«

»

Set 10

Motociclismo: Ugo Filosa vincitore della Balkan Offroad Marathon 2011

La “Balkan Offroad Marathon”, è un rally raid in  due paesi per i veicoli 4×4, quad e moto.

Il racconto del vincitore Ugo Filosa:

Ciao a tutti,
la gara è appena finita e sono riuscito a vincere l’assoluta!!!
6 tappe in giro per Bulgaria e Grecia e ora mi aspetta una succulenta premiazione!!!
con i punti acquisiti in questa gara, ho matematicamente vinto la Balkan Cup ad una prova dalla fine,

BALKAN CUP 2011

tra gli svariati premi ho diritto ad una MOTO BETA DA TRIAL NUOVA.
tornando alla gara, sembrava essere cominciata male… ho avuto problemi sia prima di partire, quando non mi sono arrivati in tempo i ricambi per sistemare l’Husqvarna e ho dovuto risistemare l’Apriliona del 2008 che uso per noleggio nella scuola di enduro, sia durante il viaggio di andata e ho prima perso il traghetto Bari-Igoumenitsa per pochi minuti, sono dovuto correre a Brindisi ed imbarcarmi per Vlore in Albania, da lì ho tentato il passaggio alla dogana per la Grecia e mi hanno respinto come un profugo perchè avevo dimenticato i documenti della moto che avevo, come al solito, caricato a pezzi sciolti in macchina….
stavo rientrando mestamente in Italia e mi avevano detto al confine che da Sarande partivano i traghetti, essendo a 100 km da dov’ero, sono andato là e i traghetti c’erano… ma solo per Corfù!!!
non mi restava che tornare a Vlore, ma dal cassetto della macchina, mi saltano fuori i documenti della KTM 950…. che fare???? naturalmente torno al confine… ma non a quello in cui ero stato la mattina, ad uno più vicino a dove stavo… PASSATO ALLA GRANDE!!!!
purtroppo il tempo perso era tanto e mi aspettavano altri 1200km per la Bulgaria, senza perdermi di coraggio, strada avanti e camminare!!! sono arrivato in Bulgaria, passando un altro confine con lo stesso metodo, alle prime luci dell’alba, ho preso la mia camera in hotel e sono crollato, mi sono alzato col rumore delle moto che partivano per il prologo… troppo tardi, moto da rimontare, iscrizione da fare e numeri di gara ancora da attaccare!!! faccio il possibile e mi mancavano solo i numeri… ma non c’è stato verso, era tardi e non avrei fatto il prologo, che determina il solo ordine di partenza della gara del giorno dopo, sarei partito ultimo…. polvere e pietre in quantità industriale!!!
la prima tappa prevedeva un doppio anello intorno Kardzhali, davvero complesso il percorso con molte note di navigazione fondamentali, partivo ultimo e li ho sorpassati tutti!!!!! alla fine della giornata ero in testa con già 20 minuti di vantaggio sul 2°.

Ugo Filosa

nella seconda tappa abbiamo effettuato 400km per trasferirci in Grecia con 3 lunghe speciali da oltre 100km, gara massacrante, ma quante soddisfazioni…. ancora solitario all’arrivo, nessuno alle mie spalle per minuti e minuti… il vantaggio sale a 45 minuti, nel paddok ormai mi hanno battezzato con un nuovo nome UGOGARMIN grazie alle mie capacità di navigazione!!!
la terza tappa prevede il ritorno in Bulgaria con altrettanti 400km da fare e altre 2 specialone da 120km, comincio ad amministrare il vantaggio, ma non perdo il gusto di guidare, correre e divertirmi, sono 2° di tappa e perdo 5 minuti del mio vantaggio, non fa niente, era calcolato!!!
la quarta giornata è di riposo e ci voleva!!!
quinta tappa, altra tattica!!! 4 speciali da 28 km parto 2°, recupero il mio rivale, lo sorpasso e poi lo aspetto ad ogni bivio per tenere sotto controllo la situazione, poi quando parto prima di lui nella speciale successiva, lo aspetto e lo lascio passare, divento la sua ombra…. perdo la tappa per pochi secondi, ma i 38 minuti restano INAMOVIBILI!!!
ultima tappa, 100km di percorso e una prova speciale da 50km, parto secondo, il mio rivale primo, mi basta arrivare in fondo per portare a casa la gara, ma quando la cronometrista mi fa 5…4…3…2…1…gooo!!! mi si chiude la vena che porta sangua al cervello e parto a fuoco, 17 km ed ho ripreso il mio rivale, tento di sorpassarlo in piena velocità nella polvere e per poco non ci lascio le penne per una roccia presa in piena velocità, allora decido che poteva bastare così… andatura relax, degustazione dei panorami, strette di mano e pacche sulle spalle ai controlli a timbro e di passaggio e concludo la gara in piena sicurezza, vincendo un Rally che era cominciato malissimo!!!
MAI MOLLARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*