Ago 02

Ultime news

Mag 23

TAEKWONDO: Oramai è un ritornello trito e ritrito LA PULCINERIA KORYO E’FANTASTICA!!!

Non staremo qui a descrivere certamente incontro per incontro che, comunque, chiarirebbe il grosso livello tecnico acquisito dai nostri mini-taekwondoka ma basta sottolinearne alcuni: tipo la finale di Giovannino Longobardi (-24 Kg) vinta per 25 a 3 oppure quella di Daniela Palatovskyy che vince sulla sua avversaria di sempre oppure il lungo e tortuoso percorso di combattimenti vinti da Vittorio Mascolo.
Ed ancora l’inossidabile pluri-campione Interregionale Corrado Esposito che aggiunge un’altra “tacca” al suo fantastico palmares annuale.
Infine le gradite ed inattese sorprese di Ines Girace e Filippo Iozzino.

Ed ecco che i tecnici/coach Koryani vengono portati in trionfo per la messe di podi conquistati ma anche perché, vincendo il titolo interregionale, i nostri Daniela PALATOVSKYY e Filippo IOZZINO accedono ufficialmente al Campionato Italiano Cadetti “A” Rosse/Nere che si terrà il prossimo 10 giugno a Reggio Calabria.

Mag 21

BASKET: Le ”Final Four” dell’under 13 chiudono il calendario agonistico del Basket Femminile Stabia

Ottimi risultati dal settore giovanile del basket stabiese. Le ”Final Four” dell’under 13 chiudono il calendario agonistico del Basket Femminile Stabia.
Dopo tanto lavoro e sudore in palestra, la società cestistica stabiese si gode i risultati raggiunti anche dal settore giovanile oltre alla conferma della presenza in serie A2 per la prima squadra; infatti, come nella passata stagione, quest’anno tutte le formazioni schierate hanno convalidato la partecipazione alle Final Four per l’assegnazione del titolo regionale.
L’under 16 (anni 2000-2001-2002) ha concluso il suo cammino conquistando il quarto posto e sfiorando la possibilità di giocare lo spareggio per l’ammissione alla fase interzonale, perdendo nella finale per il 3/4 posto di soli due punti (44-42) contro Salerno. Sotto gli occhi di tutti i miglioramenti di questo gruppo, che ha visto ridurre in modo esponenziale il gap, evidenziato l’anno scorso, rispetto alle altre partecipanti alle finali (Polisportiva Battipagliese, Dike Napoli e Salerno Basket 92), considerando tra l’altro che la formazione e’ composta per 6/12 da atlete nate nel 2002.
Dell’under 16 fa parte Francesca De Rosa che ha partecipato, ben comportandosi, con la selezione regionale campana al Trofeo delle Regioni svoltosi a Bologna.
formazione under 14 (anni 2002-2003) bissando il risultato dell’anno precedente, campionato u/13, si laurea campione regionale. Dopo aver terminato imbattuta in testa alla classifica la prima fase, supera in semifinale senza eccessivi patemi la Dike Napoli (59-28) ed in finale le pari età del Sorriso Azzurro Cercola con il punteggio di 64-38.
Ottimo il risultato ottenuto dalle ragazze stabiesi che, nel corso della stagione, hanno mostrato tangibili segni di crescita in linea con gli obiettivi societari, che prevedono la creazione e la formazione di future giocatrici per la squadra senior. Peccato che per questa categoria il campionato si è concluso con la fase regionale; confrontarsi con formazioni di altre regioni sarebbe stato un ottimo banco di prova e di crescita per la squadra e per le singole atlete.
Infine le piccole under 13 (anni 2003-2004), che si affacciavano per la prima volta al settore giovanile, hanno conquistato il quarto posto in regione e si sono ben comportate durante il campionato e nelle finali dove sono state sconfitte in semifinale da Cercola (vincitrice del titolo 55-33) e nella finalina 3/4 posto dalla Virtus Benevento con il punteggio di 48-39.
L’ attività giovanile, comunque, non si ferma e nei mesi di maggio e giugno tutte le giovani cestiste svolgeranno un programma di lavoro atletico-tecnico preparatorio alla prossima annata, il cui obiettivo sarà migliorare i risultati della stagione appena conclusa.

