«

»

Set 05

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Melfi

Logo StabiAmoreLo Stabia passeggia col Melfi, realizzando due reti per tempo, e mettendo in mostra nella prima al Menti un gioco efficace e l’ottima prova di Liotti ed Izzillo, goleador di giornata e migliori in campo assieme all’ex Akragas Zilbert.

Il tecnico Fontana, che ritornava al Menti dopo le stagioni da calciatore nell’era Fiore, ha scelto di cambiare tre calciatori rispetto alla sconfitta del Cibali, Izzillo per lo squalificato Salvi, ma era una scelta obbligata, Esposito e Kanoute per Mastalli e Lisi come novità tecniche al centro del campo e in fase offensiva.
Anche prima dell’episodio dell’espulsione del portiere del Melfi, Gragnaniello, per un fallo netto su Liotti fuori area, lo Stabia ha dimostrato di essere nettamente superiore ad una squadra, che la scorsa stagione retrocesse nei play out per essere poi ripescata, capace però di battere la Casertana nella prima giornata. Il Melfi praticamente ha giocato solo per difendersi, lasciando qualche rara puntata offensiva solo all’ex stabiese, Gammone e crollando già nel primo tempo sotto i colpi di Izzillo e Marotta, che nell’occasione del raddoppio ha più meriti dell’ex centrocampista dell’Ischia, che si è limitato a ribadire di testa in porta, praticamente un gol già fatto dall’ex esterno della Frattese.

Il tecnico degli ospiti, Nicola Romaniello, ha dovuto cambiare portiere, dopo l’espulsione, inserendo il secondo Sciretta al posto della punta Defendi, ma non ha mai dato l’impressione di poter cambiare l’inerzia di una gara stradominata dalle vespe, dall’inizio alla fine. Il terzo gol poteva venire già alla fine del tempo, se Del Sante, non avesse mancato una facile occasione, molto ben congeniata da Marotta e Kanoute, abile a recuperare palla anche in occasione del gol di Izzillo, che sblocca la gara e se la traversa non avesse impedito alla palla di finire in rete in seguito ad uno splendido pallonetto di Zilbert dalla metà del campo. Nella ripresa sono venuti subito altri due gol con Liotti, che è rimasto in campo con una vistosa fasciatura all’arto inferiore dopo il fallo subito in occasione dell’espulsione, e finalmente pure con la punta centrale Del Sante, che ha colpito pure un’altra traversa, prima di essere sostituito da Ripa. Fontana ha deciso di cambiare pure gli esterni, inserendo ad inizio ripresa Sandomenico per Marotta e poi Lisi per Kanoute, ma la gara ad un certo punto è diventata pura accademia con lo Stabia, che ha risparmiato altre reti, nonostante la voglia di segnare di Ripa, che nel finale ha sbagliato clamorosamente la quinta rete, calciando addosso a Sciretta a pochissimi metri dalla porta del Melfi.

Dopo la delusione della prima gara, questa facile vittoria rinforza l’entusiasmo dei tifosi, che nelle ultime ore tra abbonamenti e biglietti, hanno riempito la tribuna e la curva del Menti, dopo la freddezza iniziale e in attesa dell’apertura del settore dei distinti con le iniziative proposte dal nuovo responsabile marketing della società. Nel frattempo le scene finali di esultanza assieme alla squadra, che i tifosi della curva ripropongono da anni, sono corroborate dalla riproposizione in salsa stabiese della coreografica manifestazione di tifo, offerta dagli islandesi agli ultimi europei in terra francese, forse la l‘azione più bella di tutta la gara, senza offesa per le quattro reti, determinate da una differenza troppo netta, a tratti persino imbarazzante, tra lo Stabia e il Melfi.

Tabellino

JUVE STABIA (4-3-3): Russo; Cancellotti, Amenta, Morero, Liotti; Esposito, Zibert, Izzillo; Marotta (3′ s.t. Sandomenico), Del Sante (18′ s.t. Ripa), Kanoute (25′ s.t. Lisi). All.: Fontana.

MELFI (4-4-2): Gragnaniello; Laezza, De Giosa, Grea, Nicolao; Bruno, Esposito, Cittadino, Gammone (25′ s.t. Pompilio); Defendi (27′ p.t. Sciretta), De Vena. All.: Romaniello.

ARBITRO: Manuel Volpi di Arezzo

ASSISTENTI: Fernando Cantafio di Lamezia Terme – Dario Cucumo di Cosenza

MARCATORI: 30′ p.t. e 38′ p.t. Izzillo; 1′ s.t. Liotti; 5′ s.t. Del Sante

AMMONITI: Cancellotti (JS); De Giosa, Bruno, De Vena (M)

ESPULSI: Gragnaniello (M) al 24′ p.t. per gioco scorretto ai danni di Liotti (JS)

CORNER: 4 – 2

NOTE: 3′ rec. p.t.; 3′ rec. s.t. – 1476 spettatori (inclusi 665 abbonati) per un incasso complessivo di € 14.773,44

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*