Apr 25

Memorial “Un Gol per la Vita”

Ieri mattina, 24 aprile, allo Stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia ha avuto luogo il primo Memorial “Il calcio sostiene la sicurezza stradale delle giovani vittime della strada”.

Il memoria è stato fortemente voluto dai dirigenti scolastici dell’Iti “Renato Elia” Giovanna Giordano, dell’istituto Santa Croce Nino Maresca, del liceo scientifico Marcella Sannonoer e del Vitruvio Angela Cioffi.
Organizzato dalla professoressa Marianna Caputo con l’aiuto dei docenti Giovanni Russo, Giuseppe Odoroso e Silvio De Cristofaro.
La manifestazione è stata patrocinata dal comune di Castellammare di Stabia, dal
Garden Club Stabia e dal AMCVS (Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada) e dall’ AUVF.

Sono intervenuti il sindaco di Castellammare avv. Antonio Pannullo, il Maresciallo Antonio Ostuni, il Comandante della capitaneria di porto di Castellammare Guglielmo Cassone, i rappresentanti del Commissariato della Polizia di Stato, la professoressa Enza Celotto in rappresentanza del Garden Club Stabia e i genitori delle giovani vittime Stabia della strada.
L’organizzazione ringrazia la presenza del tg3 Campania e la partecipazione di Radio Puntonuovo.

Il giorno 29 aprile alle ore 9.30 presso Luigi “Renato Elia “ ci sará un seminario di approfondimento.

Apr 23

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Fidelis Andria

Lo Stabia finalmente torna a vincere al Menti per la prima volta nel 2017, contro una dignitosa Fidelis Andria, dimostrando di poter competer nei play-off, matematicamente conquistati col pari di Francavilla Fontana.

Logo StabiAmoreIl tecnico Guido Carboni, privo delle scelte di Camigliano per squalifica e Rosafio e Atanasov per infortunio, ha optato di nuovo per lo schema che amava Fontana, il 4 3 3, ma con lo spostamento di Lisi a centrocampo assieme al rientrante Matute e Mastalli con la difesa composta da Morero e Allievi come centrali con Cancellotti e Liviero sugli esterni davanti al portiere Russo e Cutolo, Ripa e Kanoutè in fase offensiva.

Nel primo tempo le due squadre hanno offerto poche emozioni con la prima parte a prevalenza territoriale pugliese e la seconda a predominio stabiese, culminata con il gol di Kanoutè, proprio allo scadere. Lo Stabia con una bella conclusione di Mastalli, un bel traversone di Lisi non sfruttato da Kanoutè e un episodio dubbio su Ripa in area, legittima il vantaggio dopo una punizione pugliese, respinta con difficoltà da Russo, segnando con un’azione insistita e determinata di Kanoutè, che realizza il vantaggio superando difensore e il portiere in uscita. Leggi il resto »

Apr 20

Memorial “Un Gol per la Vita” il calcio sostiene la sicurezza stradale

Si svolgerà lunedì 24 aprile, a partire dalle ore 9.30, a Castellammare di Stabia, presso lo Stadio “Romeo Menti”, con un mini torneo di calcio, il Memorial Vittime della Strada “Un Gol per la Vita” e il 29 aprile presso l’Auditorium “Italo Celoro” dell’ITI “Elia” con un seminario di approfondimento sulle tematiche della Legalità e l’Educazione Stradale.

Evento organizzato e promosso dall’I.T.I. “Renato Elia” (scuola capofila), con la partecipazione dell’I.I.S. M.P. “Vitruvio”, Liceo Scientifico “F.Severi”, Istituto “S.Croce” e patrocinato dal Comune di Castellammare di Stabia, Associazione culturale “Garden Club” e dall’Associazione Vittime della Strada A.M.C.V.S. e AUFV.

L’evento ha come obiettivo quello di ricordare gli Angeli vittime della strada, di sensibilizzare l’opinione pubblica sopratutto le nuove generazioni, sul tema della sicurezza stradale, ma determinare anche un percorso di informazione e formazione per rafforzare la cultura della sicurezza stradale, volta a promuovere l’acqusizione sulla strada di stili di vita sani, responsabili e rispettosi, della vita propria e maggiore conoscenza e rispetto delle regole del Codice della Strada.