UFFICIO STAMPA Carmine Cascone 338-8686-022

Mag 20

BASKET FEMMINILE-A2: Il Basket Femminile Stabia saluta coach Fabrizio Belfiore

Dopo tre stagioni trascorse a Castellammare, che hanno coinciso con i migliori risultati ottenuti dalla società negli ultimi dieci anni coach Belfiore e il Basket Femminile Stabia hanno di comune accordo deciso di intraprendere strade diverse.

Gli obiettivi che la società e il tecnico si erano proposti nel 2013: promozione in A2, raggiungimento dei Play Off e valorizzazione del settore giovanile, grazie al lavoro ed alla collaborazione che si è sempre attuata con la società sono stati certamente raggiunti.

Tutte le componenti sociali hanno apprezzato le doti morali e tecniche di Fabrizio, che ci ha trasferito con garbo ed intelligenza il suo bagaglio di conoscenze cestistiche di cui faremo sicuramente tesoro. D’altro canto anche la società è certa che il coach Belfiore esca da questa esperienza arricchito umanamente e tecnicamente. A Fabrizio vanno i nostri più sinceri auguri per tutto quello che il futuro gli riserverà.

Le parole del coach: “Ci tengo al termine di questo bellissimo triennio di lavoro a ringraziare in primis Gaetano Manco e Maurizio Santoro per avermi dato la possibilità di allenare a Castellammare, Pasquale Mandato e Sergio Esposito per avermi supportato nel lavoro quotidianamente con passione insieme a tutti gli allenatori del settore giovanile con i quali collaborando abbiamo raggiunto ottimi risultati e grandi miglioramenti. I dirigenti per le loro qualità umane e lo staff medico sempre prezioso. Una menzione speciale va da parte mia alle atlete senza le quali mai avremo potuto ottenere gli importanti risultati di questi anni, tutte rappresentate da un capitano che ogni allenatore vorrebbe avere nella propria squadra Raffaella De Rosa. Infine ringrazio Castellammare per il sostegno e per essere confermato sempre un grande pubblico.”

UFFICIO STAMPA Carmine Cascone 338-8686-022

 

Mag 09

GINNASTICA ARTISTICA: C.G.A. Stabia 5°, confermato in Serie A2

Non è bastata al C.G.A. Stabia la prova davvero eccellente di Giancarlo Polini (nella foto con Angelo Radmilovic) a Torino per la promozione nella massima Serie maschile della Federazione Ginnastica d’Italia.

 E’ questo il responso della 4^ ed ultima prova del Campionato nazionale di Serie A2 andato in scena al Palavela del capoluogo piemontese.
13.05 al corpo libero, 12.95 al cavallo con maniglie, 13.90 agli anelli, 14.15 al volteggio, 13.80 alle parallele e 14.25 alla sbarra, per il gioiello di Castellammare, atleta del Team Italia, che con il totale di punti 82,10 ha fatto registrare il massimo score della serie cadetta, con oltre 2 punti di scarto sul secondo.

Il sodalizio di Angelo Radmilovic, che con Polini ha schierato in pedana Biagio Barbato, Christian Atte e Francesco Schettino, al Palavela è giunto 5°, confermando il 5° posto della classifica generale del campionato. Promosse in serie A1 le prime 3 classificate  (Spes Mestre, La Costanza Massucchi Mortara, Ginnastica Romana),  retrocesse, invece, in Serie B nazionale  la 10^, 11^ e 12^ (La Marmora Biella, X Team Padova, Audace Vicenza).

