«

»

Apr 17

BASKET FEMMINILE: Coconuda Stabia batte Palermo ed accede ai concentramenti promozione A2

Superlativa impresa della Coconuda che con una gran prova di carattere, al Palaseveri, riesce a ribaltare la rovinosa sconfitta dell’andata (al Palauditore di Palermo finì 53-42 per le locali). Per rimontare il gap di ben 11 punti di svantaggio, era necessario un gran cuore e tanta determinazione e le stabiesi, al termine di 40 minuti di pura adrenalina, hanno dimostrato ancora una volta di averne in quantità. Pienamente consapevoli che le palermitane di certo non sarebbero state lì a guardare, le ragazze di coach Ursini sono arrivate alla gara di ritorno cariche a mille e non si sono risparmiate in nulla. Dinanzi ad un pubblico entusiasta, mantenuto per gran parte del match con il fiato sospeso, entrambe le squadre hanno onorato al meglio l’impegno, dando vita ad una partita combattuta, ma disputata sempre all’insegna del fair play. In memoria del calciatore del Livorno, Piermario Morosini, ad inizio gara le atlete hanno osservato un suggestivo minuto di silenzio, seguito dagli applausi dei circa 300 spettatori accorsi, la gara ha quindi avuto inizio, con la Coconuda che ha rotto subito gli indugi, realizzando ben 5 punti in poco meno di un minuto.

Il favorevolissimo allungo, però, è durato pochi istanti, fin quando la Maddalena Vision, superato il momento di sbandamento riesce a ricompattarsi per poi riportarsi nuovamente sotto. L’obbligo di vincere a tutti i costi, compromette in maniera rilevante la prestazione delle stabiesi che nei primi due tempi non trovano la lucidità necessaria per gestire l’eccesso di carica che in numerose circostanze, porta a sbagliare l’impossibile. Il primo quarto, caratterizzato da errori banali e da tanto nervosismo, risulta essere sostanzialmente equilibrato e termina comunque sul 17-15 per le locali.

La seconda frazione è a dir poco disastrosa, le stabiesi in fase di impostazione fanno tutto bene, il piglio e la grinta sono quelli giusti, ma sistematicamente commettono errori al momento della finalizzazione; il canestro delle ospiti sembra stregato, mentre sul versante opposto fila tutto liscio, con le palermitane che capitalizzano tutto ciò che riescono a creare. Le ospiti facendo pressing a tutto campo non lasciano ragionare ed imbrigliano la Coconuda che sbaglia anche le realizzazioni più facili e scontate, ed il pubblico inizia a rumoreggiare. Al termine dei primi venti minuti la tensione è alle stelle, la frazione termina 25-29, con Stabia a -15 nel computo totale. Il verdetto del temporaneo risultato è devastante, la squadra campana rientra negli spogliatoi, smarrita, arrabbiata e con il morale sotto ai piedi. La scossa arriva, però, durante la pausa: coach Ursini sveste i panni di allenatore per indossare quelli da psicologo e ricorda alle sue ragazze un po’ tutto l’iter che le ha portate fin lì, una strigliata severa e ragionata, la sua, atta a ricreare lo spirito di gruppo smarrito, un ultimo appello per non buttare all’aria tutti i sacrifici fatti, forse l’ultimo asso nella manica di un coach sensibile, che tra le altre, ha la dote di riuscire a capire e a prendere per mano il suo gruppo, anche nei momenti più difficili.

 La breve “seduta” con il coach stabiese sembra aver sortito i suoi benefici effetti, con Coconuda che rientra in campo rigenerata nel morale, 20 minuti son pochi, ma ci si convince che possono bastare, le stabiesi non possono permettersi ulteriori errori e questa volta eseguono alla perfezione la zone press, Palermo e gli stessi spettatori sembrano avvertire che in campo è rientrata una squadra più quadrata e motivata, Stabia letteralmente trascinata da Negri e Carotenuto, inizia a rosicchiare (punto su punto) lo svantaggio, ora il gruppo difende bene e riparte in velocità, portando a segno i suoi contropiedi. Sostenuta dal “GATE 69”, una tifoseria organizzata encomiabile, più unica che rara, per questi campionati, che trasmette sempre “valori” e tanto calore, la Coconuda macina gioco e prende il sopravvento, fin quando riesce ad annullare lo svantaggio della partita di andata. La terza frazione (con un parziale di 22-9) termina 47-38 per la squadra di casa. Un risultato sorprendente, che appena dieci minuti prima sembrava impossibile, il pubblico gradisce ed inizia a sostenere a gran voce, l’impresa è nell’aria.

Nel quarto ed ultimo tempo, la Coconuda viaggia sulle ali dell’entusiasmo, ora ci credono un po’ tutti, gli spettatori sulle gradinate soffrono insieme alla squadra, l’incontro diventa palpitante e coinvolgente, gli ultimi dieci minuti sono al cardiopalmo. Si cambia tattica, coach Ursini, chiede alle sue ragazze un ultimo sacrificio: serve la marcatura ad uomo e con la sua lavagnetta dà le ultimissime indicazioni. Coconuda lavora sulla stanchezza delle avversarie che senza risparmio tentano comunque nuove sortite, gli assalti s’infrangono contro la difesa stabiese, in questo frangente a dir poco stratosferica, che riesce a tamponare le insidiose incursioni e a far ripartire in velocità le sue migliori realizzatrici. L’eccelso operato della Coconuda trova conforto nel tabellone che al termine della gara sentenzia un 71-53, con un +18 che sa d’impresa. Ancora una volta il carattere e l’affiatamento di gruppo hanno fatto la differenza, con Coconuda Stabia che si qualifica per i concentramenti promozione per l’A2, e chissà che Pescara, ora regali ancora qualche sorpresa: “Coconuda c’è, e promette di giocarsela fino in fondo!”.    

 

Spareggio promozione (gara di ritorno)

 

 COCONUDA STABIA ­– MADDALENA VISION PALERMO  71-53  (1°q 17-15; 2°q 25-29; 3°q 47-38)

 Coconuda Stabia: Iozzino 3, Di Capua 6, De Rosa ne, D’Avolio 14, Carotenuto 16, Di Concilio, Gallo 9, Negri B. 19, Di Costanzo 4, Serra. Coach: Ursini.

Maddalena Vision Palermo: Grignano 8, Bonni 12, Vigilante, Scrima 6, Paliaga, Verona 14, Ferrara, Vivirito ne, Trevisano 11, Chines. Coach: Riva.

 

Uscite per falli: Grignano (Palermo).

Arbitri: Desideri di Viterbo e Verolino di Ciampino

Note: Spettatori circa 300.

 

 

C O C O N U D A   S T A B I A

 

L’Addetto Stampa – Maurizio Cuomo

                                                                                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*