«

»

Nov 29

Ecco il pronostico di Latina vs Juve Stabia con l’analisi pre-gara del Presidente di StabiAmore

Castellammare calcistica ha voltato pagina, con l’esonero dell’allenatore più vincente della storia dello Stabia che ha pagato le sconfitte nel derby e soprattutto l’ultima casalinga con il Trapani. Piero Braglia, nonostante l’ultimo posto in classifica non è stato mai contestato dalla tifoseria organizzata stabiese, che ha riconosciuto al tecnico toscano i grandi meriti delle tre passate stagioni e anche l’impegno comunque mostrato nell’attuale, la quarta che si è rivelata come la più difficile, ma anche la più sfortunata e non è stato facile neppure per la società e soprattutto per il presidente Manniello assumere la decisione del suo esonero.

La scelta di Fulvio Pea come nuovo tecnico e del suo staff, è stata presa d’intesa con il nuovo direttore sportivo Lupo e il consulente Improta, e l’allenatore lombardo, ex pupillo di Simoni e Mourinho, ha avuto il coraggio di accettare una sfida molto complicata, meritando così il massimo apprezzamento e sostegno da parte mia, dell’associazione StabiAmore e penso di tutti i tifosi stabiesi.

Sabato pomeriggio lo Stabia affronta la squadra più in forma del campionato, il Latina, che sta giocando sulle ali dell’entusiasmo con il nuovo allenatore Breda, dopo l’esonero dell’ex Nocerina Auteri, e che ha raggiunto dodici risultati utili consecutivi, conquistando addirittura il campo della Favorita Palermo. Non sarà una gara facile per gli stabiesi, ma neppure per i laziali, che stanno disputando alla grande il loro primo campionato di serie B. Il Latina non si trova per caso nella zona alta della classifica, perché può contare su di un organico composto da calciatori esperti come, il difensore d’origine stabiese Andrea Esposito, Cottafava, Morrone, l’ex Figliomeni, Cejas, gli attaccanti talentuosi e temibili Ghezzal, ex Crotone, Jonathas, ex Brescia, ma anche Barraco, Jefferson e l’ex nocerino Negro. Il neo tecnico stabiese, Fulvio Pea dopo diverse prove negli allenamenti settimanali sembra aver deciso di adottare il suo schema preferito, il, 3 5 2, sperimentato con un certo successo nelle sue esperienze precedenti nelle giovanili di Sampdoria ed Inter, ma anche nel Sassuolo e nel Padova. Pea deve innanzitutto migliorare il rendimento difensivo della squadra che, come lui stesso ha dichiarato, non riguarda solo chi gioca indietro, per cui non è solo una questione di modulo, che comunque pare sia elastico perché si può modificare dal 5 3 1 1 al 3 4 3 a secondo degli avversari e delle situazioni contingenti.

La curiosità riguarda soprattutto la scelta degli interpreti a cominciare dal portiere che non è detto che sia Calderoni, che ha mostrato molta incertezza in almeno tre casi sugli episodi delle ultime sette reti subite dalle vespe. Considerando la squalifica di Murolo, in difesa dovrebbero giocare Contini o Di Nunzio insieme a Lanzaro e Martinelli e a centrocampo potrebbero essere della gara Mezavilla, Doninelli e uno tra i due rientranti dalla squalifica Scozzarella e Baraye con Ciancio e Vitale sulle corsie esterne. In attesa dei recuperi di Caserta e Di Carmine, in attacco Pea dovrà scegliere due calciatori con Parigini e Sowe, forse favoriti in partenza, su Diop e Doukara. Il Latina dovrà fare a meno di qualche infortunato e dello squalificato Bruno, ex centrocampista della Nocerina, e due cose più di tutte mi incuriosiscono della squadra laziale, se avrà un atteggiamento sfrontato come quello mostrato nelle ultime gare o più prudente e se l’ex Figliomeni sarà della partita e in quel caso in quale ruolo, visto che a Palermo è stato impiegato come centrocampista. 

Sul risultato finale della gara, invece non voglio fare pronostici un po’ per scaramanzia e un po’ perché questa gara risulta oggettivamente molto difficile da interpretare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*