«

»

Gen 05

PALLAVOLO: Italbed Stabia, la maschile vince e la femminile “pareggia”

L’aria di Natale ha portato bene in casa Italbed Stabia. Messe in pausa tutte le attività la società stabiese può finalmente mettere nero su bianco i risultati di questo primo trimestre e scrivere una bella letterina coi buoni propositi per l’anno nuovo visti i successi di queste ultime settimane (2 vittorie per la serie D maschile, solo una per la I divisione femminile ed un netto 3-0 per il misto) .

A chiudere in attivo è stato il settore maschile. 5 punti in due scontri che torneranno utili al giro di boa. Due incontri agli antipodi per il gruppo di mister Solimene: con il S. Giorgio Volley, squadra esasperante che mantenendo saldi i nervi per 5 set ha approfittato delle défaillances stabiesi mettendo a serio rischio l’esito del match registrato nonostante tutto tra i meriti Vbs e quello tra le mura di casa con l’ Atripalda filato liscia come l’olio.

Per il capitano Alminni “È stata un’importante vittoria quella di San Giorgio,sicuramente un campo difficile, sia per la fredda temperatura a cui abbiamo giocato sia per la grandezza del palazzetto. In alcuni frangenti siamo venuti un po’ meno in ricezione, cosa che ci ha limitati abbastanza nel gioco al centro unitamente alla battuta, altro fondamentale in cui abbiamo dato poco e in cui dobbiamo cercare maggiore incisività. Peccato per la fine del 4 set dove abbiamo perso la testa in seguito ad alcuni errore dell’arbitro, altrimenti avremmo potuto portare l’intera posta in palio a casa”. Concorda il palleggiatore Amoruso colpevole di qualche nervosismo : “ Una partita veramente maschia. Non ci siamo fatti mancare nulla tecnicamente e agonisticamente, il leit motiv però è stato il nervosismo da entrambe le parti e punito solo dalla nostra. Purtroppo i nostri soliti errori e la tensione hanno inibito il nostro gioco comunque superiore a quello degli avversari che a parte il secondo parziale, hanno vissuto una partita tirata più per demeriti nostri che per meriti loro. Capitolo a parte merita il direttore di gara.Io sono una testa calda e magari in campo discuto molto animatamente però finisce tutto sul campo, stavolta mi sento di potermi sbilanciare e considerare l’arbitraggio di un livello veramente scadente, sia per sviste clamorose che per interpretazione del regolamento, dulcis in fundo la continua indecisione nelle scelte e la gestione delle sanzioni disciplinari, davvero tra i 3 peggiori arbitraggi dei miei 15 anni di volley. Detto ciò per me si tratta a prescindere di 2 punti guadagnati più che di 1 perso perché arrivati su un campo ostico e in uno scontro diretto per la zona playoff. Mi auguro di cominciare a fare un po’ di bottini pieni, dato che con i tie- break lasciamo sempre qualche punto dietro nonostante le 4 vittorie ed un’unica sconfitta. Diverso invece l’ultimo incontro casalingo perché vittoria piena doveva essere e vittoria piena è stata. Certo di fronte avevamo una squadra giovane e inesperta che ci ha impensierito davvero poco benché fossimo orfani di Imperatore, Chiricolo, Provenza,Manzi e Borrelli. Una partita condotta dal primo all’ultimo scambio nei 2 set iniziali e rivitalizzata nel terzo dalla voglia di riscatto degli irpini e dal tono rilassato di uno stabia imbottito di cambi anche per far incamerare punti e minuti ai ragazzi che hanno giocato di meno ma che, a mio avviso, hanno dimostrato come nei momenti decisivi sappiano comunque mantenere la freddezza in campo e chiudere la contesa. Andiamo alla pausa natalizia con una buona classifica che potrebbe diventare ottima se vinciamo lo scontro diretto del 9 gennaio contro Alberti volley.

Altalenante il ritmo del settore femminile dove alla vittoria riportata sul Piscinola per 3-1 tra le mura di casa il karma ha opportunamente risposto con un’equivalente sconfitta per mano e sul campo del Caffè Parthenope.Paragonate ad un diesel , le ragazze Italbed lasciano sempre tropo margine d’azione alle avversarie, rendendosi così protagoniste di grandi buchi neri che abilmente e sapientemente vengono allontanati nei casi migliori e da cui non si riesce ad uscire nei peggiori. Ne è prova l’ultima disfatta per 25-16, 25-21, 21-25, 25-22. Si resta comunque nella zona alta della classifica, chiudendo con soli 4 punti di distanza dalla prima .

Un plauso alla squadra mista che ha dato il via alle feste con una netta vittoria sull’Alberti e soprattutto all’u.13 maschile di coach Alminni vittoriosa nel suo primo incontro in quel di Torre Annunziata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*