Lug 29

I convocati della Juve Stabia dei tecnici Ciro Ferrara e Fabio Caserta

convocati juve stabiaAl termine dell’allenamento di rifinitura, svolto questa mattina presso lo Stadio “Romeo Menti”, i tecnici Ciro Ferrara e Fabio Caserta hanno reso nota la lista dei nr.22 calciatori convocati per il match Siracusa-Juve Stabia, valevole per la diciottesima giornata del campionato di Serie C Girone C, in programma domani, domenica 10 dicembre 2017, con inizio alle ore 14,30 presso lo Stadio “Nicola De Simone” di Siracusa.

Portieri: Bacci, Branduani e Polverino.

Difensori: Bachini, Crialese, Dentice, Gaye, Morero, Nava e Redolfi.

Centrocampisti: Calò, Capece, Mastalli, Matute e Viola.

Attaccanti: Berardi, Canotto, Costantini, D’Auria, Lisi, Paponi e Simeri.

 

Indisponibile: Strefezza.

Squalificato: Allievi.

 

 

 

S.S. Juve Stabia

Nov 24

GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE: All’accademia Federale di Castellammare di Stabia il campionato interregionale

Riflettori accesi all’Accademia Federale di Castellammare di Stabia dove, dopo il campionato interregionale zona tecnica di Serie C maschile della Federazione Ginnastica d’Italia, è stata la volta della sezione femminile, con l’organizzazione sempre a cura del C.G.A. Stabia di Angelo Radmilovic.

 Straordinaria doppietta del C.A.G. Napoli di Monica Degli Uberti salito sul gradino più alto del podio nella Serie C2 con Serena Napolitano, Benedetta Tartaglione ed Enrica Fiengo, davanti alle pari età della Ionica Gym Catania e a quelle della La Rosa Brindisi.
5° posto per la squadra di casa guidata da Stefania Gini con Sara Abagnale, Alessandra Amodio, Anita Boccia e Giorgia Vingiani.

In serie C3A successo bis del sodalizio vomerese, ancora privo dellasua palestra di allenamento presso lo Stadio Collana la cui riapertura, a questo punto, sembra rinviataa luglio 2019 in occasione delle Universia di Ginevra Comite, Aurora Pusateri e Carolina Suozzo guidate da Silvia Conte, hanno preceduto la Ginnastica Salerno di Lidia Stefania Cocozza con Sara Mortillaro, Federica Noschese e Maria Francesca Vecchione e la Morgana 999 Villaricca di Vera Siligo con Martina Albano, Giada Galli, Viviana Pragliola e Gaia Rusciano.
4° posto per il Gymnasium Casagiove di Cinzia Massa con Eliana Fandi, Morena Leone, Martina Monaco e Roberta Morrone, 7° posto per La Roccia Napoli di Valeria Ciancio con Eleonora Grotta, Alessia Melillo, e Martina Melillo e 15° per la Valentina 90 guidata da Cristina Righetti con Maria Rosaria Graziano, Alessia Pane, Giulia Toti e Flavia Trincone.

In Serie C3B 2° posto per la Morgana 999 Villaricca con Francesca Izzo, Dora Marini e Giada Pirozzi, giunta alle spalle della La Rosa Brindisi. Sul 3° gradino del podio è salito il C.A.G. Penisola Sorrentina di Rossana De Martino con Maica Acanfora, Giorgia Esposito, Erika Gargiulo e Giorgia Satelliti. Al 6° posto la Valentina 90 di Pozzuoli di Maria Longobardi con Gaia Garzia, Sara Pane, Roberta Paone e Federica Sveldezza.

Nov 18

BASKET MASCHILE-Serie C Silver: Seconda vittoria consecutiva per la Nuova Polisportiva Stabia

Secondo successo consecutivo e prima vittoria esterna per la Nuova Pol. Stabia che s’impone a Casalnuovo contro la Megaride Basket Napoli per 83-53. [risultati e classifica cliccando qui]

Inizia bene la partita della squadra napoletana con un 5-0 ma dopo due minuti lo Stabia avvia bene gli ingranaggi, rifilando un break di 0-13. Coach Di Lorenzo è costretto a richiamare i suoi in panchina ed al rientro in campo dopo il minuto di sospensione la Megaride ritorna in gara fino al -2 grazie ai punti di Gallo. Capitan Mascolo e Vergara finalizzano bene le azioni d’attacco, ma è ancora Gallo a fine primo quarto a ridurre lo svantaggio dei napoletani. La prima frazione di gioco termina 16-20.