Buono anche il 6° posto a Torino, 7° finale, della Ginnastica Salerno di Alessandra Di Giacomo con Valerio Darino, Salvatore Maresca, Gianmarco Di Cerbo, Marco Albanese, Andrea Vergani e Simone Stanzione, per un bilancio complessivo decisamente positivo per la sezione maschile campana che potrà contare, anche nel 2017, su 2 squadre in Serie A2.

 Ciliegina sulla torta, dopo il brillante test nazionale a Milano, ancora una prova convincente di Giancarlo Polini alla vigilia dei Campionati Europei in programma a Berna dal 25 al 29 di questo mese.

Mag 08

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia vs Foggia

Logo StabiAmoreL’ultima gara di campionato riserva ancora una sconfitta, con una prestazione e una formazione che non hanno per niente convinto.

Lo Stabia ha perso contro la seconda forza del campionato, un Foggia ordinato e compatto, che ha mostrato nella sapiente regia dell’ex Agnelli e nella vena offensiva di Chiricò e del bomber Iemmello il suo aspetto migliore e che sarà una sicura protagonista degli spareggi play-off contro le avversarie degli altri gironi, assieme alla Casertana di De Angelis e al Lecce di Braglia.

Zavettieri, a salvezza ottenuta ma con la possibilità di conquistare ancora la posizione utile a disputare la prossima coppa Italia maggiore, ha scelto di fare troppi cambiamenti nella formazione iniziale, inserendo addirittura il terzo portiere Mascolo e ripescando Rosania in difesa assieme a Navratil, Liotti e Cancellotti e quattro centrocampisti Carrotta, Maiorano, capitan Favasulli e l’esterno Lisi a sostegno delle punte Nicastro e Gomez, con le clamorose ed inspiegabili esclusioni di Diop e Del Sante.

Nel primo tempo la squadra pugliese, abile a sfruttare le leggerezze difensive stabiesi ha realizzato tre reti e colpito un palo con Agnelli e lo Stabia, è riuscito a rendersi pericoloso solo con qualche azione ben congegnata, ma conclusa poi in maniera maldestra. La sostituzione di uno spento Nicastro con Diop, già alla fine del primo tempo, conferma gli errori iniziali di Zavettieri, che tenta di rimediare pure nella ripresa, inserendo Gatto per Gomez e poi facendo esordire il giovane centrocampista Mauro per un inguardabile Maiorano.
Purtroppo nella ripresa lo Stabia riesce solo a segnare il punto della bandiera, con il solito Diop, che timbra per l’ottava volta il cartellino delle marcature stabiesi, ma ha colpito un palo con Liotti e costruito altre azioni con la conclusione pericolosa anche del giovane Mauro, fermata bene dal portiere Micale. Il debuttante Mascolo invece ha subito troppo la pressione dell’esordio, sbagliando nel ruolo delicato del portiere qualche intervento di troppo e rischiando di subire un gol direttamente su calcio d’angolo, con un altro legno colpito da un calciatore del Foggia.

I tifosi stabiesi sono invece da elogiare sia per l’incitamento incessante nel primo tempo e i riferimenti indiretti alle prossime elezioni comunali del 5 giugno con gli striscioni indicanti le bellezze di Castellammare e la volontà di riscatto della città.
A questo punto non resta altro che augurarsi che possa cominciare la stagione della ripresa sia di Castellammare, che della sua gloriosa squadra dopo le numerose avversità subite, cominciando dalla tanto discussa, ma necessaria opera di rifacimento del manto erboso dello stadio Menti.

