«

»

Dic 17

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia-Cittadella

Lo Stabia mette pure la ciliegina sul 2011, concludendo con un’altra vittoria l’anno più gustoso, vincente e spettacolare della sua storia centenaria. Ancora una volta la squadra di Braglia oltre a vincere una gara non facile contro un Cittadella volitivo e compatto, ha convinto pienamente sul piano del gioco con gol e giocate straordinarie. Scozzarella ha messo dentro quella palla che invano ha a…tteso da Sau a Marassi per chiudere la partita con la Sampdoria, colpendo a volo con precisione, ma ancora più spettacolare è stata la conclusione per il 2 a 0 di Horacio Erpen, che ha concesso alla platea un gol alla Maradona o alla Quagliarella, se preferite. Nel primo tempo le emozioni non sono finite qui, perchè l’ottimo Maah, un parigino che ricorda vagamente Weah, ha riaperto la partita per il Cittadella, che però ha rischiato due volte di prendere il terzo gol da Sau, che questa volta ha scelto soluzioni assai umilianti per le aspettative degli stabiesi. Addirittura il piccolo talento sardo nella ripresa ha mancato un gol ancora più facile, dimostrando di dover ancora maturare pienamente come attaccante e rischiando di rovinare la festa, fino a quando uno Scozzarella, oggi davvero delizioso, non ha deciso di regalargli un’opportunità che proprio non poteva sprecare per il punto del 3 a 1. Il gol di Sau ha regalato la definitiva tranquillità allo Stabia per l’ennesimo successo di un 2011, che rimarrà scolpito nella mente e nei cuori di tutti i tifosi. Il balletto natalizio finale dei calciatori sotto la curva sud è stata la degna conclusione di un sabato assolutamente imperdibile per chi ama una squadra antica, bella ed emozionante come la nostra che non finisce mai di stupire, anche nel calcio che conta. Senza fare voli pindarici mi piace chiudere l’ultimo commento del 2011, con gli auguri di serene feste natalizie a tutti gli amici di che seguono stabiasport, con tanto Stabi..A..more anche per il 2012 e se possibile ancora di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*