Nel secondo quarto le aragoste stabiesi partono forte e incominciano ad aumentare il divario grazie alla bravura di Mandarino abile a rubare palla agli avversari e fornire preziosi assist a Vergara. Il parziale a favore degli stabiesi viene interrotto da un discutibile fallo antisportivo chiamato a Marino che porta in lunetta Gallo: due tiri liberi realizzati e anche l’extra possesso conquistato. A metà periodo la Nuova Pol. Stabia conduce 23-35. La giovane squadra napoletana non ci sta e si riporta sotto con un parziale di 9-0, ma l’ultimo minuto è tutto di marca stabiese: prima realizza Mandarino da 2 punti e poi ci pensa Del Sorbo a 8” dalla fine a realizzare da 3. All’intervallo lungo il punteggio è di 32-40 per Castellammare.

Al rientro dagli spogliatoi è tutta un’altra storia: i ragazzi di coach Pischedda serrano le maglie in difesa lasciando poca iniziativa ai locali, infatti in questo quarto realizzano soltanto 6 punti mentre i gialloblù colpiscono più volte in contropiede. Sotto canestro ci pensa Vergara che non ne sbaglia una (9/9 da 2 pt.) e dalla lunga distanza Del Sorbo dà il meglio di sè (3/4 da 3pt.). Alla fine del terzo quarto Stabia è avanti di 29 lunghezze, 38-67.

Nell’ultimo quarto i ragazzi di Castellammare raggiungono il massimo vantaggio di 37 punti che permette di dare spazio anche a tutti gli iscritti a referto. Da segnalare l’espulsione a Gianluca Marino per aver commesso un fallo tecnico che sommato al fallo antisportivo fischiato nel secondo quarto gli costa l’uscita dal campo prima del termine della gara. Con il punteggio finale di 53-83 la Nuova Pol. Stabia conquista la sua seconda vittoria consecutiva lasciando alle spalle quattro avversarie in classifica.

A fine gara abbiamo ascoltato Massimo Vergara autore in questa partita di una superba prestazione (25 punti e 12 rimbalzi): “Per me è stato un avvio di campionato non facile ma sto recuperando la condizione fisica partita dopo partita. Al di là della mia buona prestazione sono molto contento dell’atteggiamento della squadra, abbiamo lottato su ogni palla e non ci siamo fermati nemmeno sul +30. Sono felice di questo nostro buon momento”.
Anche coach Pischedda al termine dell’incontro commenta questo secondo successo consecutivo: “Sono molto soddisfatto di questa seconda vittoria soprattutto perché la Megaride è una nostra diretta concorrente. Da ora possiamo lavorare con più tranquillità e magari provare a fare qualche scherzo alle squadre di alta classifica”.

Prossimo impegno per i ragazzi di Castellammare è domenica 19 novembre alle ore 18:30 in trasferta contro il Basket Sarno.

 

UFFICIO STAMPA NPS & BTS

Tabellino

Megaride Basket Napoli – Nuova Polisportiva Stabia 53-83
(16-20; 16-20; 6-27; 15-16)

 

MEGARIDE BASKET NAPOLI: Zollo 3, Bauduin 3, Crescenzi 2, Gallo 25, Capezza 5, Menditto 2, Mansi, Puoti 3, Marcelletti n.e., Finamore (cap.) 2, Bordi 8. All.re Di Lorenzo, ass.all.re Abete.
Cinque falli: nessuno.

N.P. STABIA: Chirico 2, Del Sorbo 16, Federico 5, Incarnato 6, Mascolo (cap.) 14, Vergara 25, Marino 4, Di Martino, De Riso, Attianese 2, Apostolo 2, Mandarino 7. All.re Pischedda, ass. all.re. Sabatino.
Cinque falli: nessuno. Espulso Marino al 5′ del 4°quarto.

Arbitri: Morra e Cerullo.

Nov 16

TAEKWONDO: Giampiero Esposito Campione Interregionale Abruzzo

Giampiero Esposito Campione Interregionale Taekwondo

Quasi una favola per la Saekoryo che ha visto salire sul gradino più alto del podio la settimana scorsa il più piccolo dei nostri taekwondoka ed oggi il più grande.

In terra d’Abruzzo si sono fatti valere tutti i nostri ma gradualmente, difatti man mano sono progrediti sempre di più nelle classifiche facendo acuire il tifo dei più che numerosi fans e genitori stabiesi al seguito ed ecco il film della gara:

  • ESPOSITO Corrado, già in precarie condizioni atletiche, cedeva il passo al primo incontro;
  • SOMMA Salvatore sconfiggeva agli ottavi per 14 a 9 l’avversario della Taras TKD ma cedeva il passo ai quarti a colui che poi sarebbe diventato il campione della categoria;
  • GRAZIUSO Emanuela con un roboante 18 a 4, come oramai ci ha abituato, sconfiggeva la taekwondoka della Pontina TKD ma doveva cedere il passo alla più esperta atleta di Celano e comunque conquistava un 2° posto di tutto onore. Ah, al riguardo è da annoverare che per lei era la prima esperienza fuori dalle mura amiche e nella categoria superiore Rosse/Nere;
  • ESPOSITO Giampiero, già V.Campione Italiano, si rifà subito della delusione ai Campionati Campani ove si doveva accontentare del solo bronzo. Incontrava l’atleta dell’Olimpic Pescara con la grinta giusta e con la voglia di rifarsi e pertanto conquistava il titolo Interregionale con un sonoro 15 a 6 e con la nostra rinnovata convinzione di avere con noi un  CAMPIONE!!!