Referenti del progetto: Marianna Caputo, Giovanni Russo, Giuseppe Odoroso e Silvio De Cristofaro.
Ingrresso aperto a tutti.

Risultato immagine per radio puntonuovo

Interviene anche Radio Puntonuovo

 

 

 

 

 

 

 

Apr 19

Weekend Sae Koryo

Weekend Sae Koryo, impegnata in tre diverse discipline.
TAEKWONDO: Pozzuoli 9/4/2017

Per chi come lui ha atteso questo momento da “una vita” questo sarà stato, per  chi l’ha vissuto in pieno, davvero un “magic-moment”!

Così il Trofeo Dicearchia, tenutosi a Pozzuoli domenica 9 aprile, è stata la prima gara ufficiale nella vita della nostra Super-Cintura Nera Antonio PONTONE.

Nella finale trovava un avversario molto valido con il quale si scontrava nell’esecuzione della forma ma per questi, anche se molto valido, non vi era storia in quanto il nostro Antonio lo sbaragliava con un punteggio vittorioso di 16 a 14.

Ah, dimenticavo, al termine della forma il punteggio migliore lo dava tutto il pubblico (oltre 400 presenti) che gli tributavano una standing-ovation di oltre due minuti.

 

 

 

 

 

POOMSAE CHAMPIONSHIPS Oltre 500 atleti facevano da corollario ad altrettanto numeroso pubblico che riempiva il palazzetto per questo trofeo che vedeva le migliori  espressioni tecniche italiane in questa specialità del Taekwondo: le Poomse.

E’ stata una gara che ha visto le performance di atleti provenienti da tutta Italia suddivise secondo le rispettive categorie sia in modo individuale che collettive.

Per i nostri lettori non taekwondoka chiariamo che le Poomse sono delle sequenze programmate di tecniche di attacco e difesa ben codificate ed identiche in tutto il mondo.
La nostra compagine, anche se ridotta numericamente, rispecchiava la passione saekoryana per questa specialità.

Iniziava la gara il nostro Salvatore SOMMA il quale non andava oltre una buona esecuzione. Quindi era la volta della nostra giovanissima Cintura Gialla Elda SCARICA, in gara per la prima volta, la quale accedeva alla finale e con qualche errore, dovuto peraltro alla poca esperienza, conquistava comunque un degno 2° posto. Infine toccava alla nostra punta di diamante della specialità ovvero la Cintura Nera 2° Poom Aldo di Lauro il quale raggiungeva la semifinale fermandosi però lì e conquistando comunque un buon terzo posto ex-aequo

 

GINNASTICA RITMICA SPORTIVA:

SILVER 3 – 2^Prova – Avellino 10/4/2017  Splendida prova per le nostre ginnaste che, dopo la precedente performance che le ha viste tutte sul podio, ha confermato il tasso di crescita tecnica delle stesse che, salvo qualche piccola defaillance, le vede tutte qualificate per la finale nazionale.

All’ analisi della gara vediamo Sara ESPOSITO (Allieve 3) la quale, forse non in giornata, totalizzava al termine delle 2 prove (corpo libero e palla) un complessivo 20,150 che, anche se ottimo punteggio, la classificava all’ undicesimo posto su 24 partecipanti che alla fine la piazzava con il punteggio definitivo di 20,650 al 9° posto su 26 partecipanti complessive.
Ottima performance invece per Rita DONNARUMMA (Allieve 4) che, al termine delle 2 prove, totalizzava un lusinghiero 21,200 che la piazzava al 4° posto su 42 partecipanti ed al 6° posto definitivo, con la somma del punteggio della gara precedente, totalizzando 21,200 su un parterre di 44 partecipanti.
Infine ciliegina sulla torta la nostra splendida Libera DI CAPUA (Junior 1) che acquisiva un punteggio di 21,200 e che la posizionava nuovamente sul podio (3^classificata) su 27 partecipanti e ricollocandola nuovamente al 3°posto, con il punteggio precedente, nella classifica definitiva sempre con il punteggio di 21,200 e su 29 partecipanti.   GRANDE LIBERA e BRAVE RAGAZZE !!

