«

»

Set 26

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Unicusano Fondi-Juve Stabia

Logo StabiAmoreLo Stabia è colpito, ma non affonda al Purificato di Fondi, grazie ai gol di Lisi, che rimedia ai guasti causati nel primo tempo dagli errori in difesa ed in attacco.

Fontana ha dovuto rinunciare agli infortunati Capodaglio, Del Sante e Salvi ed allo squalificato Amenta, schierando la stessa difesa dell’ultima vittoria, con Izzillo a centrocampo e la conferma di Kanoute, Montalto e Marotta in attacco.

Nei primi minuti l’attaccante siciliano ex Trapani, ha mancato un paio di occasioni come nella gara col Siracusa, mentre la squadra laziale, guidata da Pochesci, con gli ex Albadoro e Bombagi, dopo aver impensierito Russo, ha affondato i colpi giusti, approfittando delle distrazioni della difesa, che si faceva infilare con grande facilità. Marotta ha provato a riaprire la gara, ma non riesce a concludere davanti a Baiocco, forse anche perché ostacolato e in un finale di tempo piuttosto falloso il Fondi sfiora persino il terzo gol.

Photo Andrea Martino

Photo Andrea Martino

Ma nella ripresa dopo il tentativo di Albadoro di segnare ancora, questa volta di testa, lo Stabia cambia volto con gli ingressi di Ripa e Sandomenico al posto degli spenti Marotta e Montalto,e soprattutto con quello di Lisi al posto del centrocampista centrale Esposito. Il Fondi rimane in dieci per la rapida doppia ammonizione di Bertolo, ma il merito della rimonta importante dello Stabia, checché ne dica Pochesci, allenatore dei laziali, che accusa l’arbitro nel dopo gara di aver scambiato la squadra stabiese con la Juventus, è tutto di Lisi, che realizza in pochi minuti una splendida doppietta.
Il primo gol è da dividere con Cancellotti, che realizza un cross preciso al millimetro, ma il secondo è una bella dimostrazione delle sue indiscutibili doti tecniche perché realizzato in acrobazia con una splendida sforbiciata, confermando quanto visto di buono nella scorsa stagione. Prima del secondo gol, Kanoute e Ripa, gettano sul fondo due favorevoli occasioni, mentre il finale di gara con lo Stabia proiettato in avanti, alla ricerca di un clamoroso sorpasso, è piuttosto confuso con l’attaccante ex Sorrento, che non riesce a concludere in mischia, davanti a Baiocco.

Tutto sommato, considerando gli errori del primo tempo e la scarsa attenzione difensiva, si può essere soddisfatti del primo pareggio stagionale, ottenuto peraltro in trasferta contro un discreto avversario, capace di ottenere finora risultati importanti, anche per merito della solidità societaria, che vanta una partnership con un importante istituto di ricerca.
I circa quattrocento tifosi stabiesi al seguito, tra i quali possiamo annoverare alcuni rappresentanti di StabiAmore, per il resto impegnati in questi giorni nelle Antiche Terme per l’iniziativa della Amatriciana Solidale, possono gioire alla fine come per una vittoria, anche se le altre squadre in testa hanno vinto tutte. Il capolista Foggia, dopo il derby vittorioso col Taranto, si trova addirittura ancora a punteggio pieno, ma i sostenitori dello Stabia, oltre al punto conquistato in terra laziale, hanno avuto un’altra conferma, la quinta dopo Catania, della consapevolezza che in questa stagione la loro squadra vuole giocare sempre per vincere e che domenica prossima contro la Vibonese, bisognerà riprendere subito a farlo, per evitare di arrivare alla grande sfida di domenica 16 ottobre al Menti contro il Foggia, con troppi punti di svantaggio nei confronti degli odiati satanelli.

Tabellino

UNICUSANO FONDI-JUVE STABIA 2-2

FONDI (4-3-3): Baiocco; Galasso, Signorini, Mucciante (21’ st Bertolo), Squillace; Bombagi, De Martino, D’ Angelo; Tiscione, Albadoro (17’ st Iadaresta), Calderini (30’ st Di Sabatino). A disp.: Coletta, D’Agostino, Battistoni, Guadalupi, Capuano, Addessi, Tommaselli, Pompei, Carcatella. All.: Pochesci.

Juve STABIA (4-3-3): Russo; Cancellotti, Atanasov, Morero, Liotti; Izzillo, Esposito (24’ st Lisi), Mastalli, Marotta (8’ st Sandomenico), Montalto (8’ st Ripa), Kanouté. A disp.: Bacci, Borrelli, Liviero, Zibert, Camigliano, Petricciuolo, Rosafio. All.: Fontana.

ARBITRO: Curti di Milano (Benedettino-Madonìa)

RETI: 11’ pt Albadoro (Uf), 28’ st Bombagi (Uf), 32’ st, 38’ st Lisi (J)

NOTE: prima della gara Gianluca Galasso, capitano dell’ Unicusano Fondi, ha posto un mazzo di fiori sotto la curva Iacuele in memoria di Andrea Sepe, giovane ex calciatore fondano prematuramente scomparso; grossa cornice di pubblico, serata tiepida; al 30’ st espulso Bertolo (Uf) per somma di ammonizioni; ammoniti De Martino, Albadoro, Signorini, Bertolo (Uf), Morero, Cancellotti (J); recupero 1’ pt, 5’st.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*