 

 

Nov 14

BASKET MASCHILE-Serie C Silver: Prima vittoria in campionato per la Nuova Pol. Stabia

Arriva la prima vittoria in campionato per la Nuova Pol. Stabia che batte l’Al Delfino Mugnano per 56-50 nella settima giornata di Serie C Silver. [risultati e classifica cliccando qui]

Avvio di gara equilibrato tra le compagini in campo fino a quando gli stabiesi realizzano il primo mini-break di 4-0 e a metà periodo conducono 8-4. Mugnano realizza un contro-break di 0-4 riportando la parità tra le squadre a 3’ minuti dal termine, ma i ragazzi di coach Pischedda iniziano a difendere bene e approfittano degli errori al tiro degli ospiti chiudendo con un parziale di 7-0. Il primo periodo termina sul punteggio di 15-8.

Nel secondo quarto continua a difendere forte la N.P. Stabia soprattutto sotto canestro con Vergara e allungando il divario con le penetrazioni in area di capitan Mascolo e Marino fino ad arrivare al massimo vantaggio di +14. Mugnano aggiusta la mira e accorcia le distanze con le bombe da 3 di Civita e capitan Pascarelli. All’intervallo lungo il punteggio dice 30-22.

Al rientro dagli spogliatoi il Mugnano tenta di rifarsi sotto con i punti di Del Duca, top scorer della serata. Le aragoste stabiesi sbagliano tanti tiri dalla lunga distanza ma nemmeno gli avversari riescono ad approfittare perché anche loro sono deficitari al tiro: il punteggio di fine terzo quarto è chiaro 39-33.

Nell’ultimo quarto dopo 2’ di gioco Mugnano si porta a due lunghezze di svantaggio. In questo momento è Vergara a salire in cattedra – autore di una doppia-doppia con 16 punti e 12 rimbalzi – in cui gli ospiti per contenerlo nel pitturato devono ricorrere a continui falli e l’ala forte stabiese non sbaglia i tiri liberi, realizzando nell’azione successiva anche l’unica bomba da 3 della serata per i padroni di casa. A 5’ dal termine è di nuovo +7 Stabia. Gianluca Marino è bravo a recuperare palla e a segnare in contropiede subendo fallo e realizzando il tiro libero aggiuntivo che toglie ogni speranza a Mugnano di rientrare in partita nonostante la tripla di Angelino a 1’ dalla fine. Con il punteggio finale di 56-50 la Nuova Pol. Stabia festeggia la sua prima vittoria in campionato.

Un più che soddisfatto coach Pischedda a fine gara: “Sono molto contento per la nostra prima vittoria in campionato, potevamo fare di più nel terzo quarto per via delle imprecisioni al tiro, ma in difesa siamo stati davvero bravi. Questa vittoria ci fa tenere il morale alto in vista dell’importante match di giovedì sera”.

Prossimo impegno giovedì 16 novembre alle ore 21 a Casalnuovo per il recupero della sesta giornata contro la Megaride Basket Napoli attualmente a parità punti in classifica con gli stabiesi.

 

Tabellino

Nuova Polisportiva Stabia – Al Delfino Mugnano 56-50
(15-8; 15-14; 9-11; 17-17)

N.P. STABIA: Chirico 8, Del Sorbo, Federico 3, Incarnato 5, Mascolo (cap.) 10, Vergara 16, Marino 14, Di Martino, Dobrev n.e., Ottone n.e., Apostolo, Mandarino. All.re Pischedda, ass. all.re Maresca, 2° ass. all.re. Sabatino.
Cinque falli: Chirico.

BASKET MUGNANO: Verde n.e., Sarnataro, Vaccaro 2, Cotena, Angelino 16, Pascarelli (cap.) 6, Civita 3, Del Duca 19, Montanino n.e., De Gregorio 2, D’Angelo 2, Borzacchiello n.e. All.re Olivo, ass.all.re Punziano.

Cinque falli: nessuno.

Arbitri: Belprato e Ciano.

UFFICIO STAMPA NPS & BTS

Nov 12

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Cosenza – Juve Stabia

Lo Stabia non riesce a prendere un punto al San Vito al cospetto del suo condottiero del passato, disputando una gara piuttosto brutta, soprattutto nella ripresa dopo il gol di Bruccini, che ha deciso la gara con la complicità della deviazione sbagliata di Allievi sulla linea di porta, che manda la palla a sbattere sulla schiena di Branduani e poi nella sua porta.

Contro la formazione allenata dal grande ex dei fasti della B, Piero Braglia, lo Stabia del suo allievo Caserta è riuscito a fare bene solo nel primo tempo, anche se la gara è stata condizionata dalle brutte condizioni del manto erboso dopo la pioggia delle ore precedenti.

