«

»

Mar 19

CALCIO-PRIMAVERA: Juve Stabia – Pescara finisce a reti inviolate

Pareggio a reti inviolate quello fra Juve Stabia e Pescara che non amano scoprirsi dando vita ad una gara molto tattica e dalle poche emozioni. Negli stabiesi c’è la novità di Corduas schierato nel ruolo di esterno sinistro di una mediana a cinque mentre gli abruzzesi si affidano al tridente offensivo composto da Dovidio, Faccini e Di Maira. L’inizio è tutto di marca gialloblù che arrivano spesso vicino alla porta difesa da Cattenari. Al 7′ buona triangolazione Gargiulo- Festa con il centrocampista che viene anticipato di un soffio in area di rigore da un intervento tempestivo di Perrotta. Tre minuti più tardi arriva la palla gol più nitida per le Vespe: Festa, su una sventagliata dalla difesa, anticipa D’Amico e si trova a tu per tu con il portiere ma calcia al volo un tiro telefonato da posizione ghiotta. Il Pescara con il suo 3-4-3 blocca le corsie esterne e si vede davvero poco dalle parti di Moggio. L’unico pericolo per il numero uno stabiese arriva al 13′ quando sugli sviluppi di un corner, Perrotta e Mbodj si disturbano a vicenda con il primo che colpisce di testa in area piccola mandando clamorosamente fuori. Foglia Manzillo incita i suoi ragazzi chiedendo maggiore aggressività e più spinta sugli esterni, Di Battista la mette più sul contropiede. La Juve Stabia dal 20′ al 30′ legittima il suo predominio territoriale sfiorando in tre occasioni il vantaggio: Sorriso calcia alto da fuori area dopo un bel fraseggio con Padulano, poi è ancora il numero undici gialloblù a rendersi pericoloso con un tiro-cross in area dalla sinistra e poi quando su assist d’esterno di Gargiulo non aggancia in area da ottima posizione. Il primo tempo si chiude con Padulano che in slalom si beve due avversari ma la conclusione termina alta. La ripresa si apre sempre con la Juve Stabia in cerca del gol ed un Pescara schierato tutto dietro la linea della palla. Al 5′ annullato un gol a Costa che di testa colpiva a rete ma in posizione dubbia di fuorigioco, mentre al 29′ invece tocca a Mbodj vedersi annullare una rete per il motivo analogo. L’orgoglio stabiese è vivo e negli ultimi quindici minuti viene fuori: al 30′ Saracco serve Corduas che salta Masciovecchio e dal vertice dell’area sinistra verticalizza per il neo entrato Gerardi che taglia bene ma di sinistro spara sul portiere che salva in angolo. Sul piazzato tacco volante di Costa sul primo palo con la sfera che tocca il montante esterno. Al 37′ Staiano attacca lo spazio a sinistra su imbeccata di Gargiulo e calcia in diagonale in area con palla che sfiora il palo alla sinistra di Cattenari. Un punto che non rende merito alla prestazione offerta dalla Juve Stabia che meritava i tre punti per la voglia che ha messo in campo e soprattutto per l’orgoglio mostrato nel rush finale

Per visualizzare la classifica clicca qua

JUVE STABIA: Moggio, Pastore, Corduas, Maresca, Buonocore(35’st Staiano), Costa, Esperimento, Gargiulo, Festa(25’st Gerardi), Sorriso(13’st Saracco), Padulano A disp: Grenni, Voluttuoso, Ostieri, De Caro All. Foglia Manzillo

PESCARA: Cattenari, Masciovecchio, Di Pentima(20’st Vitiglio), Mbodj, D’Amico, Perrotta, Dovidio(20’st Spadafora), Iannascoli, Faccini, Colantoni, Di Maira (37’st Della Cioppa) A disp: Falso, Bizzarri, Cherubini, Di Francesco All. Di Battista

Arbitro: Diasio (Matera)
Assistenti: Monetta, Mauro
Ammoniti: Sorriso, Esperimento

Bruno Galvan – Addetto Stampa SETTORE GIOVANILE S.S Juve Stabia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*