«

»

Ott 16

SUBBUTEO: Grande prestazione dei soci dello Stabiae agli Open di Foggia

Ancora un’altra grande prestazione dei soci dello Stabiae ad un torneo nazionale Fisct! Alessandro Ottone raggiunge le semifinali dell’individuale Open di Foggia di domenica 9 ottobre 2011, perdendo per 2-1 contro Gerardo Patruno, dei Tigers Bologna, futuro vincitore del torneo.

Alessandro Ottone ha un ruolino di marcia devastante: vittorie per 3-0, 7-1 ed 8-0 nel girone e poi nei barrages prima e nei quarti poi diventa il giustiziere dei fratelli Di Pierro, battendo rispettivamente Simone per 2-0 ed Andrea per 3-2. Bel gioco e gol spettacolari confermano il buon periodo di forma della punta di diamante dello Stabiae.

Buon torneo anche per Giuosuè Esposito, che si ferma ai quarti per mano di Gerardo Patruno perdendo per 7-1. Dopo la sconfitta con Massimo Ciano infila due vittorie per 5-0 nel girone e poi per 3-0 con Marco Montuori ai barrages. Poteva andare ancora oltre nel tabellone: peccato aver incontrato sul suo cammino il futuro vincitore del torneo che gli ha sbarrato la strada.

Eliminato nel girone Massimo Esposito: con campioni come Gerardo Patruno e Stefano Capossela vende cara la pelle ma cede alla superiore bravura tecnica degli avversari. La vittoria per 5-0 con La Gatta non lo aiuta a superare il girone iniziale. Peccato!

Forfait dell’ultima ora per Domenico Vinaccia e per Eduardo Erminione che, per motivi familiari il primo e di salute il secondo, sono costretti a restare a casa.

Per la cronaca l’Open è stato poi vinto da Gerardo Patruno, dei Tigers Bologna, per 2-1 in finale su Massimo Ciano della Sessana 82. Il Veteran è andato al foggiano Scarduelli, mentre Ernesto Gentile, dello Bruzia, fa suo sia l’Under 19 che l’Under 15.

Sabato 8 ottobre 2011 il torneo a squadre, con lo Stabiae assente alla competizione, è stato vinto dalla Sessana 82 di Vincenzo Riccio che, con Massimo Ciano, Gaetano Sasso, Saverio Ferrante e Mattia Stoto, mettono in riga Brasilia Chieti, Foggia, Bruzia e Taranto.

Mario Banditelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*