Tabellino

Juve Stabia: 1 Mascolo, 2 Cancellotti, 3 Liotti, 4 Maiorano (32’ st 15 Mauro), 5 Rosania, 6 Navratil, 7 Carrotta, 8 Favasuli, 9 Gomez (21’ st 18 Gatto), 10 Nicastro (42’ pt 19 Diop), 11 Lisi. A disposizione: 12 Polito, 13 Ioio, 14 Elefante, 16 Servillo, 17 Grifoni, 20 Del Sante, 22 Montella. All. Nunzio Zavettieri

Foggia: 1 Micale, 2 Loiacono, 3 Di Chiara (12’ st 17 Lodesani), 4 Agnelli, 5 Coletti, 6 Gerbo, 7 Arcidiacono (1’ st 16 Floriano), 8 Quinto, 9 Iemmello (15’ st 13 Lauriola), 10 Sainz-Maza, 11 Chiricò. A disposizione: 12 De Gennaro, 14 Gigliotti, 15 Vacca, 18 Sarno, 22 Lanzetta. All. Roberto De Zerbi

Arbitro: Francesco Guccini della sez. AIA di Albano Laziale

Assistenti: Riccardo Fabbro della sez. AIA di Roma 2 e Tommaso Diomaiuta della sez. AIA di Albano Laziale

Marcatori: 6’ pt e 32’ pt Iemmello (F), 29’ pt Chiricò (F), 24’ st Diop (JS)

Ammoniti: Carrotta (JS), Chiricò (F)

Angoli: Juve Stabia 4, Foggia 1

Recuperi: 1’ pt, 2’ st

Note: spettatori paganti 620, per un incasso totale di € 4.938,00

Mag 01

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Monopoli vs Juve Stabia

Logo StabiAmoreAnche questo risultato, come quello con il quale lo Stabia ha battuto la Lupa Castelli Romani al Menti domenica scorsa, non deve trarre in inganno, perché al Veneziani, contro la squadra pugliese da poco allenata da D’Adderio, sono state determinanti non solo le quattro reti del Monopoli, ma anche le parate di Pisseri, portiere stabiese della scorsa stagione, a mio avviso mai abbastanza rimpianto.

Il tecnico Zavettieri, a salvezza ottenuta, ha scelto di inserire dall’inizio molte riserve, a mio avviso con troppi difensori, davanti al confermato Russo, Polak, Carrillo, Atanasov e Liotti, e ben quattro centrocampisti, Obodo, Carrotta gli esterni Cancellotti e Lisi a sostegno delle punte Diop e Gomez, subendo già nel primo tempo la squadra pugliese, abile a sfruttare un calcio di punizione con Pinto e a raddoppiare con Di Mariano.
Eppure lo Stabia, pur non effettuando un gioco brillante, è riuscito a rendersi più volte pericoloso e a rischiare di passare in vantaggio con Diop, che anche nella ripresa è stato fermato dalle belle parate di Pisseri, il quale, dimostrando ancora una volta il suo valore, non ha voluto assolutamente concedere alla sua ex squadra nemmeno l’onore del gol della bandiera.

Nella ripresa non cambia il copione della gara con il Monopoli che continua a segnare, anche con lo stabiese Pasquale Esposito, e Viola e lo Stabia che continua ad essere fermato dalle parate di Pisseri, che in particolare compie un grande intervento ancora su Diop nel finale di gara.
Zavattieri prova ad inserire forze fresche come Grifoni e Gatto, ma più che i cambi sono state infelici le scelte di rinunciare prima e durante la gara a calciatori importanti come Contessa, Del Sante e Nicastro, mentre può essere considerato giusto concedere a Favasulli un turno di riposo per l’imminente nascita del figlio. Anche questa volta Lisi ha deluso le aspettative, mentre Diop, pur non riuscendo a segnare, ha giocato piuttosto bene, decidendo forse di convincere delle sue qualità di attaccante chi scrive queste note di commento, a prescindere dalla scommessa vinta dallo stesso Gianfranco Piccirillo sul numero dei sui gol, inferiore alla doppia cifra, ma comunque importante, a meno di un’improbabile tripletta contro il Foggia l’ultima giornata.

Questa sconfitta, esagerata nelle proporzioni del punteggio, rende molto complicata la possibilità dello Stabia di raggiungere il piazzamento utile a disputare la prossima edizione della coppa Italia maggiore, un obiettivo sempre centrato negli ultimi anni.

