«

»

Feb 09

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia vs Novara

Per la prima volta lo Stabia di Braglia prende quattro gol in casa, perdendo contro un Novara forte, nonostante la classifica, ma oggi pure fortunato. La squadra stabiese non è piaciuta, mostrando una pericolosa mancanza di umiltà e determinazione, che ha portato la squadra a sbandare in difesa e ad essere poco incisiva in fase offensiva. Braglia un po’ a sorpresa ha optato per Caserta a centrocampo, sacrificando Zito, in un 4 3 3, che non ha convinto e che non è riuscito a fermare le azioni d’attacco della squadra piemontese che a sua volta ha rinunciato a Mehmeti per schierare in attacco Gonzalez, Seferovic e Lepiller, una scelta che alla fine ha dato i frutti sperati da Aglietti. (per vedere la classifica clicca qua)

Il primo tempo si è chiuso con il vantaggio di Lepiller dopo che lo Stabia ha reclamato un rigore per un tocco di mano in area novarese e alcune azioni pericolose di Verdi e Mezavilla, ma con un Cellini ancora sotto tono tra le mura amiche. Nella ripresa su un calcio di punizione dal limite per il Novara l’arbitro punisce con il rigore il tiro che è finito su un calciatore stabiese in barriera e Gonzalez realizza il gol del raddoppio, ma la gara si riapre subito dopo perché Caserta realizza su preciso assist di Verdi. Braglia non trova i cambi migliori per recuperare il risultato perché sostituisce prima Mezavilla con Bruno, poi Verdi con Zito e infine Suciu, che ha dimostrato anche oggi il suo valore anche se non ha brillato come a Vicenza, con il redivivo Agyei e lo Stabia non solo non riesce a creare grossi pericoli, ma subisce il Novara più di prima. Infatti la squadra piemontese fa tris con una sfortunata deviazione di Figliomeni nella propria porta e poi addirittura poker su un rinvio sbagliato di Nocchi che favorisce la ripartenza di Seferovic, il quale come a Firenze in coppa Italia segna solo contro lo Stabia, una squadra che evidentemente gli porta bene. A questo punto lo Stabia tira fuori l’orgoglio e riesce a segnare con Bruno il punto del 2-4 dopo che Cellini ha cercato inutilmente di sbloccarsi in casa, ma alla fine c’è più Novara in campo e infatti si segnala pure una clamorosa traversa su punizione, che evita l’onta di subire in casa una clamorosa cinquina.

Oggi il Novara è stato più forte dello Stabia, Aglietti più bravo di Braglia, l’arbitro Ciampi più pronto a fischiare per la squadra in trasferta, ma la classifica dice che la squadra stabiese ha ancora sei punti di vantaggio su quella piemontese e questo è l’unico elemento positivo di una giornata storta, da dimenticare al più presto, per riprendere la marcia verso l’obiettivo stagionale di una tranquilla salvezza a cominciare da Varese sabato prossimo.

IL TABELLINO

Juve Stabia (4-3-3): 1.Nocchi; 25.Baldanzeddu, 23.Figliomeni, 28.Murolo, 19.Dicuonzo; 10.Caserta, 17.Suciu (25’st 4.Agyei), 8.Mezavilla (16’st 9.Bruno); 7.Verdi (21’st 3.Zito), 20.Cellini, 27.Acosty. A disposizione: 22.Seculin, 2.Martinelli, 14.Gorzegno, 16.Improta. All. Piero Braglia

Novara (4-3-3): 22.Bardi; 21.Colombo (10’st 4.Lisuzzo), 2.Perticone, 5.Ludi, 7.Crescenzi; 32.Fernandes (37’st 13.Parravicini), 6.Buzzegoli, 23.Pesce; 30.Lepiller, 11.Seferovic (35’st 25.Ghiringhelli), 19.Gonzalez. A disposizione: 1.Kosicky, 9.Rubino, 20.Lazzari, 25.Mehmeti. All. Alfredo Aglietti

Arbitro: Maurizio Ciampi di Roma  Assistenti: Mauro Vivenzi di Brescia e Daniele Ceccarelli di Terni

IV Ufficiale: Valerio Marini di Roma 

O.A.: Antonio Cardella di Torre del Greco 

Ammoniti: Seferovic, Colombo (NV); Figliomeni, Zito, Baldanzeddu (JS)

Angoli: 8 – 2

Marcatori: 38’pt Lepiller, 4’st rig. Gonzalez, 25’st aut. Figliomeni, 27’st Seferovic (NV); 11’st Caserta, 38’st Bruno (JS)

Recupero: 4′ (st)

Note: Giornata nuvolosa, clima freddo. Terreno di gioco in buone condizioni

 

Totale spettatori 2270 di cui 865 paganti per un incasso al botteghino di 10430,50 Euro ai quali va aggiunta la quota abbonati pari a 1405 per un incasso di 15989,00 Euro. Incasso complessivo del match 26419,50 Euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*