«

»

Dic 03

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia-Gubbio

Come previsto nel commento pregara è stata una gara difficile, ma lo Stabia ha centrato un’altra meritata vittoria contro un Gubbio ben messo in campo dall’espertissimo Gigi Simoni, un gran signore del calcio italiano. Dopo le difficoltà del primo tempo, dove il Gubbio si è chiuso con 5 uomini più uno davanti la difesa, e nel quale sapeva pure ripartire con rapidi contropiedi, grazie a Graffiedi che ergeva su tutti e non solo per la traversa, nella ripresa Braglia inseriva Baldanzeddu al posto di un impreciso Maury e lo Stabia migliorava in fase offensiva. Ancora una volta ci pensava il piccolo sardo Sau, al centro dei desideri del suo Cagliari, a mettere dentro la palla di un prezioso vantaggio, che lo Stabia sapientemente manteneva fino alla fine, senza le distrazioni delle due precedenti gare casalinghe. Anzi sfiorava più volte il raddoppio, che avrebbe ampiamente meritato per quanto dimostrato specie con un Cazzola ancora sugli scudi e anche Raimondi che sostituiva il solito Tarantino, bravo ma con ridotta autonomia e Scozzarella al posto del tutto fare Mezavilla facevano la loro parte. Questa fantastica squadra continua a far sognare i tifosi stabiesi, sempre più felici e orgogliosi di essere così in alto in classifica nonostante una discutibile penalizzazione. Unica nota stonata l’espulsione di Braglia che rischia di tenerlo fuori dal campo di gioco di Marassi, dove lo Stabia affronterà venerdì sera la Sampdoria in un confronto storico, ma che non ci fa nessuna paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*