L’ultima gara contro il Foggia sarà molto difficile dentro e fuori dal campo, che potrebbe pure non essere il nostro Menti per i noti problemi di inagibilità del settore degli ospiti, perché i satanelli, reduci dalla goleada di stasera contro il Martina, conservano molte speranze di raggiungere i play-off promozione.
I tifosi stabiesi giunti anche a Monopoli non meritano di subire ulteriori mortificazioni dopo quelle dei derby persi in casa e in trasferta, i troppi pareggi e questa goleada subita al Veneziani, frutto comunque delle maggiori motivazioni dei padroni di casa, intenzionati ad evitare di disputare gli spareggi retrocessione, per cui lo Stabia contro il Foggia non potrà assolutamente regalare nulla, ad una squadra, peraltro molto invisa, alla stragrande maggioranza della tifoseria stabiese.

Tabellino

Monopoli: 1 Pisseri, 2 Esposito, 3 Bacchetti, 4 Ferrara, 5 Tarantino, 6 Pinto, 7 Luciani, 8 Viola, 9 Gambino (39’ st 21 Lescano), 10 Romano (33’ st 19 Di Fino), 11 Di Mariano (23’ st 20 Rosafio). A disposizione: 12 Pellegrino, 13 Castaldo, 14 Bei, 15 Mercadante, 16 Ricucci, 17 Djuric, 18 Battaglia. All. Salvo Fulvio D’Adderio

Juve Stabia: 1 Russo, 2 Atanasov, 3 Liotti, 4 Obodo, 5 Polak, 6 Carillo, 7 Cancellotti, 8 Carrotta (14’ st 17 Grifoni), 9 Gomez (21’ st 16 Gatto), 10 Lisi, 11 Diop. A disposizione: 12 Polito, 13 Navratil, 14 Contessa, 15 Maiorano, 18 Nicastro, 19 Del Sante, 22 Mascolo. All. Nunzio Zavettieri

Arbitro: Pierantonio Perotti della sez. AIA di Legnano

Assistenti: Andrea Costantini della sez. AIA di Pescara e Michele Pizzi della sez. AIA di Termoli

Marcatori: 18’ pt Pinto (M), 34’ pt Di Mariano (M), 16’ st Esposito (M), 19’ st Viola (M)

Ammonito: Cancellotti (JS)

Angoli: Monopoli 3, Juve Stabia 5

Recuperi: 1’ pt, 3’ st

Apr 28

GINNASTICA RITMICA: Un momento Koryano esaltante come base per una idonea programmazione futura!

Orvieto – 24-25-26 aprile 2016  Una kermesse avvincente, quella dei Campionati Nazionali ACSI di Ritmica, che ha visto la nostra Associazione sugli scudi e primeggiare nelle diverse serie, categorie e specialità.

Oltremodo gradita è risultata la location, in quel di Orvieto, cittadina splendida che ha ospitato ginnaste e genitori in un weekend che ha consolidato maggiormente la nostra base  associativa aggregandola in una vera famiglia. Ovviamente la gara è stata piena di patos e di momenti di esaltazione personale e societaria ma, certamente non ci soffermeremo su questo altrimenti correremo il rischio di una cronaca pedissequa e noiosa, bensì vogliamo evidenziare come la nostra “pulcineria” koryana abbia oramai acquisito quelle ali necessarie per poter fare il volo più impegnativo nelle gare Federali.
Gare queste ultime che speriamo di poter affrontare il prossimo anno con un impegno SERIO e ben programmato in anticipo della nostra componente tecnica. Sicuramente alla Koryo sono ben graditi tutti questi risultati roboanti ed esaltanti ma siamo SERIAMENTE consci che questi sono solo risultati di contorno appartenenti ad un Ente di Promozione, anche se è il più grande in assoluto per la Ritmica, e non certamente quelli più impegnativi della Federazione. Al riguardo ci piace precisare che abbiamo tutti i requisiti per poter aspirare al confronto con le ginnaste federali in quanto:
1) abbiamo la struttura di base ove effettuare la preparazione di base e oltretutto, nella stessa, vi sono il doppio degli orari attualmente utilizzati disponibili INUTILMENTE;
2) abbiamo strutture comunali a disposizione con il doppio degli orari disponibili rispetto a quelli attualmente utilizzati e per i quali INUTILMENTE attualmente paghiamo i relativi canoni;
3) abbiamo effettuato regolarmente per quest’anno il tesseramento delle nostre ginnaste e l’affiliazione alla Federazione Ginnastica d’Italia per un importo pari a 1000 euro INUTILMENTE;
4)  abbiamo tenuto le nostre quote sociali identiche da oltre 10 anni proprio per favorire il reclutamento.

