«

»

Feb 15

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Reggina-Juve Stabia

Logo StabiAmoreDopo una settimana di polemiche per la questione del minuto di recupero non concesso contro il Martina e le dichiarazioni di Manniello contro una parte della stampa e Lotito, che in parte hanno oscurato gli errori di Pancaro e la sua contrapposizione con Caserta, la gara di Reggio Calabria poteva rappresentare una svolta nella stagione dello Stabia. (risultati e classifica qui).

La prestazione ancora incolore della squadra, condita dall’ennesimo pari, mantiene i riflettori accesi sulla crisi dello Stabia, che non riesce a ritrovare la via del gioco e della vittoria, subendo anzi per gran parte della gara le azioni offensive della squadra calabrese allenata da Alberti. Pancaro, nonostante gli infortuni di Lepiller e Maiorano, si ostina a non far giocare Caserta, confermando la stessa formazione del pari interno con il Martina con il solo Jiday al posto del neo acquisto proveniente dal Catanzaro e il modulo 4 3 3, che non riesce però a far esprimere alla squadra trame di gioco accettabili.Nel primo tempo non si contano tiri in porta per lo Stabia, mentre la Reggina sfiora il gol in un paio di circostanze con Masini e la buona prestazione di Di Lorenzo che gioca sulla corsia esterna, correndo anche per gli esperti Cirillo ed Aronica.

Nella ripresa la squadra stabiese concede qualche timido segnale di gioco offensivo, ma ancora una volta non convincono i cambi di Pancaro che inserisce Burrai per Bombagi e poi Ripa per Carrozza e Gammone per La Camera, rivoluzionando inutilmente il modulo che anche con più attaccanti in campo non riesce a produrre giocate offensive di un certo rilievo. Le sostituzioni di Alberti sono difensive anche per l’infortunio dell’esperto portiere Belardi, ma il paradosso è che l’espulsione nel finale di Cancellotti, peraltro uno dei pochi in casa stabiese a meritare un voto positivo, mette la Reggina nelle condizioni di poter attaccare in superiorità numerica, ma con un difensore al posto di un attaccante, che è entrato per marcare Ripa in un assetto offensivo stabiese più spregiudicato. La doppia traversa nella stessa azione della Reggina, sulla seconda della quale Pisseri ha compiuto un prodigioso intervento, lascia i padroni di casa con l’amaro in bocca di una vittoria mancata, ma gli stabiesi non possono gioire più di tanto per un pareggio che serve a poco in classifica anche in considerazione della vittoria del Lecce a Pagani, che rende complicata anche lotta per mantenere le posizioni utili nella griglia dei play-off.

Insomma restano attuali le considerazioni di chi reclama una svolta tecnica in una fase delicata della stagione, ma anche il partito di Pancaro trova qualche motivo di soddisfazione per aver evitato la capitolazione a Reggio Calabria e in attesa di poter ritrovare gioco e vittorie con il recupero di Lepiller, a partire dalla prossima giornata di campionato sabato alle 14 30 contro la Paganese in un derby che si annuncia difficile e ancora una volta senza la presenza della tifoseria ospite come nella gara di andata.

Tabellino

Reggina: 1 Belardi (22’st 12 Kovacsik), 2 Di Lorenzo, 3 Benedetti, 4 Cirillo, 5 Aronica, 6 Zibert, 7 Gallozzi (32’st 17 Ungaro), 8 Armellino, 9 Balistreri (35’st 18 Viola), 10 Maimone, 11 Masini. A disposizione: 13 Camilleri, 14 Louzada, 15 Mazzone, 16 Salandria. All. Roberto Alberti.

Juve Stabia: 1 Pisseri, 2 Cancellotti, 3 Contessa, 4 La Camera (33’st 17 Gammone), 5 Polak, 6 Migliorini, 7 Nicastro, 8 Jidayi, 9 Di Carmine, 10 Bombagi (18’st 16 Burrai), 11 Carrozza (20’st 18 Ripa). A disposizione: 12 Santurro, 13 Romeo, 14 Liotti, 15 Caserta. All. Giuseppe Pancaro.

Arbitro: Antonio Eros Lacagnina della sez. AIA di Caltanissetta.

Assistenti: Salvatore Stasi della sez. AIA di Barletta e Luigi Lanotte della sez. AIA di Barletta.

Ammoniti: Cancellotti (J), Cirillo (R), Armellino (R), Masini (R)

Espulsi: 41’st Cancellotti (J) per somma di ammonizioni.

Angoli: Reggina 6, Juve Stabia 2.

Recupero: 1’ pt – 5’ st.

Note: spettatori 2.592 per un incasso totale di € 16.544,76 (2245 abbonati per una quota di € 12.405,76; 347 paganti per un incasso di € 4.139,00).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*