«

»

Nov 20

PALLAVOLO-MASCHILE: Volleyball Stabia vince senza problemi

3-0 per l’esordio casalingo della I div. maschile.

Logo_Volley ball stabiaL’aria di casa si sente e si vede. Alla palestra della SMS  Bonito la  bonaccia di domenica mattina ha guidato in modo facile e tranquillo la squadra stabiese  verso una vittoria netta contro la Jurassica Casoria.

La I divisione maschile del Volleyball Stabia è scesa in campo tra le mura casalinghe lasciando da parte l’ansia e l’agitazione mostrate nell’incontro d’apertura a Cercola.

Hanno dato inizio alle danze il capitano Alminni e Giannone di banda, Carotenuto opposto, Imperatore e Carbone centrali con la partenza, per questa stagione sportiva, del diciottenne palleggiatore Giuseppe Abbagnale : un gruppo di “ragazzini” rispetto agli “uomini  adulti “ schierati al di là della rete, dove le tempie canute la facevano da padrone.

Nonostante questo, l’avvio è stato davvero lento, in parte preso sotto gamba dagli atleti gialloblù che hanno lasciato trasparire un certo adagiarsi al ritmo avversario.

Questa partenza fiacca e l’assenza di stimoli particolari, con saltuari momenti di distrazione, costringono dapprima l’allenatore Solimene a realizzare un doppio cambio con Amoruso per il palleggio e Sepe per l’attacco ed, infine, a chiudere il primo set sul 25-19 con una distanza di punteggio certamente troppo bassa per quello che sarebbe dovuto essere lo standard delle squadre in gioco.

Un metabolismo pigro e poca reattività segnano anche il secondo parziale che vede inizialmente la compagine casoriana in vantaggio sul 6-5 prima e sul 10-9 poi fino al turno di battuta di Imperatore che inanella una serie positiva guidando il gruppo di casa fino al 13-10.

Ad una Jurassica Casoria poco fornita in difesa hanno fatto da contrappunto azioni di ordinaria amministrazione degli stabiesi, senza  troppi protagonismi di sorta e con maggior ordine in campo.

In virtù del distacco sul 20-12 per la VBS si crea l’occasione giusta per un altro esordio: su  Imperatore entra Vitiello, classe ’97. Il servizio sbagliato di Abbagnale annulla il primo set point conquistato subito dopo sul 25-15.

Nel terzo parziale Solimene sembra voler chiudere in fretta e con un punteggio che renda merito al gruppo. Dentro allora- come nel primo parziale- Amoruso e Sepe con l’innesto di Giordano al centro. Si parte di nuovo in svantaggio con un Casoria che guida per 17-14, conseguenza di alcuni errori della formazione stabiese che continua a seguire l’andamento degli ospiti senza alzare più di tanto il livello del  match.  Bravi lo stesso a chiudere il set con 6 punti di distanza (25-19).

“Una partita dove il mister Solimene ha cercato di dare spazio a chi ha giocato meno fin ora”- commenta Amoruso- “ soprattutto per testare le capacità del resto del gruppo. C’è stata una buona risposta anche se sono mancati stimoli di rilievo. Assenza che però ci permette di risparmiare le forze per lo scontro difficile di Venerdì prossimo. Nonostante la vittoria dobbiamo battere ed impegnarci ulteriormente sul piano della continuità e della cattiveria perché non ci si può sempre adattare al gioco altrui.”

Stesso rimprovero muove l’allenatore Stefano Solimene:” E’ stato uno scontro facile per la lentezza del ritmo avversario e al contempo complicato per l’esperienza degli ospiti, dal momento che – come sempre- i nostri giovani ci fanno soffrire. Ci siamo adagiati troppo al basso andamento dei casoriani, benché a tratti si sia andati meglio. C’è da lavorare sulla velocità di gioco dal momento che questo tipo di categoria ci porterà a scontrarci con molte squadre caratterizzate dalla stessa indole lenta e compassata.”

Tre punti di sprono per la formazione stabiese che arriva così con più fiducia al match  contro la ASD Leon Battista Alberti che si terrà nell’omonimo liceo Venerdì 22 novembre in quel di Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*