SCHERMA:

Inizia male la giornata agonistica saekoryana che vede in campo le nostre donne le quali, anche se ben cariche, non riescono a coronare il sogno della qualificazione. Difatti Marta, dopo un girone soddisfacente, ai 32’ si scontra con la beneventana Sordillo che la elimina con un 15-12. Non meno fortunata Francesca che interrompe il suo percorso difronte alla casertana Rossacco con identico punteggio. Pertanto al termine abbiamo una classifica finale che vede su un parterre di 60 partecipanti la Vollono 17^ su 15 qualificate e Somma 19^.

Non meno fortunati i nostri maschi che vedono eliminati sia Innocenzo che Claudio alle dirette. In questa fase crolla il nostro tecnico Enrico contro il casertano De Sire 15-10.
Ben altra sorte invece per gli altri difatti Carmine sbaraglia Panico (Villaricca) per 15-5 e Salvatore batte il napoletano Chiarolanza all’ultima stoccata per 15-14. Quindi entrambi accedono ai 32’ ove ESPOSITO sconfigge il posillipino Saetta per 15-14 ma successivamente cede all’altro posillipino Ziccardi per 15-9. Nel mentre IZZO al primo incontro con il salernitano Attanasio cede le armi con un punteggio di 15-13.

Al termine della gara però grande gioia nel clan Saekoryano in quanto Carmine ESPOSITO si piazza 15° e Salvatore IZZO 20° su 25 classificati e su un parterre di oltre 100 partecipanti alla qualificazione.

 

 

Apr 16

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Virtus Francavilla – Juve Stabia

Lo Stabia dopo la sconfitta interna col Matera e gli strali del presidente Manniello non poteva fallire la gara di Francavilla Fontana contro una diretta concorrente per conquistare una posizione utile nella griglia play-off e almeno sul piano del gioco la squadra non ha demeritato, pur rischiando di perdere ancora nel finale.

Logo StabiAmoreIl tecnico Guido Carboni, anche lui sul banco degli imputanti seppure meno colpevole dei calciatori, anche per il protarsi di tante assenze per squalifica ed infortunio, ha optato per lo schema che amava Fontana, il 4 3 3.
Il fratello del più famoso Amedeo Carboni, ha confermato in difesa Camigliano e Allievi come centrali con Cancellotti e Giron sugli esterni davanti al portiere Russo e a centrocampo, senza Matute e Capodaglio, ha fatto giocare Esposito con Izzillo e Mastalli a sostegno di Cutolo, Ripa e Lisi in fase offensiva.

Nel primo tempo le due squadre hanno sofferto il caldo e pur producendo molte azioni hanno messo paura ai portieri in due sole circostanze, lo Stabia con un clamoroso legno di Izzillo e il Francavilla mettendo Russo nelle condizioni di fare una grande parata in uscita, che riscatta almeno parzialmente gli errori clamorosi compiuti dallo stabiese nelle gare precedenti. Leggi il resto »

Apr 16

BASKET FEMMINILE-A2: Stabia compie l’impresa a Udine, sarà ancora A2!

Dopo la roboante vittoria nel penultimo turno casalingo con San Martino di Lupari, la classifica obbligava la squadra stabiese a conquistare i due punti in terra friulana per evitare la lotteria dei play-out. Con tutti i favori del pronostico contro e con di fronte una squadra che  giocava per ottenere un miglior piazzamento playoff, le ragazze di Castellammare sfoderano la migliore prova dell’anno, una partita tutta grinta cuore passione che non fa mai essere in discussione la gara.
Pronti via e le coccodrilline dimostrano subito le loro intenzioni e con una splendida prestazione di squadra chiudono il primo quarto sul +10 (13-23). La squadra di coach Massaro gestisce sapientemente il vantaggio, e mentre per le padrone di casa è la solita Vicenzotti a caricarsi sulle spalle tutto il peso dell’attacco, in casa stabiese chiunque entra in campo da il suo determinante contributo e cosi si va al riposo lungo sul 24-38.
Nei venti minuti finali il copione non cambia, Stabia è compatta, alle ottime percentuali di tiro associa una difesa aggressiva che sfianca le padrone di casa, mentre Stabia corre..corre…corre a conquistare questa salvezza, con il tabellone che all’ultima sirena recita 50-63 e tutte le ragazze stabiesi a fare festa per la meritata salvezza raggiunta che permette a Castellammare di Stabia di rimanere nell’olimpo del basket in rosa.
“Finalmente abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati in questo ultimo periodo. Le ragazze hanno dimostrato nelle ultime gare il valore che noi eravamo convinti avessero, la salvezza ottenuta ripaga tutti,società, atlete, staff e tifosi, dei grossi sacrifici fatti nel corso della stagione. Ora dopo qualche giorno di meritato riposo cominceremo a decidere cosa fare il prossimo anno, nel frattempo ci godiamo questo successo e l’attività del nostro settore giovanile, che sarà impegnato per le fasi finali dei campionati, tenendo alto il nome del Basket Femminile Stabia” queste le parole del presidente Gaetano Manco, soddisfatto per l’obiettivo stagionale raggiunto.

