«

»

Set 29

CALCIO: Presentato il nuovo Main Sponsor Paddy Power

 

S.S. Juve Stabia SpA e Paddy Power si uniscono in una partnership che prima ancora di essere ufficializzata ha fatto già parlare di sé. Le immagini del (finto) streaker di Juve Stabia-Varese hanno fatto il giro delle principali emittenti nazionali e l’invasore in Lucky Pants verdi ha ormai consacrato la sua popolarità sul web grazie alla sua ennesima sortita di colore. Grazie a lui Paddy Power è letteralmente sceso in campo per la prima volta in Italia, scegliendo la Juve Stabia. Due realtà giovani che scelgono di perseguire una strada comune: Paddy Power e Juve Stabia. Da un lato il principale bookmaker di base a Dublino in Irlanda e da poco sbarcatoin Italia, dall’altro una realtà di provincia che si sta affermando in serie B dopo il ritorno nella passata stagione in cadetteria che mancava da sessant’anni.

 

Un filo conduttore nel profilo della comunicazione accomuna le due entità: Paddy Power ha acquisito popolarità internazionale grazie ad iniziative di marketing molto spinte. Lo spot censurato di Gesù che rimedia personalmente agli imbroglioni del calcio ed i “pants” del danese Nicklas Bendtner sono solo le ultime di una lunga serie. La Juve Stabia ha sposato a pieno lo stile “paddy” ed ha colto nel segno presentando il proprio main sponsor durante l’Intervallo Gialloblù, l’unico evento d’intrattenimento per il pubblico allo stadio del calcio professionistico italiano.

 

Da sottolineare il fondo autoironico dell’inedita presentazione: la società della città delle acque, ha tardato così tanto nella ricerca di un main sponsor che addirittura è riuscita a presentarlo solamente nell’intervallo di una gara. L’episodio ha creato un precedente nel marketing sportivo: mai prima d’ora una formazione calcistica era scesa in campo con una divisa senza sponsor, per poi indossare la medesima nel secondo tempo con tanto di patch in bella mostra. Il tutto, è bene ricordarlo, in pieno stile Paddy Power: per nulla convenzionale.

 

“Fin dal nostro primo incontro c’è stata grande intesa” – esordisce il Vicepresidente delle Vespe Mario Mirko Manniello – “d’altronde, sia Paddy Power, attraverso una comunicazione di rottura, che la Juve Stabia, introducendo progetti insoliti per il panorama calcistico italiano, hanno dimostrato che con un po’ di coraggio c’è ancora spazio per nuove idee in questo calcio”.

 

Soddisfazione anche nelle parole del Presidente stabiese Francesco Manniello e del Vice presidente Nicola Giglio: “Paddy Power è un’azienda con grande esperienza ma arrivata da pochissimo in Italia. È sinonimo di grande serietà da parte loro voler conoscere il nostro mercato ed i suoi attori prima di legarsi a lungo con una singola realtà che, teniamo a sottolineare, è la prima in Italia con cui si sono abbinati. Naturalmente da parte nostra cercheremo in questi due mesi di gettare solide basi per una partnership duratura, che possa protrarsi anche per diverse stagioni”. I dirigenti della società di Castellammare chiosano con una battuta: “Ci piace parlare in quest’occasione più di fidanzamento piuttosto che di un vero e proprio matrimonio…non corriamo troppo”.

 

“Siamo onorati di intraprendere questa nuova collaborazione” – afferma Giovanna D’Esposito Amministratore Delegato di Paddy Power per l’Italia – “un’inizativa che al di là di dare visibilità al nostro brand nel mondo del calcio italiano nasce dalla comune volontà di abbracciare un progetto di sport quale la Juve Stabia rappresenta. L’entusiasmo con il quale siamo stati accolti” – aggiunge Giovanna D’Esposito – “ma soprattutto l’innovativo sistema di marketing sportivo che è risultato pienamente in linea con la nostra filosofia hanno permesso di porre da subito le basi per creare un binomio stimolante e che ci auguriamo sia altrettanto vincente”.
S.S. JUVE STABIA SPA
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*