Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia vs Livorno

La bestia nera nera o per meglio dire amaranto del Livorno colpisce ancora e lo Stabia perde ancora all’esordio del campionato, ormai una consuetudine per lo Stabia e per Braglia.

La sconfitta non è però solo frutto della cabala, bensì di molteplici fattori, a cominciare dall’assenza dei due centrali più affidabili, Scognamiglio e Figliomeni, proprio contro uno dei raparti offensivi più attrezzati insieme al debutto assoluto in B di Murolo, bagnato dal gol, ma non da una buona difesa, accanto a un Maury che pure vanta poche presenze. Poi la gara nervosa di Zito che prende due ammonizioni, anche se la seconda mi sembra esagerata, un centrocampo poco propositivo specie con Jidayi e un attacco privo della verve e della qualità della zar per troppo tempo fanno il resto.

Certamente il Livorno è una squadra valida che ha un potenziale offensivo notevole con Paulinho, Dionisi e Siligardi, ma l’arbitro e lo Stabia lo hanno aiutato non poco a vincere. Questa sconfitta può essere però salutare perchè senza umiltà, determinazione e ricerca di soluzioni offensive non si va lontano, anche se lo Stabia ha comunque colpito due legni e sfiorato diverse reti.

A Brescia se torneranno questi elementi insieme a Scognamiglio, a un minutaggio maggiore di Danilevicius e forse a Figliomeni ci potrebbe essere il riscatto immediato senza dover attendere per forza il mese di ottobre, con il recupero di Cellini e della migliore condizione fisica di tutta la rosa di Braglia.

 

Per visualizzare la classifica clicca qua

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.