Caserta e Ferrara hanno dovuto rinunciare in questa gara a importanti elementi, gli infortunati Paponi, Berardi e Dentice e lo squalificato Morero, potendo dunque scegliere questa volta in modo limitato in difesa e in attacco, puntando su Branduani in porta, Allievi, Bachini, Nava e Crialese in difesa e su un centrocampo composto dal milanista Mastalli, Viola e Matute e l’anomalo tridente in attacco Lisi, D’Auria e Simeri.

Nella squadra di casa militano due attaccanti di grande valore come l’ex Baclet e Caccavallo, ma nel primo tempo, lo Stabia tiene bene il Cosenza, nonostante la supremazia territoriale dei locali, che impegnano Branduani solo una volta con un tiro di Calamai, mentre prima Simeri sugli sviluppi di un calcio piazzato e poi Viola metttono i brividi a Perina.

Cosenza – Juve Stabia 1-0 Foto Michele De Marco.

Nella ripresa Braglia decide di rinunciare a Baclet, che ha giocato con una vistosa fasciatura al capo, inserendo Mendicino e subito il suo Cosenza trova il vantaggio con il tiro non irresistibile, ma fortunato di Bruccini che sorprende Allievi e Branduani. Lo Stabia ha provato ad esprimere il suo solito gioco discreto, ma senza Morero in difesa, la vena propositiva di Mastalli a centrocampo e lo scorpione Paponi in fase offensiva ha fatto molto poco per impensierire il portiere avversario e se consideriamo anche l’infortunio di Simeri che costringe Caserta ad inserire persino Costantini assieme a Canotto, tenuto stranamente in panchina per valorizzare il giovane D’Auria, in campo addirittura per un’ora di gioco. Successivamente nello Stabia entrano pure Strefezza al posto di un Mastalli ancora piuttosto abulico e Calò per l’infortunato Viola. Il Cosenza di Braglia impegna la difesa stabiese con Caccavallo, Calamai, Bruccini e i subentranti Mendicino, Mungo e Tutino, ex promessa della Primavera del Napoli, dimostrando di valere una posizione in classifica migliore di quella in cui l’aveva condotta l’altro ex trainer stabiese, Gaetano Fontana e gestendo la gara con una condotta piuttosto esperta e senza subire grossi pericoli. In effetti lo Stabia riesce a rendersi pericoloso solo con qualche mischia nell’area di rigore avversaria, che però non riesce a produrre conclusioni degne di nota nella porta dei calabresi e quindi alla fine del recupero con l’ultima azione nella quale il portiere Perina riesce a perdere tempo con esperienza e furbizia, torna a subire una sconfitta dopo quella del Pinto contro il Lecce.

Sabato pomeriggio al Menti la squadra di Castellammare dovrà affrontare un altro temibile avversario, il Catania dell’ex bomber Ripa, l’unica squadra al momento in classifica in condizione di tenere testa alla capolista Lecce, che oggi pomeriggio purtroppo ha violato anche il Nicola De Simone di Siracusa. Ma con l’aiuto del ritrovato Menti nel catino dei suoi tifosi passionali come quelli presenti anche al San Vito, la squadra potrà tentare l’impresa di battere ancora i blasonati etnei, come è gia accaduto nelle passate stagioni.

Tabellino

Cosenza – Juve Stabia 1-0

COSENZA (4-3-3): Perina; Corsi, Dermaku, Idda, Pinna; Calamai (45′ s.t. D’Orazio), Palmiero (23’s.t. Mungo), Bruccini; Statella, Caccavallo (27′ s.t. Tutino), Baclet (s.t. Mendicino). (A disp. Saracco, Boniotti, Pascali, Pasqualoni, Trovato, Loviso, Stranges, Mendicino). All. Piero Braglia

JUVE STABIA (4-3-3): Branduani; Nava, Allievi, Bachini, Crialese; Viola (35′ s.t. Calò), Mastalli (21′ s.t. Strefezza), Matute; D’Auria (3′ s.t. Costantini), Simeri (3′ s.t. Canotto), Lisi. (A disp: Bacci, Polverino, Gaye, Awua, Redolfi, Capece, Zarcone); All. Fabio Caserta-Ciro Ferrara

ARBITRO: Vincenzo Fiorini della sezione di Frosinone

MARCATORE: 2′ s.t. Bruccini

Nov 12

CALCIO DA TAVOLO: Risultati torneo di Foggia dello Stabiae

Formazione Stabiae calcio da tavolo

Sabato 4 novembre 2017 lo Stabiae ha preso parte con due formazioni al nazionale a squadre che si è svolto alla palestra “Pesante” di Foggia.

Le due formazioni si sono ben comportate sfiorando la vittoria nel tabellone principale con la squadra A, che perde per 3-1 in finale contro i Napoli Fighters e nel torneo Cadetti con la squadra B che perde per 3-1 contro Anacapri B.

