«

»

Dic 13

RUGBY: Domenica i Wasps Stabia con il Salerno Rugby hanno gridato “per i cani di Green Hill liberi”

Una squadretta dilettantistica di rugby che milita nel campionato amatoriale di serie C in Campania, i Wasps di Castellammare di Stabia, ragazzi che si autogestiscono pagando gli allenamenti, comprandosi le divise da gioco ed i palloni, ma parliamo di rugby e parliamo di rugbisti, persone con un cuore enorme umili e coraggiose, pronte sempre a scendere nel “fango” e dimostrare sempre e comunque di lottare dentro e fuori dal campo. Basti pensare a quello che hanno fatto i rugbisti dell’Aquila durante il terremoto, quelli del Cus Genova durante l’alluvione, e ce ne sarebbero tanti di casi da elencare. Domenica i Wasps Stabia con il Salerno Rugby hanno fatto sentire la voce, una voce per chi non può parlare, hanno gridato “PER I CANI DI GREEN HILL LIBERI !” Una giornata dove si è voluto dimostrare tutto l’affetto per i tanti volontari che da tempo lottano per la chiusura del lager di Montichiari in provincia di Brescia, dove un “allevamento” di morte senza scrupoli distribuisce cani di razza “beagle” ber i vari laboratori di vivisezione d’Europa. Diciamo basta a questa pratica disumana, ed il messaggio arriva da una piccola realtà sportiva ma con un grande cuore. Alla giornata sono intervenute moltissime persone portando anche gli amici a quattro zampe, sui piccoli spalti di un campo in terra battuta vicino Castellammare a Sant Antonio Abate, prima della gara supporters, simpatizzanti, associazioni come l’ADDA di Castellammare, Gli Amici della Filangieri, Gli Amici di Piedina, Arenile Stabiese Pulito e tante persone comuni con cartelloni, striscioni e tanto amore per gli “animali”. Il messaggio è stato chiaro “GREEN HILL DEVE CHIUDERE” “LIBERIAMO TUTTI I CANI”,  e vogliamo sperare che questo sia solo l’inizio e che le “grandi società” possano prendere da esempio “una piccola realtà” che a distanza di chilometri ha voluto contribuire alla causa. Si ringraziano per le foto il fotografo ufficiale dei Wasps Stabia Massimiliano Mona dello studio AEMME, ed il fotografo con i suoi allievi Luca schettino ed il Salerno Rugby per aver aderito all’iniziativa. Per la cronaca della partita non ci sono ne vincitori e ne vinti, non conta il risultato, quello che conta che ha vinto la solidarietà.

2 comments

  1. traslochi

    “ragazzi che si autogestiscono pagando gli allenamenti, comprandosi le divise da gioco ed i palloni” il rugby è davvero uno sport che insegna a vivere

  2. casting

    Sono d’accordo: è rimasto uno dei pochi sport dove conta davvero la passione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*