«

»

Ago 20

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia vs Sampdoria

L’impresa dello Stabia che batte la Samp in coppa e sfiderà la Fiorentina a novembre è firmata da Braglia e da Danilevicius.

Sul tecnico abbiamo detto tanto e proposto la cittadinanza onoraria, che non capiamo perchè tardi ancora ad arrivare, sul secondo i nostri giudizi positivi per tutta la scorsa stagione non sempre sono stati capiti e apprezzati da parecchi tifosi stabiesi. Se Sau ha segnato tanto è stato anche per l’abilità del lituano a creare gli spazi giusti, per non parlare delle sue indiscutibili doti umame e della sua disciplina fuori e dentro il campo, eppure tutto questo non è bastato a convincere gli scettici, che non hanno apprezzato neanche il suo gesto di ridursi lo stipendio, auspicando addirittura una sua cessione.

A noi di StabiAmore, in particolare al presidente Gianfranco Piccirillo non serviva la prodezza contro la Samp di sabato e il suo rigore decisivo per apprezzare le doti tecniche di un attaccante, che pur non essendo un goleador è dotato comunque di una buona capacità realizzativa, perchè il nazionale lituano è una punta che ama rifinire, più che concludere. Lo zar meritava di entrare a pieno titolo nella gloriosa storia dello Stabia e ora i suoi ingenerosi detrattori sono costretti a battere in ritirata, mentre chi lo ha sempre stimato è contento per la gioia che questo uomo perbene del nord europa ha saputo regalare anche ai tifosi stabiesi più freddini, che se il 28 novembre saranno al Franchi di Firenze lo devono a lui, soprattutto a lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*