Le due formazioni erano così composte:

Stabiae A (Massimo Esposito, capitano, Eduardo Erminione, Michele Sirica, Catello Gargiulo);

Stabiae B (Vincenzo Iovino, capitano, Armando Balestrieri, Domenico Vinaccia, Mario Banditelli, presidente).

Ottimi risultati anche all’individuale del giorno dopo, domenica 5 novembre 2017, dove Eduardo Erminione conferma il suo ottimo momento di forma raggiungendo i quarti di finale, dove purtroppo viene sconfitto per 2-1 dall’ex stabiese Alessandro Ottone. Solo i pali, le parate e un pizzico di sfortuna gli sbarrano l’accesso alla semifinale in una gara largamente dominata.

Per la cronaca il torneo viene vinto dall’ex Saverio Ferrante che in finale batte l’idolo di casa, il foggiano Giuseppe Battaglia per 3-0.

Mario Banditelli

Nov 10

BASKET FEMMINILE-Serie B: Polisportiva Sorrento – Basket Femminile Stabia 52-69

Il Basket Femminile Stabia espugna l’ostico campo di Sorrento e conquista il primo successo esterno di questa stagione.

Le coccodrille trovano subito la via del canestro in avvio gara con Trotta e Potolicchio ma in difesa in più di un’occasione sono pigre sulle iniziative delle locali. Una volta registrata la difesa sull’1vs1 di Cacace&C. però le ospiti piazzano il primo break dell’incontro, le esterni stabiesi si scatenano in campo aperto ed a suon di triple mettono distanza tra loro e le sorrentine chiudendo il primo quarto sul +14 (11-25).
La musica non cambia ad inizio secondo parziale, il positivo ingresso delle under Grumetti e Scala dalla panchina consente alle ospiti di mantenere alta l’intensità e la pressione difensiva. Sorrento fatica a trovare la via del canestro e si va negli spogliatoi sul 22-38.
Al rientro in campo nuovo strattone delle ragazze di coach Costagliola, Gallo e Potolicchio piazzano un 6-0 con due triple (22-44). Il parziale si allunga ulteriormente ed un canestro dell’attivissima Trotta porta le ospiti al massimo vantaggio (+28). Le sorrentine non si danno per vinte e continuano a lottare su ogni pallone. Braida prova a scuotere le sue, Cacace si accende e con due canestri riporta le proprie compagne sul -18 alla sirena del terzo (37-55).
La stanchezza aumenta così come i contatti a rimbalzo e sulle palle vaganti, il gioco all’improvviso si sporca e gli arbitri faticano a controllare la contesa. Il duo Potolicchio-Carotenuto incorre in problemi di falli, Stabia vive un momento di sbandamento e le locali ne approfittano per portarsi sino al -10 a 5′ dalla fine grazie alle iniziative di Errico e Parlato. Un canestro di Gallo ed un appoggio da sotto di Carotenuto rimettono però distanza tra le due squadre e permettono alle viaggianti di chiudere agevolmente l’incontro.

Nel prossimo turno le stabiesi ospiteranno tra le mura del PalaSeveri la capolista imbattuta Salerno92, reduce dalla convincente vittoria casalinga contro Ariano Irpino. L’appuntamento per gli appassionati è per Sabato 11 Novembre alle ore 19.00.

Queste le dichiarazioni della capitana Raffaella De Rosa al termine della gara: ” Una bella vittoria nel derby a Sorrento. Abbiamo dominato la gara per due quarti e mezzo poi abbiamo subito la rimonta. In quel momento ci siamo compattate e con grande voglia siamo riuscite a conquistare la vittoria finale. Nelle difficoltà è uscita fuori la solidità di questo gruppo che sta crescendo bene. Visto il ritardato inizio di stagione abbiamo ancora bisogno di lavorare tanto per trovare la sintesi migliore ma c’è grande disponibilità da parte di tutte noi a voler creare sempre più legame. Sono sicura che seguendo le indicazioni dei nostri coach riusciremo a ottenere belle soddisfazioni nel corso del torneo. “

Serie B Femminile – 3 giornata

Polisportiva Sorrento – Basket Femminile Stabia 52-69

Parziali 11-25; 11-13; 15-17; 15-14

Polisportiva Sorrento: Acampora, Cacace, Facelgi, De Luca 6, Apreda, Cacace R. 11, Errico 13, Parlato 8, Borgongino 8, Braida 4, Staiano 2, Cancellieri, Di Palma All. Braida

Basket Femminile Stabia: Trotta 15, De Rosa 2, Manganiello 4, Carotenuto 6, Gallo 15, Orta, Potolicchio 25, Di Ruocco, Donnarumma, Scala, Grumetti 2 Cuomo 1 all. Costagliola Ass. Martone

Arbitri : Sacco – Sabatino

Ufficio Stampa Basket Femminile Stabia

Nov 07

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Virtus Francavilla

Lo Stabia non riesce a battere la Virtus Francavilla, in un tardo pomeriggio di un martedì novembrino piovoso, che ha tenuto lontano il grande pubblico dal Menti, ottenendo il primo pari casalingo e subendo il primo gol al Menti con una sfortunata autorete, la terza stagionale dopo quelle di Bisceglie e Siracusa.

