«

»

Set 12

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Monopoli – Juve Stabia

Logo StabiAmoreLo Stabia finalmente riesce a vincere a Monopoli, passando direttamente dal via, con un’ottima partenza e realizzando presto la rete sugli sviluppi di un calcio piazzato.

Il tecnico Fontana ha scelto di cambiare il centrocampo con il ritorno di Salvi dalla squalifica, schierato assieme ad Izzillo ed Esposito, ma era quasi una scelta obbligata, per il problema fisico che ha costretto Zilbert in panchina e confermare in attacco Marotta, Del Sante e Kanoute, che avevano ben giocato la gara precedente contro il Melfi, lasciando immutato il reparto difensivo.

Prima e dopo il gol di Del Sante, di testa a pochi passi dalla porta, lo Stabia ha fatto la gara, dimostrando di essere nettamente superiore al Monopoli, ma non riuscendo a trovare il raddoppio. Il Monopoli come il Melfi di domenica scorsa non riusciva a rendersi pericoloso nella metà campo stabiese, trovando le puntate offensive solo nella ripresa con l’ex stabiese, Montini, e il tiro di Pinto, che nel finale costringe Russo ad una superlativa parata.

Lo Stabia ha avuto il demerito di non saper chiudere la partita, ma anche il merito di saper soffrire e resistere agli attacchi della squadra di casa, che però ha provato a fare gol solo nella parte finale della gara, con l’eccezione del salvataggio di Morero sulla linea di porta, nell’unica azione degna di nota del Monopoli nel primo tempo.
Gli ingressi decisi da Fontana nella ripresa hanno ancora una volta coinvolto solo il settore offensivo, nonostante una brutta botta presa dal centrale Morero, che però rimane in campo fino alla fine e prima Sandomenico prende il posto di Marotta, poi il neo acquisto Montalto quello di Del Sante e infine Lisi entra per Kanoute, ma solo Sandomenico si procura una chiara occasione per segnare, mettendo a lato di Mirarco.

Alla fine il Monopoli sfiora ancora il pari, ma Amenta riesce a fare un grande intervento difensivo quasi sulla linea di porta, dimostrando che l’età avanzata, calcisticamente parlando, può rappresentare una ricchezza d’esperienza nel settore difensivo di una squadra, che peraltro ancora una volta ha dimostrato di avere un buon impianto di gioco e discrete attitudini tecniche.

La vittoria di Monopoli fa morale e classifica in vista del doppio impegno casalingo di mercoledi sera contro il Messina e di domenica sera contro il Siracusa in un Menti che si annuncia pieno di entusiasmo e di amicizia anche con le tifoserie avversarie. Intanto il viaggio di ritorno dei tanti tifosi stabiesi da Monopoli diventa una passeggiata di piacere, sognando un campionato di vertice, nonostante gli inviti di Fontana a lavorare sugli errori, che pure ci sono stati in questa prima storica vittoria al Veneziani, e soprattutto a cambiare l’atteggiamento mentale nei minuti finali, che non può essere assolutamente rinunciatario per la squadra di Castellammare di Stabia.

Tabellino

S.S. MONOPOLI 1966: 22 Mirarco; 6 Ricucci, 4 P. Esposito, 30 Bacchetti, 19 Pinto; 8 Viola, 16 Franco(1’st 23 Montini), 28 Nicolini; 21 Balestrero(21’st 18 Mouzakitis); 9 Genchi, 10 Gatto(39’st 11 D’Auria). All.: Zanin. A disp.: 1 Pellegrino; 2 Cassano, 17 De Vito, 13 Sounas, 29 Padalino, 7 Difino, 15 Mavretic, 3 Mercadante.
S.S. JUVE STABIA: 22 Russo; 2 Cancellotti, 6 Amenta, 14 Liotti, 18 Morero; 21 G. Esposito, 19 Izzillo, 17 Salvi; 7 Kanoute(38’st 11 Sandomenico), 9 Del Sante(32’st 30 Montalto), 10 Marotta(24’st 23 Lisi). All.: Fontana. A disp.: 1 Bacci; 26 Borrelli, 5 Atanasov, 8 Zibert, 20 Petricciuolo, 24 Mastalli, 27 Rosafio, 29 Ripa.
Arbitro: Vincenzo Fiorini di Frosinone. Assistenti: Francesca Di Monte di Chieti e Giulio Basile di Chieti.
Ammoniti:
Ricucci(M); Morero, Russo, Amenta, Cancellotti, Montalto(J); Espulsi: -.
Note: recupero 2′ p.t., 5′ s.t.; angoli 6-5; campo in discrete condizioni; cielo nuvoloso; divise biancoverde per il Monopoli, gialloblu per la Juve Stabia. Spettatori totali 1836 di cui 138 da Castellammare di Stabia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*