«

»

Lug 30

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di Tim Cup: Livorno vs Juve Stabia

Logo StabiAmoreLe attese non sono state tradite in questo esordio stagionale dello Stabia, che sbanca il Picchi di Livorno, peraltro per la prima volta nella storia, mettendo in mostra qualità individuali e di squadra, con tre reti e un rigore sbagliato e conquistando con pieno merito la qualificazione al secondo turno della coppa Italia maggiore, dove incontrerà il Novara.

Il calcio d’estate di solito non è così vivace e spettacolare, la speranza è che anche quello delle altre stagioni sia altrettanto divertente e soprattutto soddisfacente come questa gara di coppa di fine luglio. Il nuovo tecnico Fontana ha disposto la squadra con un 4 3 3 di zemaniana memoria, con il nuovo portiere Russo, che è uno dei grandi acquisti di questo mercato effervescente della società di Manniello, Atanasov e Liotti centrali difensivi, Cancellotti e il rientrante Liviero sulle corsie laterali, Izzillo, e i nuovi Capodaglio e Zibert a centrocampo con Lisi, Del Sante e Marotta come trio in fase offensiva, dovendo rinunciare agli altri nuovi acquisti importanti come Sandomenico, Morero, Kanoute e anche a Salvi per precauzione.
Anche Foscarini. L’ex Ferguson di Cittadella, ha dovuto rinunciare a diversi calciatori importanti, schierando il suo solito 5 3 2 con l’ex Cellini in fase offensiva, che nel primo tempo è riuscito a rendersi pericoloso, oltre a realizzare dal dischetto il gol, che ha illuso il Livorno di poter rimontare lo Stabia.

In effetti la squadra stabiese ha realizzato due reti con Liotti, sugli sviluppi di un angolo e con annessa dedica al padre, e dopo una bellissima azione corale con Del Sante, che avrebbe potuto segnare ancora se Falcone non avesse compiuto una bella parata, pur subendo alcune azioni dal Livorno, nelle quali però Russo ci ha sempre messo la sua pezza. Il portiere stabiese ha visto la palla finire alle sue spalle solo su un rigore, peraltro dubbio, realizzato proprio da quel Cellini, che in serie B con il nostro Stabia ha vissuto certamente una delle peggiori stagioni di una carriera, per il resto davvero prolifica di reti sia in B che in C. Lo Stabia dopo pochi minuti ha dovuto pure effettuare un cambiamento tattico per l’infortunio di Liviero, che ha dato spazio ad un altro grande acquisto, l’ex difensore del Lanciano Amenta, che ha affiancato il bulgaro Atanasov al centro della difesa, con lo spostamento di Liotti sulla corsia sinistra dell’ex calciatore della Juve.

La squadra però ne ha guadagnato in affidabilà ed esperienza in fase difensiva, pur continuando a subire alcune azioni pericolose dal Livorno che però poi nella prima parte della ripresa è stato letteralmente travolto dallo Stabia, che ha fallito pure un rigore con lo sloveno Zibert, che prima si è fatto respingere il tiro da Falcone e poi ha colpito la traversa sulla ribattuta, prima di segnare una splendida terza rete con un colpo di testa basso di Del Sante su ottima giocata e delizioso assist di Marotta, ex esterno offensivo della Frattese, destinato a essere una buona alternativa a Sandomenico, altro colpo di mercato e allo stesso Lisi, grande protagonista della passata stagione e uno dei migliori anche al Picchi. Il Livorno si è ripreso nell’ultima parte del secondo tempo anche per l’ingresso in campo della stella Vantaggiato, che ha impegnato severamente Russo soprattutto su un calcio piazzato dal limite, ma il portiere stabiese ha compiuto un paio di ottimi interventi anche su altri calciatori del Livorno, che però ha rischiato di subire il quarto gol dallo Stabia con il redivivo spider Ripa, che ha preso il posto di uno stanco Del Sante, che oltre a realizzare una bella doppietta, ha sbagliato pure il terzo gol con un goffo tentativo di pallonetto, solo davanti a Falcone.

Nel recupero anche l’italo svizzero Rosario, che ha sostituito l’ex Akragas Zilbert, si è fatto respingere il tiro dallo stesso portiere del Livorno, che da parte sua ha provato a segnare fino alla fine. Insomma la gara è stata ricca di reti e di occasioni con grandi parate da una parte e dall’altra, ma lo Stabia ha mostrato ottime trame di gioco, nonostante un Capodaglio ancora timido e qualche errore difensivo ai quali hanno posto rimedio l’esperienza di Amenta e la bravura di Russo, mentre la squadra ha giocato molto bene con gli esterni sia difensivi che offensivi, al contrario di un Livorno, che comunque è destinato a fare un campionato di vertice nel girone di appartenenza.

Insomma si prospetta una stagione davvero importante per la nostra squadra del cuore che stasera ha dimostrato di poter fare molto bene nel suo girone, considerando il resto degli acquisti e il possibile arrivo di un bomber di razza, che diventerebbe la classica ciliegina su una torta che, nella prima gara di coppa Italia, è apparsa già dotata di una certa prelibatezza e spettacolarità.
La speranza di tutti gli amanti dello Stabia, è che non sia solo il sogno di una bellissima notte di calcio di mezza estate.

Tabellino

Livorno: 12 Falcone, 21 Gonnelli, 11 Lambrughi, 3 Pirrello, 2 Toninelli, 15 Gemmi (43’ st 24 Testa), 14 Marchi, 17 Ferchichi, 16 Grillo (35’ st 19 Morelli), 9 Cellini, 18 Di Curzio (23’ st 10 Vantaggiato). A disposizione: 1 Romboli, 22 Vono, 4 Macera, 5 Borghese. All. Claudio Foscarini.

Juve Stabia: 1 Russo, 2 Cancellotti, 3 Liviero (13’ pt 13 Amenta), 4 Capodaglio, 5 Atanasov, 6 Liotti, 7 Zibert (40’ st 16 Rosafio), 8 Izzillo, 9 Del Sante (33’ st 18 Ripa), 10 Marotta, 11 Lisi. A disposizione: 12 Bacci, 14 Servillo, 15 Esposito, 17 Matassa, 22 Mascolo. All. Gaetano Fontana.

Arbitro: Fabio Piscopo della sez. AIA di Imperia

Assistenti: Roberto Margheritino della sez. AIA di Savona e Massimiliano Magri della sez. AIA di Imperia

IV Ufficiale: Andrea Tursi della sez. AIA di Valdarno

Marcatori: 20’ pt Liotti (JS), 22’ pt e 11’ st Del Sante (JS), 26’ pt rig. Cellini (L)

Ammoniti: Amenta (JS), Marchi (L)

Angoli: Livorno 6, Juve Stabia 7

Recuperi: 1’ pt, 3’ st

Note: 7’ st Falcone (L) para un calcio di rigore a Zibert (JS); spettatori 2.031, per un incasso di € 12.024,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*