Contro la formazione allenata dall’ex calciatore di Udinese e Fiorentina, D’Agostino, Caserta e Ferrara hanno dovuto rinunciare allo squalificato Crialese e pure agli infortunati Dentice e Berardi, puntando su Branduani in porta, Morero, Bachini e Nava in difesa e arretrando Lisi sulla corsia sinistra e su un centrocampo folto composto dal milanista Mastalli, reduce dal turno di squalifica, Viola, Matute e l’esterno destro Canotto e il duo Paponi e Simeri in attacco.

Schieramento iniziale Juve Stabia – Virtus Francavilla. Foto SS.Juve Stabia.it

Nella Virtus Francavilla milita Daniel Di Nicola, figlio di quel Davide, centravanti importante dell’era Fiore, un promettente esterno sinistro che sogna di tornare a Castellammare, dove ha trascorso due anni di asilo ai tempi dello Stabia del padre e magari già a gennaio la società di Manniello potrebbe farci un pensierino per rinforzare la rosa a sinistra. Lo Stabia ha provato ad esprimere il suo solito gioco anche sotto un violento acquazzone, ma senza Crialese sulla corsia sinistra in difesa, Caserta non ha voluto schierare il giovane sconosciuto Gaye, proveniente dall’Afro Napoli, ma cambiare completamente modulo, rinforzando il centrocampo e arretrando Lisi, come facevano la scorsa stagione anche Fontana e Carboni, ma l’esperimento ha dato i suoi frutti solo nel primo tempo. Ad eccezione di un colpo di testa che comunque non ha centrato la porta di Branduani, la Virtus non si è resa mai pericolosa, mentre lo Stabia soprattutto con i cross di Canotto ha impensierito la porta di Albertazzi, fino a trovare il gol proprio allo scadere con Simeri, che ha sfruttato un’azione e un traversone dello stesso ex esterno del Trapani.

Nella ripresa D’Agostino inserisce Madonia e Mastropietro per Ayina e Folorunho, mentre Caserta ha dovuto subito fare a meno di Paponi per un infortunio ed entra Strefezza, e Simeri tenta un pallonetto dalla distanza, calciando però debolmente con la squadra ospite che gioca in avanti per cercare il pari. La fortuna viene incontro alla squadra di D’Agostino, che giunge al gol del pari con un colpo di testa nella propria porta di Bachini, che sorprende il bravo Branduani, che per tutta la gara non ha dovuto compiere la benché minima parata, se non una presa su un colpo di testa di Saraniti dopo un traversone pericoloso nel recupero. Purtoppo per tornare in vantaggio non basta un Lisi tornato su livelli accettabili e certamente non serve un apatico Mastalli, che infatti viene sostituito da D’Auria. L’attaccante subentrante comunque nemmeno incide sulla gara, ma lo Stabia reclama un rigore per un’evidente trattenuta su Morero in area avversaria, il quale rischia poi l’espulsione per una gomitata a Saraniti nel finale, subendo solo un cartellino giallo, la stessa sorte di Matropietro per un brutto intervento su Lisi, che prova a portare pericoli, trovando però scarsa collaborazione nei compagni, stanchi e provati per la trasferta di Matera e per questa gara combattuta sotto una pioggia incessante.

Insomma lo Stabia, dopo il pari beffardo di Matera, subisce un’altra beffa con la Virtus Francavilla, molto forte e combattiva in difesa, ma rinunciataria nella fase offensiva e ora, come ha dichiarato Caserta nel dopo gara sarà chiamato a fare risultato nella prossima trasferta a Cosenza di sabato contro il grande ex Braglia, suo maestro negli anni della B a Castellammare. L’ultima considerazione la rivolgo ai coraggiosi tifosi presenti al Menti, che hanno sfidato il tempo inclemente delle ultime ore, che ha costretto il Sindaco a chiudere persino le scuole cittadine, questo per amore della squadra del cuore, non sono stati tantissimi, ma il loro incitamento soprattutto dalla curva è stata l’unica luce di un martedì di novembre plumbeo e piuttosto opaco per il nostro Stabia.

Tabellini

Juve Stabia – Virtus Francavilla 1-1

Juve Stabia: 26 Branduani, 4 Morero, 7 Nava, 9 Simeri, 10 Paponi (7′ st 21 Strefezza), 15 Viola, 17 Matute, 18 Canotto, 19 Bachini, 23 Lisi, 24 Mastalli (36′ st 29 D’Auria). A disposizione: 1 Bacci, 25 Polverino, 5 Awua, 6 Allievi, 8 Capece, 11 Costantini, 13 Redolfi, 16 Gaye, 27 Zarcone, 28 Calò. All.ri Fabio Caserta-Ciro Ferrara.