Speriamo di poter vedere nella Ritmica Koryana, con il prossimo anno, un sole  più chiaro e meno velato da nubi fastidiose e che, sicuramente, faremo del tutto per diradarle o eliminarle.

ASSDC KORYO

Apr 27

PALLAVOLO FEMMINILE-SERIE C: La Link Campus University Nemesi conquista i Play Off per la Serie B

La Link Campus University Nemesi si assicura con tre giornate di anticipo l’accesso ai Play Off per la promozione in serie B e lo fa da capolista imbattuta del campionato di serie C e con ben 9 punti di vantaggio sulla seconda in classifica.

Sabato sera la gioia e la soddisfazione in casa Nemesi erano grandi ed il pubblico accorso per la gara contro il McDonald’s Nola ha potuto condividerle con tutto il team assistendo ad una buona gara delle stabiesi che si sono aggiudicate con autorevolezza i tre punti in palio.

La Link Campus University inizia la gara schierando Petrelli in palleggio, Tomatelli opposto, Di Lorenzo e Autiero centrali, Salpietro e Matarazzo schiacciatori di banda con Sammarco libero. Sin dalle prime azioni di gioco si capisce che le due squadre lottano per obiettivi molto diversi. Le nolane schierano molte giovani promettenti insieme a due atlete molto esperte dal ricco palmares con il chiaro intento di far maturare al più presto le giovani promesse.

La Link Campus University, invece, quest’anno è stata progettata e costruita per conquistare la promozione in serie B unendo alle migliori atlete stabiesi alcune atlete di grande valore che hanno militato a lungo in serie B.

La Nemesi, quindi, controlla il gioco, accelera quando necessario, prova varianti tattiche utili nelle prossime settimane, utilizza tutte le atlete a sua disposizione ed impone il suo gioco alle avversarie.

Dopa la gara abbiamo incontrato Enzo Esposito per raccogliere qualche sua dichiarazione a caldo: “In questa settimana abbiamo meritatamente conquistato  l’accesso ai Play Off e dimostrato che siamo molto competitivi in ottica promozione. La nostra è una società forte, di lunga tradizione e dai molti successi che saprà accompagnare nel migliore dei modi questo gruppo durante la disputa delle gare valevoli per la promozione. Lo abbiamo già fatto molte altre volte e sapremo farlo anche quest’anno. I successi della nostra prima squadra sono, inoltre, accompagnati dalle ottime prestazioni delle nostre squadre giovanili che si stanno ben distinguendo da molti mesi. Sicuramente alcune delle nostre giovani a breve si alleneranno e giocheranno con la nostra prima squadra. Siamo in lizza per la promozione in serie B e saremmo fieri di poter condividere questo importante traguardo con tutti gli stabiesi che amano lo sport, spero, quindi, che gli spalti della palestra della “Di Capua” siano al più presto nuovamente strapieni di tifosi festanti.”

Link Campus University Nemesi vs McDonald’s Nola 3 – 0  (25/15 –25/11 – 25/8)

Link Campus University Nemesi: Deborah Cozzolino, Francesca Cuomo, Rosa Di Lorenzo (Capitano), Serenella Matarazzo, Elisa Petrelli, Dina Salpietro, Carmen Sammarco (Libero),  Anna Somma, Veronica Staiano, Vanessa Tomatelli, Eleonora Troncone. Allenatori: Antonio D’Auria, Mauro Longobardi. Dirigente: Agostino Sammarco.

