«

»

Feb 12

PALLAVOLO: Italbed Stabia, la femminile travolge il Pozzuoli e il misto vola

Quel 3-2 subito a Pozzuoli lo scorso novembre non era andato giù a nessuno in casa Italbed Stabia.
Le ragazze di mister Aiello aspettavano con ansia questa partita per far dimenticare ai tifosi l’opaca prestazione dell’andata, quando nonostante tanta grinta e determinazione, non riuscirono a portare a casa il risultato.

L’avevano preparata tanto, in settimana, questa gara. Le ragazze sono arrivate all’appuntamento, cariche, fiduciose, consapevoli di essere una grande squadra e di potersela giocare fino in fondo. L’obiettivo, certo, era, quella voglia di rivincita che bramava nell’animo di tutti, ma una vittoria erano importante anche e soprattutto per scalare ulteriormente la classifica.

La palestra della “Bonito”, sabato sera, si è riempita del pubblico delle grande occasioni, con una vera e propria “Curva sud” che ha tifato a squarciagola dal primo all’ultimo punto.

Si è subito vista una squadra diversa rispetto all’andata, più concentrata. Le ragazze dell’Italbed stabia hanno concesso poco alle avversarie. Attente su ogni palla, attacchi perfetti, battute vincenti sono stati gli ingredienti per un netto 3-0 con parziali di 25-17, 25-19, 25-17. Rispetto alla gara a Pozzuoli, la squadra ospite è stata molto distratta, in campo lasciavano vere e proprie voragini che rendevano, talvolta, vita fin troppo facile alle ragazze della femminile.

Ognuno di loro ha dato un contributo importante per questa vittoria. Ma guai a parlare di singoli o di individualismi in casa VBS. E’ stato una vittoria del gruppo, come sottolinea Roberta di Martino: “ Dopo tanti 3-0 credo che quasi per tutti questa sia stata la più grande vittoria, non solo per la classifica ma perché c’era da mettersi in gioco per un’alta gratificazione: lo spirito di squadra. Non potevamo accontentarci di una vittoria mediocre. Dovevamo vincere con la grinta, la gioia e soprattutto dimostrando l’appartenenza alla nostra squadra. Affermo con soddisfazione che c’è stato un gran gioco di squadra e con squadra intendo tutti quelli che ne fanno parte in ogni veste e ruolo perché il calore, il tifo e la voglia di vincere sono stati percepiti da tutti. Ci siamo aiutate a vicenda gareggiando con stime reciproca perché abbiamo sentito davvero il bisogno dell’altra. La strada del ritorno è tutta da vivere facendo tesoro del grande slancio ricevuto sabato sera”.

3 punti e secondo posto in classifica a due sole lunghezze dalla vetta e con una partita in meno . Prossimo appuntamento sabato prossimo sul campo difficile dell’Ercolano.

Intanto continua a mietere vittime la squadra mista che Domenica sera, in quel di Volla ha conquistato una vittoria netta sebbene qualche solita distrazione. Fabio Attia, opposto titolare  di quella che si è rivelata una squadra coriacea e di successo nonostante la mancanza degli elementi che hanno contribuito a renderla vittoriosa la scorsa stagione, parla così di questa esperienza : “Il girone di andata è terminato e nonostante un turno in meno  i risultati parlano da soli (classifica inclusa). All’ inizio eravamo un gruppo un po’ confuso e scricchiolante, ma credo che questo tempo sia servito a molto: in  primo luogo  a creare una squadra e secondariamente  a diventare  amici. Detto ciò nel ritorno si farà  meglio dell’ andata perché le nazionali ci aspettano e non vogliamo deludere nessuno  in quanto abbiamo un nome e una storia da difendere.” Prossimo incontro casalingo Lunedì 16 ore 21 tra le mura della Bonito contro la compagine napoletana della Volleyworld ,l’unica sconfitta subita dall’open misto.

Successi contornati dal riconoscimento della Volleyball Stabia come società dell’anno per la stagione sportiva 2013/2014 dal Centro Sportivo Italiano di Napoli.

Addetto stampa Vbs 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*