Virtus Francavilla: 1 Albertazzi, 4 Prestia, 7 Ayina (1′ st 33 Madonia), 8 Biason, 9 Saraniti, 13 Pino, 18 Di Nicola (32′ st 16 Albertini), 20 Folorunsho (1′ st 28 Mastropietro), 25 Sicurella (39′ st 5 Buono), 30 Maccarrone, 35 Agostinone (41′ st 15 Delvecchio). A disposizione: 22 Battaiola, 36 Scarafile, 2 De Toma, 6 Gallu, 10 Viola, 11 Valotti, 34 Monaco. All. Gaetano D’Agostino.

Arbitro: Andrea Capone della sez. AIA di Palermo

Assistenti: Giorgio Rinaldi della sez. AIA di Roma 1 e Francesco Rizzotto della sez. AIA di Roma 2

Marcatori: 46′ pt Simeri (JS), 17′ st aut. Bachini (JS)

Ammoniti: Mastropietro (VF), Morero (JS)

Angoli: Juve Stabia 5, Virtus Francavilla 0

Recuperi: 1′ pt, 4′ st

Note: spettatori 536 per un incasso di 4.076,00 € (120 spettatori paganti per un incasso di 1.806,00 €, 416 abbonati per un incasso di 2.270,00 €).

Nov 04

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Matera – Juve Stabia

Anche questa volta allo stadio XXI settembre di Matera lo Stabia non riesce a vincere, ma come nella doppia gara della scorsa stagione, ha giocato bene ed è andato davvero molto vicino a sfatare il tabù, subendo il gol del pari solo nei minuti di recupero.

Il rammarico è notevole, ma prima della gara, considerando il valore del Matera, reduce dal turno di riposo e le assenze pesanti di Mastalli, Berardi e Dentice in tanti avremmo considerato il pareggio un grandissimo risultato.

La guida tecnica ha preferito puntare nuovamente sul modulo sperimentato al Menti contro il Rende, un elastico 4 4 2, che si trasforma in 4 2 4 nella fase offensiva con Branduani in porta, Morero, Bachini, Nava e Crialese in difesa e su un centrocampo composto da Matute e Viola e gli esterni Lisi e Canotto con il duo in attacco formato da Simeri e il cannoniere anconetano Paponi, realizzatore dell’ultimo gol decisivo al Menti.
La squadra di casa, allenata dal rivale storico Auteri nel primo tempo, si fa notare pericolosamente in avanti nei primi minuti con due conclusioni di Giovinco, parente stretto del famoso Sebastian, goleador del Toronto, sulle quali è bravo Branduani ad intervenire e poi comincia la netta superiorità di gioco e di occasioni delle vespe, che reclamano pure un rigore piuttosto evidente per un fallo di mano in area. Lo Stabia trova il gol con una splendida azione del finalmente ritrovato Lisi, al termine di una delle tante splendide triangolazioni nella zona d’attacco, il quale serve a Viola una palla deliziosa che il talentuoso centrocampista spedisce con precisione nella porta avversaria. La squadra di Castellammare si rende ancora pericolosa con un colpo di testa sventato da Golubovic e trova un altro gol con Simeri, che però viene annullato dall’arbitro per un fuorigioco non certo solare, mentre Branduani compie un altro grande intervento su un tiro di Strambelli, che ad inizio ripresa si infortuna e lascia il campo per Battista.

Foto TifoMatera

Nella ripresa lo Stabia sfiora il raddoppio con un’altra bella giocata di Lisi che costringe il portiere Golubovic ad una grande parata in angolo, ma anche il Matera si rende pericoloso con il frizzante Giovinco, in una gara che comunque è stata avvincente dall’inizio alla fine, purtroppo con un arbitraggio non adeguato alla sfida, che non riesce a gestire la parte finale con un recupero abnorme e una valutazione molto discutibile su un altro episodio dubbio in area del Matera con il portiere che interviene a valanga su Simeri, e sulle situazioni da cartellino giallo che hanno portato a decretare l’espulsione di Crialese e altre similari.

Oltre a diverse valutazioni arbitrali anche i cambi del duo Caserta Ferrara non convincono con l’esclusione di Bachini per Allievi, quelle di Paponi e Lisi, che stavano facendo bene per Strefezza e Calò e soprattutto l’ultima di Canotto per D’Auria, preferito a Capece e Costantini e la squadra di casa trova il gol del pareggio in mischia con Scognamillo dopo un’altra serie di buone parate di Branduani per la gioia del pubblico locale, che addirittura nei minuti del recupero del recupero sogna di potersi ritirare a casa con una vittoria, che però sarebbe stata a dir poco rocambolesca e sicuramente non meritata. L’arbitro Massimi di Termoli va in difficoltà nel valutare l’entità del recupero per gli infortuni di Matute e Branduani ed è costretto a trattenersi sul campo anche dopo il suo triplice fischio finale per le proteste della squadra di casa, mentre i circa venti tifosi delle vespe possono comunque applaudire la squadra che opportunamente cerca il loro tributo, invece di perdersi in inutili polemiche con gli avversari e lo stesso arbitro.