DELSER-CRICH UDINE 50 – BASKET FEMMINILE STABIA 63 (13-23; 24-38; 37-52)

DELSER UDINE: Bianco 2, Ciotola, Beltrame, Petronio, Mancabelli, Sturma 4, Vicenzotti 25, Zanelli, Pontoni 1, Da Pozzo 8, Rainis 4, Ofomata 6. Coach Medeot.
BASKET FEMMINILE STABIA: Ortolani 8, Innocenti 6, De Rosa n.e., Potolicchio 16, Gallo 5, Di Costanzo 7, Minervino 11, Tagliafierro n.e., Scala n.e., O’Dwyer 10.  Coach Massaro. Ass coach Mandato.

Apr 14

BASKET: Conquistata la salvezza

Castellammare pallacanestroDue squadre diverse, due categorie differenti, ma il destino della palla a spicchi ha voluto unire nella giornata del 12 aprile 2017 la conquista della salvezza in Serie A2 femminile da parte della A.S.D. Basket Femminile Stabia e la permanenza in Serie C Silver della Nuova Polisportiva Stabia.

CONGRATULAZIONI ALLA CASTELLAMMARE CHE VINCE!

Apr 10

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Matera

Lo Stabia continua a perdere, ma contro il Matera dell’eterno rivale Auteri, delude soprattutto sul piano del gioco, latitante a dispetto di quello efficace degli avversari, che conquistano allo scadere del recupero al Menti l’intera posta in palio.

Logo StabiAmoreIl tecnico Carboni, messo in discussione dai risultati e dal gioco espressi finora, non potendo disporre per infortunio di Atanasov e Morero in difesa e per squalifica di Capodaglio a centrocampo si affida ad uno schieramento offensivo, apparso però poco equilibrato per la presenza di soli due centrocampisti e ballerino in difesa con la conferma di Allievi come centrale e i rientri di Camigliano e Liviero con le consuete presenze di Cancellotti e del portiere Russo.
A centrocampo Carboni schiera Matute e Mastalli, escludendo Esposito, Izzillo e Salvi, e in fase offensiva ben quattro elementi, Marotta e Lisi sugli esterni e Paponi e Ripa come punte centrali, insomma un modulo elastico, un 4 2 4 più che un 4 4 2, che ha sofferto a centrocampo la supremazia del gioco di Auteri.

Nel primo tempo dopo pochi minuti il Matera si fa pericoloso e lo Stabia riesce a segnare, sfruttando la solita buona giocata sulla fascia di Lisi, facilitante il tiro di Marotta, che in piena area trafigge Tozzo. Il Matera però non si scompone e dopo un bel tiro di Mastalli da fuori respinto da Tozzo, comincia a conquistare il predominio del gioco e a rendersi pericoloso in fase di attacco. La squadra di Carboni va letteralmente in bambola sulla splendida azione del pareggio degli ospiti, che sull’asse Casoli Negro, costruisce una spettacolare giocata per Carretta, che viene anticipato da Liviero, il quale deposita però la palla nella sua porta. Leggi il resto »

Apr 07

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Lecce – Juve Stabia

Lo Stabia continua a deludere e perde a Lecce in un ambiente peraltro favorevole per la contestazione da parte della tifoseria locale nei confronti della squadra seconda in classifica, ma staccata dal Foggia.

