«

»

Dic 16

BASKET FEMMINILE-A2: La TRG Stabia prima vittoria in trasferta, questa volta il derby sorride alle stabiesi

logo basket femminile stabiaSul parquet salernitano del PalaSilvestri, va di scena la terza giornata di ritorno del campionato di A2 femminile. La TRG Stabia aveva bisogno di trovare la continuità in termini di risultati, mancata fino a questo momento della stagione. La Carpedil Salerno sperava di conquistare la seconda vittoria stagionale ed emulare la gara di andata, dove violò il PalaSeveri. (risultati e classifica qui).

Questa volte le ragazze care al presidente Manco sono state più attente, e non si sono fatte sorprendere dalle giovani guidate da coach Blanco.
Parte forte il TRG Stabia, che con un buon uso dei giochi a due, punisce severamente la difesa salernitana, l’asse Calamai-Voynova funziona bene. Le ragazze stabiesi chiudono i primi dieci minuti con un possesso e col vantaggio 14-16.
Nel secondo quarto il quintetto stabiese alza il baricentro difensivo e con un pressing asfissiante a tutto campo, prova ad ipotecare il punteggio.
La squadra di casa reagisce bene e affida le chiavi dell’ attacco nelle mani della straniera Insfran Gonzales, che è in serata di grazia, con altissime percentuali al tiro. Ed è proprio un suo tiro che va al segno sulla sirena del riposo lungo, che spedisce le squadre negli spogliatoi a recuperare le energie, sul punteggio di 26-34.

Nel terzo periodo le ragazze del patron Angela Somma partono col piglio giusto. TRG Stabia sembra contratta e si ha la preoccupazione di cadere nella solita amnesia; di fatti per pochi minuti cade sotto i colpi di una ispiratissima Gonzales che domina l’ attacco salernitano. TRG Stabia non riesce ad esprime il gioco spettacolare, consolidato nel primo tempo. La Carpedil ne approfitta, riuscendo a tenere in vita la partita, al 24′ ancora Insfran Gonzalez accorcia le distanze per la propria squadra, 39-41.
TRG Stabia inizia a trovare qualche difficoltà in attacco, riuscendo ad allungare di nuovo il vantaggio. Solo nell’ultimo minuto del periodo dove si rende pericolosa dalla lunetta,sfruttando il bonus di falli conquistato nel quarto,con l’ex Potolicchio e con la veterana Carotenuto (3/3 ai liberi), un contropiede di Voynova la compagine stabiese chiude le ostilità del terzo periodo sul 45-53.


Nell’ultimo quarto, coach Blanco le prova tutte per afferrare di nuovo la partita. Ardito(20 pt) e Manfre(4pt) si vedono ferme al box per falli, sulla sponda stabiese e la bulgara Voynova( 18pt+ 16 rt) a dover riposare per aver commesso quattro falli in trenta minuti.
Le salernitane provano una difesa box e one con la guardia Calamai seguita a uomo, una tripla di Gallo segna il massimo vantaggio napoletano al 33′ 58-47. Dal quel momento sale in cattedra Insfrans Gonzales che insieme ad Ardito prova la rimonta, con un parziale di 7-0, riporta la partita in bilico al 38′(54-58).
Gemini interrompe la rimonta con un gancio dal pitturato(54-60). Sull’ azione successiva Il pivot salernitano Ardito trova un gioco da tre punti che fa sognare la squadra di casa(57-60), ad un possesso dalla fine Salerno si ritrova la palla in mano che può valere il pareggio. Insfrans sfida D’Avolio all’ uno contro uno, poi si alza tentando il tiro da tre che può valere l’overtime. Tutto inutile, il play D’Avolio corona la sua ottima prestazione difensiva con una stoppata, che regala l’ ultimo possesso alle ragazze di Castellammare di Stabia, che chiuderanno il punteggio con i tiri liberi di Potolicchio che ne realizza uno fermando il definitivo punteggio a 57-61.

Carpedil Salerno:57
. Insfran 23,Carcaterra 2 , De Sangis, Costabile, Dentamaro 6, Maggiore, Artolano, Manfrè 4, Ardito 20, De Mitri 2.coach Blanco.

TRG Stabia: 61. 
Iozzino, Potolicchio 9, De Rosa ne, D’Avolio 7, Carotenuto 5, Gallo 7, Moretti ne, Minervino 3, Gemini 6, Voynova 18, Calamai 6.
Coach Belfiore

UFFICIO STAMPA CARMINE CASCONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*