Addetto Stampa – A.S.D. Pallavolo Nemesi Stabiae

Apr 27

GINNASTICA ARTISTICA: Stabia e Casagiove ai piedi del podio in Serie C1 e C2

Presso l’Accademia Federale di Castellammare di Stabia, C.G.A. Stabia, si è disputata la fase Interregionale dei Campionati di Serie C1 e C2 maschili della Federazione Ginnastica d’Italia.

In Serie C1 podio tutto pugliese con Adriatica Monopoli, Angiulli Bari e La Rosa Brindisi che hanno preceduto il C.G.A. Stabia di Angelo Radmilovic con Mattia Nicolao, Giuseppe Auricchio e Giuseppe Fiorinelli. Seguono in classifica la Ginnastica Salerno di Valerio Darino con Alessio Ventura, Diego Della Rocca e Giuseppe Chiarolanza, e il C.A.G. Napoli di Antonio Scardapane con Alessandro Degli Uberti, Emidio Della Pietra, Valerio Giordano, Dario Nunziante e Luciano Tartaglione.

Podio tutto pugliese anche nella serie inferiore con il Delfino Lecce, l’Angiulli Bari e l’Adriatica Monopoli che hanno lasciato il quarto posto al Gymnasium Casagiove di Stefano Laudadio con Niccolò Iadicicco, Emanuele Nacca e Francesco Russo in pedana.

Qualificata di diritto alla fase nazionale, in programma a Modena il 21 e 22 maggio, solo la prima classificata ma,  essendo 80 le squadre di C1 e 60 quelle di C2 che prenderanno parte alla kermesse tricolore marchigiana,  le nostre squadre restano in attesa della compilazione del quadro delle ammesse.

Apr 25

Le riflessioni di StabiAmore del dopopartita di: Juve Stabia vs Lupa Castelli Romani

Logo StabiAmoreIl risultato con il quale lo Stabia ha battuto la Lupa Castelli Romani non deve trarre in inganno, perché la partita contro la squadra capitolina, ultima e già retrocessa nei dilettanti, è stata molto combattuta e difficile.

Zavettieri ha scelto un modulo offensivo con due soli difensori, Polak e Navratil, per l’indisponibilità di Romeo e Carrillo, e due soli centrocampisti di ruolo, Maiorano e Obodo, e ben quattro esterni, Cancellotti e Contessa in difesa e Lisi e Nicastro in attacco a sostegno delle punte Diop e Del Sante con la conferma di Russo in porta, ma nel primo tempo la squadra stabiese è stata davvero orribile in tutti i reparti. Eppure lo Stabia, pur non effettuando un gioco brillante, è passata in vantaggio con un colpo di testa di Nicastro su assist di Contessa, il primo di un’altra bella serie, ma poi ha finito il tempo in affanno contro un’apprezzabile squadra che, seppure retrocessa, ha fatto una gara gagliarda e coraggiosa.

Il pareggio è venuto però su una serie di errori difensivi, compreso quello della mancata uscita di Russo, che ha favorito il colpo di testa del difensore Prutsch, che ricorda il cognome Pruzzo, come la maglia della Lupa Castelli somiglia alla maglia di quella Roma, che sta lottando per strappare il secondo posto al Napoli in massima serie. Anche il secondo gol dei Castelli con il centravanti Morbidelli è favorito dall’errore di Polak, ma oltre a questo contropiede vincente, dobbiamo far notare il fatto che Russo è stato bravo a sventare il terzo gol dei romani, parando su una girata in area, mentre lo Stabia ha mancato di un soffio il pareggio, per un grande intervento di Tassi, che toglie la palla dalla linea di porta su conclusione di Nicastro.

