«

»

Dic 19

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Lupa Castelli Romani – Juve Stabia

Logo StabiAmoreLo Stabia non poteva fallire la prova di Rieti contro la Lupa Castelli Romani, fanalino di coda, dopo il disastroso pareggio nel derby con l’Ischia e finalmente torna a vincere, seppure con tanta fatica, forse troppa.

Nel primo tempo la stessa formazione schierata all’inizio con l’Ischia ha deluso fortemente, non riuscendo a trovare le soluzioni giuste per fare gol all’ultima della classe, capace di fare solo cinque punti in quindici partite e anche lo spostamento di Biccio Arcidiacono in attacco dietro o affianco le punte Gomez e Nicastro non ha dato gli esiti sperati. Bisogna però considerare che il gol del vantaggio della squadra laziale è stato determinato dal netto errore di Polito sulla conclusione non certo irresistibile di Strasser, il calciatore più prestigioso della Lupa Castelli, ex centrocampista del Milan di Berlusconi. Tranne l’occasione iniziale sprecata da Nicastro, lo Stabia ha fatto davvero poco per cercare di segnare, facendo arrabbiare non poco i pochi tifosi giunti da Castellammare, che si sarebbero aspettati un’immediata reazione dopo il pareggio rocambolesco di sabato scorso.

Nella ripresa Zavettieri cambia completamente il volto della squadra inserendo subito Cancellotti al posto di De Risio e poi Celin per Romeo e Bombagi per Favasulli, alternando in attacco il 4 3 3 con il 4 2 3 1, il 4 3 1 2 e il 4 4 2. Il pareggio è giunto proprio sull’asse dei nuovi entrati con Bombagi che sferra un gran tiro respinto dal portiere capitolino Caio, che capitola poi sulla successiva azione con il brasiliano Celin, bravo a rimettere al centro per Nicastro abile ad evitare il fuorigioco, tenendosi dietro la linea del pallone, depositato poi facilmente in fondo al sacco. La squadra allenata da Cioci ha avuto l’occasione per ripassare in vantaggio con una mancata girata in area di rigore, ma anche lo Stabia con Biccio su azione e sugli sviluppi dei calci piazzati ha prodotto le sue manovre in fase d’attacco. Proprio da un calcio piazzato battuto da Contessa sull’out sinistro ancora una volta Nicastro, questa volta di testa, ha messo dentro la palla di un’importante vittoria per le vespe, che tornano finalmente a respirare in classifica.

Nicastro diventa l’attaccante più prolifico della squadra, che nel prossimo turno di sabato sera al Menti contro il Monopoli potrebbe ritrovare Ripa dopo un lungo infortunio, ma la squadra deve ancora migliorare molto sul piano del gioco, della giusta concentrazione difensiva e della mentalità adeguata in fase offensiva. Solo se Zavettieri saprà lavorare in tutte le direzioni si potrà praticare un gioco efficace, che sappia riportare lo Stabia nelle posizioni che le competono per blasone, ma anche per la forza di una rosa, falcidiata da una lunga serie di infortuni e che necessita nel mercato di gennaio di pochissimi ritocchi per rinforzare la panchina, soprattutto se non ci saranno cessioni importanti.

Il tabellino

Lupa Castelli Romani: 1 Gobbo Secco, 2 Rosato, 3 Carta, 4 De Gol, 5 Petta, 6 Aquaro, 7 Morbidelli, 8 Strasser, 9 Scardina (32’ st 18 Mastropietro), 10 Roberti, 11 Kosovan (39’ st 16 Mancini).  A disposizione: 12 Tassi, 13 Mazzei, 14 Proietti, 15 Scicchitano, 17 Ricamato. All. Franco Cioci

Juve Stabia: 1 Polito, 2 Romeo (24’ st 20 Celin), 3 Contessa, 4 Obodo, 5 Polak, 6 Migliorini, 7 De Risio (1’ st 16 Cancellotti), 8 Favasuli (15’ st 18 Bombagi), 9 Gomez, 10 Arcidiacono, 11 Nicastro. A disposizione: 12 Modesti, 13 Carillo, 14 Mileto, 15 Liotti, 17 Carrotta, 19 Caserta, 21 Vella, 22 Gatto. All. Nunzio Zavettieri

Arbitro: Salvatore Guarino della sez. AIA di Caltanissetta

Assistenti: Stefano Cordeschi della sez. AIA di Isernia e Giuliano Parrella della sez. AIA di Battipaglia

Marcatori: 8’ pt Strasser (LCR), 26’ st e 45’ st Nicastro (JS)

Ammoniti: Rosato (LCR), Favasuli (JS), Kosovan (LCR), De Risio (JS), Romeo (JS), De Gol (LCR), Scardina (LCR), Obodo (JS), Roberti (LCR), Gomez (JS), Gobbo Secco (LCR)

Angoli: Lupa Castelli Romani 1, Juve Stabia 5

Recuperi: 2’ pt, 3’ st

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*