«

»

Gen 12

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Catanzaro

Logo StabiAmoreLo Stabia sconfigge il Catanzaro grazie ad un gol di Nicastro nel recupero in una gara non brillante, dove la squadra è apparsa piuttosto stanca ed appannata a pochi giorni dalla beffarda sconfitta interna col Benevento, che ha lasciato il segno in tutto l’ambiente.  (risultati e classifica qui).

Questa volta però è andata bene dopo un primo tempo non eccelso, nel quale comunque Lepiller ha colpito altri due legni su calci di punizione e sfiorato la porta in un altro paio di circostanze.

Pancaro ha scelto di operare un solo cambio nella formazione iniziale, optando per Polak al posto di Romeo, uno dei peggiori nel derby dell’Epifania contro gli stregoni ed effettuando cambi finalmente positivi nella ripresa. Il Catanzaro di Sanderra, che ha sostituito Moriero da qualche tempo, ha scelto un’impostazione tattica decisamente difensiva, che però tutto sommato stava dando i suoi frutti fino al gol stabiese nei minuti di recupero. Pancaro ha avuto anche il merito di tenere in campo fino alla fine un Nicastro decisamente in ombra, che però ha avuto il guizzo decisivo sugli sviluppi della punizione dal limite di capitan Caserta, mentre ha inserito prima Gammone e poi lo stesso Caserta per i lievemente infortunati Bombagi e La Camera fino ad escludere il tiratore scelto Lepiller per far posto al tanto discusso Ripa. Hanno fatto un’ottima gara Polak, Cancellotti e soprattutto Jiday, grande protagonista del centrocampo, che con l’arrivo del neo acquisto Salvatore Burrai, potrà finalmente tirare un po’ il fiato, mentre non hanno brillato Di Carmine, Contessa e gli stessi La Camera e Bombagi, che hanno avuto qualche problema muscolare.

Il Catanzaro si è affacciato raramente dalla parte di Pisseri, ma i suoi attaccanti, a cominciare da un Fofana sul piede di partenza, hanno fatto comunque una buona gara in fase di movimento e di copertura, affidandosi però troppo alla fase difensiva con falli e perdite di tempo.

Il gol di Nicastro al 92’ dopo la respinta del portiere Scuffia sul calcio piazzato di Caserta ha rappresentato una grande gioia per i tifosi stabiesi presenti, calorosi, ma non numerosi, che si erano quasi rassegnati ad un altro passo falso. La vittoria di oggi è molto importante per la squadra di Castellammare perché assorbe l’ultima sconfitta e si può preparare all’anticipo di venerdì prossimo in quel di Matera contro lo storico rivale Auteri con il morale ritrovato e la consapevolezza che la fortuna a volte può parlare anche la nostra lingua.

Il tabellino

Juve Stabia: 1 Pisseri, 2 Cancellotti, 3 Contessa, 4 La Camera (28’ st 15 Caserta), 5 Polak, 6 Migliorini, 7 Nicastro, 8 Jidayi, 9 Di Carmine, 10 Bombagi (17’ st 16 Gammone), 11 Lepiller (34’ st 18 Ripa). A disposizione: 12 Fiory, 13 Romeo, 14 Liotti, 17 Vella. All. Giuseppe Pancaro.

Catanzaro: 1 Bindi, 2 Calvarese, 3 Di Chiara, 4 Vacca, 5 Rigione (38’ st 13 Ricci), 6 Ferraro, 7 Giampà, 8 Maiorano, 9 Fofana, 10 Russotto (14’ st 17 Martignago), 11 Ilari (22’ st 16 Barraco). A disposizione: 12 Scuffia, 14 Daffara, 15 Pacciardi, 18 Pagano. All. Stefano Sanderra.

Arbitro: Marco Mainardi della sez. AIA di Bergamo.

Assistenti: Marco Scatragli della sez. AIA di Arezzo e Lorenzo Meozzi della sez. AIA di Empoli.

Marcatori: 47’ st Nicastro (JS)

Ammoniti: Rigione (C), Migliorini (JS), Lepiller (JS), La Camera (JS), Ilari (C), Ferraro (C), Nicastro (JS)

Angoli: Juve Stabia 1, Catanzaro 2

Recuperi: 0’ pt, 5’ st

Note: 1299 spettatori, per un incasso totale di € 12.506,00 (paganti 981 per un incasso di € 9.884,00 e abbonati 378 per una quota di € 2.622,00)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*