Zavettieri nella ripresa finalmente decide di cambiare qualcosa, inserendo contemporaneamente Favasulli e Gomez, per i deludenti Maiorano e Del Sante e anche questa mossa assieme agli episodi dei gol è stata determinante, così come il mancato fischio dell’arbitro per una trattenuta in area stabiese, che avrebbe potuto dare la possibilità di un altro gol ai capitolini su rigore, dopo il pareggio di Obodo di testa su un angolo del solito Contessa. Lo stesso Contessa ha dato un altro assist vincente a Diop, che fino a quel momento non era riuscito ad incidere, mettendo lo Stabia nelle condizioni di giocare di rimessa il finale di gara, nel quale la Lupa Castelli ha continuato ad attaccare con un impegno davvero lodevole.
Ancora una volta, però è stato Nicastro a trovare la via del gol, dando al punteggio una dimensione rispondente ai valori della classifica, ma ingiusto, a mio avviso, nell’economia di questa gara. Questa volta ha deluso Lisi, che nel finale è stato sostituito da Gatto, mentre Diop, pur giocando maluccio, è riuscito ancora una volta, la settima, a timbrare il cartellino del gol, un dato sicuramente molto positivo per l’attaccante senegalese proveniente dal Lecce, ma di proprietà del Torino, così come rappresentano un fatto considerevole le dieci reti realizzate da Nicastro, per il momento bomber stagionale delle vespe.

Questa vittoria, comunque, oltre a consegnare allo Stabia la salvezza matematica, mette nelle condizioni di credere ancora all’obiettivo di raggiungere in classifica, un piazzamento utile a disputare la prossima edizione della coppa Italia maggiore.

La prossima gara a Monopoli, l’ultima trasferta di questa stagione altalenante, può dare interesse all’ultima gara stagionale al Menti contro il Foggia per conquistare l’ottavo posto in classifica, un risultato non disprezzabile, considerando le vicissitudini di una stagione tribolata, ma non fallimentare, che può fare contenti i tifosi rimasti fedeli fino alla fine ai propri colori, che da anni orgogliosamente ci danno la soddisfazione della presenza anche nella coppa Italia maggiore.

Tabellino

Juve Stabia: 1 Russo, 2 Cancellotti, 3 Contessa, 4 Obodo, 5 Polak, 6 Navratil, 7 Lisi (28’ st 20 Gatto), 8 Maiorano (20’ st 18 Favasuli), 9 Del Sante (20’ st 21 Gomez), 10 Nicastro, 11 Diop. A disposizione: 12 Polito, 13 Atanasov, 14 Rosania, 15 Carillo, 16 Liotti, 17 Mauro, 19 Grifoni, 22 Mascolo. All. Nunzio Zavettieri

Lupa Castelli Romani: 1 Tassi, 2 Rosato, 3 Colantoni, 4 Di Bella (42’ st 18 Rossetti), 5 Aquaro, 6 Prutsch, 7 Ricamato (9’ st 16 Carta), 8 Maiorano (31’ st 15 Roberti), 9 Morbidelli, 10 Falasca, 11 Mastropietro. A disposizione: 12 Gobbo Secco, 13 Anderson, 14 Argento, 17 Kosovan, 19 Flores Heatley, 20 Coletta. All. Mario Palazzi

Arbitro: Luca Candeo di Este

Assistenti: Alessandro Pacifico di Taranto e Nicola Nevio Spiniello di Avellino

Marcatori: 2’ pt Nicastro (JS), 9’ pt Prutsch (LCR), 19’ pt Morbidelli (LCR), 23’ st Obodo (JS), 29’ st Diop (JS), 44’ st Nicastro (JS)

Ammoniti: Maiorano (JS), Prutsch (LCR), Rosato (LCR)

Angoli: Juve Stabia 4, Lupa Castelli Romani 4

Recuperi: 1’ pt, 4’ st

Note: spettatori paganti 478, per un incasso totale di € 3.631,00

Post precedenti «