«

»

Feb 04

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia vs Livorno

Lo Stabia gioca una brutta partita e perde giustamente contro un Livorno brioso e ben organizzato dal tecnico Madonna. In fase difensiva Maury Molinari e Di Cuonzo hanno sofferto e non poco contro le buone capacità offensive di Paulinho e Dionisi che hanno saputo ribaltare l’iniziale vantaggio delle vespe propiziato dalla conclusione del neo acquisto Caserta. Anche il centrocampo stabiese oggi non ha retto sia nel primo tempo con Caserta, che nel secondo con Scozzarella, che insieme ad un abulico Mezavilla, non sono riuscito a scardinare la difesa toscana, che pure era priva di elementi importanti. La squadra di Braglia ha insistito troppo sui cross dalle corsie laterali dove Erpen e Raimondi pure non hanno brillato, e gli stessi attaccanti oggi non hanno proprio convinto. Piuttosto male ha giocato Danilevicius, che forse ha sentito troppo la gara contro la sua ex squadra, malissimo addirittura il cannoniere Sau e non solo per il clamoroso gol mancato da pochi metri nel finale. Per tutta la gara il piccolo sardo, apparso decisamente stanco, non è riuscito ad incidere, la sua unica nota positiva è l’azione a centrocampo che ha portato all’espulsione di un livornese, troppo poco per meritare la sufficienza. Ma tutto lo Stabia sta pagando un momento di debolezza atletica dovuta, sia al tipo di preparazione fisica che Braglia fa attuare per avere più freschezza nella fase finale della stagione, che agli impegni ravvicinati delle ultime gare di campionato. Il Livorno se non fosse rimasto in dieci probabilmente avrebbe vinto con un margine più ampio del 2-1 finale e consideriamo che ha mancato di un soffio diverse occasioni da rete, cogliendo pure due pali, per cui per questa sconfitta davvero non si può recriminare. Certamente si poteva fare di più per controribattere alle giocate ispirate del Livorno con un eccellente Dionisi sugli scudi, magari affidandosi a Caserta, bravo ma non ancora inserito nei meccanismi della squadra, solo nella ripresa. Ma voglio chiudere con la nota positiva del debutto in serie B del giovanissimo Ceccarelli, che ha dimostrato nei minuti che ha giocato di avere le qualità giuste per emergere nel calcio e sono convinto che Braglia saprà valorizzarlo, come del resto ha sempre fatto con i giovani promettenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*