Logo StabiAmoreIl tecnico Carboni, non potendo disporre per infortunio di Atanasov e per squalifica di Liviero e Capodaglio si affida ad un altro schieramento inedito in difesa con la conferma di Allievi, il rientro di Santacroce e Morero, davanti al portiere Danilo Russo e il solito Cancellotti esterno basso e il ritorno di Matute a centrocampo con Esposito e Izzillo a sostegno di Lisi, Paponi e Kanoutè in fase offensiva, insomma un modulo elastico con due punte e otto calciatori dediti più alla fase difensiva, che però non riusciranno a reggere gli attacchi dei padroni di casa.

Nel primo tempo dopo pochi minuti Carboni è costretto a cambiare modulo per l’infortunio muscolare di Morero, che lascia spazio a Giron, passando con lo spostamento di Allievi al centro ad una difesa a quattro, ma poco reattiva, soprattutto per le difficoltà mostrate da Santacroce.

Il Lecce di Padalino però, pure avendo il predominio del gioco, riesce a rendersi pericoloso solo con Doumbia, trovando il gol alla mezzora con una posizione sospetta di Marconi dopo un doppio rimpallo favorevole dei salentini. La squadra di Carboni, pur giocando piuttosto male, trova il modo di pareggiare con una grande giocata di Kanoutè che favorisce il colpo di testa di Paponi, che realizza il suo quarto gol in maglia stabiese, il terzo in trasferta. Subito dopo, però, il Lecce torna in vantaggio, sfruttando una respinta sbagliata di Russo, che permette a Tsonev di segnare, come nella gara di andata al Menti. Leggi il resto »

Apr 03

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia – Casertana

Il derby con la Casertana ripete gli stessi errori della gara col Catanzaro, lo stesso atteggiamento di gran parte dei calciatori in campo e la stessa direzione arbitrale molto mediocre, che rende la sfida rissosa e piuttosto deludente.

Logo StabiAmoreIl tecnico Carboni, non potendo disporre per infortunio di Atanasov e per squalifica di Liviero si affida ad uno schieramento inedito in difesa con il debuttante Allievi, Camigliano, Morero, davanti al portiere Danilo Russo e il solito Cancellotti esterno basso e il ritorno di Mastalli a centrocampo con Capodaglio e Izzillo a sostegno di Lisi, Ripa e Marotta in fase offensiva, insomma quasi un ritorno completo allo Stabia del girone d’andata.

Nel primo tempo accade di tutto, lo Stabia riesce a trovare il gol praticamente nella prima azione importante dell’incontro con una giocata però più simile al rugby che al calcio. Capodaglio serve uno splendido assist a Mastalli, che impegna severamente Ginestra, il quale deve ripetersi subito dopo con un’altra grande parata, prima di arrendersi al tocco ravvicinato dell’esperto opportunista Spider Ripa dopo una palla trattenuta in mischia dalla Casertana e recuperata bruscamente da Lisi, che disputa un’altra bella partita.

La squadra di Carboni ancora una volta non riesce a gestire il vantaggio, trovando anche il modo di subire il pareggio con la complicità dell’arbitro, il sig. Zingarelli di Siena, che assegna un rigore per un fallo molto dubbio su Orlando, permettendo all’ex stabiese Ciotola di realizzare dal dischetto. Subito dopo le squadre rimangono in dieci per uno strano e violento litigio tra Rajcic e capitan Capodaglio, un episodio che fa seguito a ripetute situazione fallose provocate soprattutto dalla squadra di Caserta, ma l’espulsione viene decretata solo per questi due calciatori. L’arbitro continua a lasciare stupefatti gli spettatori quando non assegna due volte il rigore allo Stabia per gli episodi sospetti su Lisi e Marotta, che viene addirittura ammonito per una fantomatica simulazione e nel finale del tempo la Casertana trova il modo di passare in vantaggio con Orlando, ex attaccante della Paganese, capace di farsi beffe dei difensori e del portiere Russo, prima con una bella giocata e poi con una conclusione efficace. Leggi il resto »

Post precedenti «