19′ st Salvi), Mastalli; Marotta (10′ st Kanoute), Ripa, Sandomenico (31′ st Rosafio). A disp.: Bacci, Amenta, Zibert, Del Sante, Camigliano, Liotti, Petricciuolo, Esposito, Montalto. All.: Fontana

Arbitro: Perotti di Legnano (Lacalamita – Viola)

Note: Spettatori 1000 circa. Allontanati dalla panchina: Fusco, Ferrigno, Rosati, Bocchetti e Giovani. Ammoniti: Liviero, Atanasov, Morero, Camilleri, Deli, Lisi, Izzillo, Ripa. Angoli: 5-4. Recupero: 2’pt, 4’st

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*