«

»

Set 20

Motociclismo: Ugo Filosa si prepara al Tour in Albania in programma dal 21 al 25 Settembre

Ugo Filosa reduce dalla vittoria del Balkan Offroad Marathon ci spiega come nasce e si svolge il Tour d’Albania.

Come e da chi nasce l’idea del Tour d’Albania?

Dal 2009 vado in Albania per partecipare a gare in offroad con la moto e i posti che attraversiamo sono incantevoli, quindi a giugno, dopo l’ultima edizione del Rally d’Albania, mi è venuta l’idea di portare anche gli appassionati e non solo i professionisti a visitare questi luoghi.

Perché hai scelto questa location?

L’Albania è un Paese dal burrascoso passato, ma dopo i tumulti si è avuto un rasserenamento generale ed è prevalsa la voglia di lavorare, una delle attività su cui il popolo albanese conta è il turismo, in ogni sua forma e anche noi motociclisti siamo dei turisti in una terra ospitale, popolata da persone che nulla hanno a che vedere con la nostra idea di “albanese”.

Con quali criteri hai scelto i percorsi?

I rally a cui ho partecipato prevedevano migliaia di chilometri in una settimana, tappe anche da 500km al giorno, passando in tratti impegnativi anche per i più esperti piloti, dovendo fare un percorso aperto a tutti, ho unito i percorsi degli ultimi 3 anni, epurandoli dai tratti più difficili e tecnici, concentrandomi su quei tracciati panoramici che mi hanno fatto innamorare dell’Albania.

Quanto tempo porta via l’attività necessaria per organizzare un evento simile?

Organizzare un evento simile è stato molto dispendioso, sia economicamente, sia in termini di tempo ad esso dedicato, sono stato 2 volte in agosto sui percorsi per tracciare sia i tratti del tour, sia gli eventuali tagli su asfalto, indispensabili per poter essere raggiunti in caso di emergenza o per accompagnarci qualche iscritto al tour esausto..

Quali difficoltà dovranno aspettarsi i partecipanti al Tour?

Il tour organizzato è studiato per essere improntato su un servizio all-inclusive, cercando di limitare le difficoltà dei partecipanti a godersi la moto guidando, al resto penserà l’organizzazione, meccanico al seguito con furgone e ricambi, hotel di prima categoria, assicurazione medica, trasporto bagagli, servizio gomme etc etc

Per quale motivo avete optato per l’impiego delle potenti bicilindriche?

Sono un felice possessore di grossa bicilindrica, ho un KTM950 e conosco svariate persone che posseggono una moto come la mia e che non sanno cosa possa essere capace di fare, usandola su percorsi cittadini, riducendo quelle che possono essere le soddisfazioni e le emozioni che una moto come quella posseduta possa regalare!!! quanti possessori di BMW GS1200 non hanno mai neanche impolverato la propria moto? con loro uso sempre una frase: “CE L’HAI??? USALA!!!”

Come mai, con tanti appassionati che ci sono, non avete pensato all’Italia per realizzata un’iniziativa simile?

In Albania la quasi totalità delle strade carrabili è sterrata, di asfalto ce n’è veramente poco, non abbiamo vincoli di permessi con forestale e altre autorità, possiamo girare liberamente dove vogliamo nella totale sicurezza che nessuno ci venga a disturbare, in Italia questo non sarebbe possibile e dover mettersi a chiedere tutti i permessi necessari farebbe lievitare i costi, ciò non toglie che nel nostro programma di tours abbiamo anche un tracciato da 4 giorni di avventura in Sardegna, lungo lo Stivale è difficile trovare tratti di fuoristrada continuativi e che non vadano a ledere gli interessi di qualcuno..

Quali sono le aziende che oltre a Metzeler vi supporteranno in questa iniziativa?

Oltre alla Metzeller che tramite la PNEUTEC srl ci fornirà delle gomme a prezzo vantaggioso, le stesse case KTM e BMW, tramite i concessionari ci forniranno dei ricambi in conto vendita per sopperire alle eventuali necessità, la SIXS produttrice di abbigliamento intimo in carbonio offrirà dei prodotti agli iscritti, la Japan Servis di Tirana provvederà alla fornitura dei mezzi di supporto al tour e farà da base logistica a Tirana, gli organizzatori del Rally d’Albania provvederanno all’organizzazione dei pernottamenti e supervisioneranno la sicurezza durante il tour.

Nuove date del tour?

La prima edizione si terrà da 21 al 25 settembre 2011, ma prevediamo di organizzare subito una seconda edizione a cavallo tra fine ottobre e i primi di novembre, approfittando del ponte del 2 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*