Lo Stabia può rammaricarsi per aver sciupato l’occasione di infrangere lo storico tabù di Matera, ma rimane la soddisfazione per aver disputato una grande prova contro un forte avversario, dimostrando ancora una volta di valere molto dalla cintola in su, con diversi problemi da affinare in fase difensiva, nella quale solo il portiere Branduani ha dimostrato di essere un autentico punto di forza, mentre deve migliorare l’attenzione dei suoi colleghi di reparto e degli stessi centrocampisti, oggi privi dell’importante apporto del gioiellino Mastalli. Anche Nava e Crialese, la cui espulsione è apparsa esagerata, devono assicurare un rendimento più efficiente nella fase di difesa, mentre conforta finalmente il ritorno all’ottima prestazione di Lisi e quelle discrete di Viola e Simeri, oltre quella già citata del portiere.

Insomma, considerando che lo Stabia giocherà martedì prossimo al Menti contro il Virtus Francavilla nel turno infrasettimanale c’è da essere ottimisti per un immediato ritorno alla vittoria, una piacevole abitudine, che dopo le sfide con Akragas e Rende si deve considerare interrotta momentaneamente, per la forza del Matera e soprattutto per aver subito una lunga essere di episodi negativi nel maledetto stadio XXI settembre.

Tabellino

MATERA – JUVE STABIA  1-1

MATERA: 1 Golubovic, 2 Buschiazzo (12’ s.t. 8 Salandria), 28 De Franco, 5 Scognamillo, 4 Angelo, 14 De Falco, 23 Urso, 17 Sernicola (22’ s.t. 20 Maimone), 11 Giovinco, 27 Casoli, 10 Strambelli (3’ s.t. 21 Battista). A disposizione: 12 Mittica, 22 Tonti, 3 Mattera, 7 Sartore. Allenatore: Auteri

JUVE STABIA: 26 Branduani, 4 Morero, 7 Nava, 9 Simeri, 10 Paponi (19’ s.t. 28 Calò), 14 Crialese, 15 Viola, 17 Matute, 18 Canotto (33’ s.t. 29 D’Auria), 19 Bachini (13’ s.t. 6 Allievi), 23 Lisi (19’ s.t. 21 Strefezza). A disposizione: 1 Bacci, 25 Polverino, 8 Capece, 11 Costantini, 13 Redolfi, 16 Gaye. Allenatori: Caserta – Ferrara

Arbitro: Luca Massimi della sez. AIA di Termoli

Assistenti: Tiziano Notarangelo della sez. AIA di Cassino – Simone Assante della sez. AIA di Frosinone

Ammoniti: Matute (JS), Crialese (JS), Branduani (JS), Battista (M), De Falco (M), Viola (JS)

Espulso: Crialese (JS) per somma di ammonizioni

Marcatori: 37’ p.t. Viola (JS), 47’ s.t. Scognamillo (M)

Angoli: 11-4

Recupero: 0’- 5’

Fonte tabellino S.S. Juve Stabia

Nov 01

CALCIO DA TAVOLO: Colpi di mercato dello Stabiae

Lo Stabiae con i nuovi acquisti

Lo Stabiae non si ferma sul mercato: dopo l’acquisto–ritorno dello stabiese Massimo Esposito a settembre, il club piazza un altro colpo in entrata. Èv di questa settimana, infatti, il trasferimento di Ferdinando Giampietro e di Vincenzo Iovino al club del presidente Mario Banditelli.

Grazie all’azione di convincimento del socio Catello Gargiulo i due forti subbuteisti nolani, convinti della bontà del progetto stabiese, hanno deciso di vestire la casacca gialloblù per il 2017/2018.

I due nuovi acquisti provengono dal club Nola 74, che lo scorso anno sconfisse proprio lo Stabiae nello spareggio play-off per la promozione in Serie C. Il loro arrivo rinforza ulteriormente la squadra per l’assalto alla Serie C che è l’obiettivo principe del club di quest’anno.

Da notare che il fine settimana scorso, 28 e 29 ottobre 2017, si è svolto a Rochefort, in Belgio, la Coppa Campioni per club. La coppa dalle grandi orecchie è stata vinta da una squadra italiana, Reggio Emilia. Finalista della competizione un’altra squadra italiana, Fiamme Azzurre Roma, nelle cui fila milita lo stabiese Giosuè Esposito, ex dello Stabiae e stabiese che si sta facendo conoscere e valere nel panorama del calcio da tavolo internazionale.

Mario Banditelli

Post precedenti «